Luna di miele nei grandi parchi d’America

Viaggio fai da te con auto a noleggio attraverso otto stati

Diario letto 43931 volte

  • di Anna Codino
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Usa ovest - i parchi nazionali: luna di miele on the road

23 agosto - 14 settembre 2014

Km totali percorsi: 7780

Itinerario: Phoenix - Bryce Canyon - Salt Lake City - Yellowstone - Cody - Jackson Hole - Arches - Moab - Deadhorse Point - Canyonlands - Mesa verde - Monument Valley - Horseshoe band - Grand Canyon – Las Vegas - Death Valley - Sequoia - Yosemite - Bodie - San Francisco.

Stati attraversati: Arizona , Utath, Idaho, Montana, Wyoming, Colorado, Nevada, California.

Costo totale del viaggio: 2800 € a testa.

Per il nostro viaggio di nozze abbiamo scelto gli Stati Uniti e deciso, anche per questa occasione, di organizzare un viaggio fai da te come nostra abitudine. Circa tre mesi prima abbiamo prenotato il volo (Genova - Phoenix e ritorno San Francisco - Genova con Air France e Delta al costo di 1024 € a testa. Un'alternativa, quella pensata con il senno di poi, sarebbe stato partire da Las Vegas). Ci siamo immersi nella lettura di numerosi diari di viaggio e delle due guide acquistate (Usa ovest: parchi nazionali - Routard e Stati Uniti occidentali -Lonely Planet : indubbiamente più utile la prima). Stabilito l'itinerario, abbiamo prenotato solo alcune delle nostre destinazioni: una notte nel parco di Yellowstone, San Francisco, Las Vegas perché vi arriveremo in un fine settimana e Moab per la presenza di un festival segnalato dalla guida che rende la città piuttosto affollata. Il resto degli alberghi verrà prenotata strada facendo con il nostro tablet, utilissimo compagno di viaggio, optando per sistemazioni fuori dai parchi indubbiamente più economiche, anche se di minor fascino. I siti utilizzati sono stati i soliti Trivago.com, Booking, Hotels.com, Expedia, Venere.com.

Sabato 23 Agosto: Genova - Los Angeles

Il nostro inizio viaggio si rivela alquanto complicato. Un ritardo nella partenza dell' aereo da Genova, ci farà perdere la coincidenza a Parigi e di conseguenza quella successiva da Atlanta. La compagnia ci propone di riprogrammare l'itinerario di volo facendo scalo a Los Angeles e ripartendo per Phoenix la mattina presto del giorno dopo, con pernottamento a spese di Air France. Accettiamo, ma a Los Angeles incontreremo non pochi problemi, visto che il personale del Costumer service sosterrà a lungo che tutti gli alberghi sono pieni e, solo dopo nostre sentite rimostranze, ci procurerà un voucher che, consegnato all'albergo, si rivelerà essere solo una prenotazione e non un pagamento effettuato. Ormai stanchissimi decidiamo di pagare l'albergo a nostre spese proponendoci di chiedere il rimborso alla compagnia al nostro ritorno.

Domenica 24 Agosto: Los Angeles – Phoenix, Phoenix - Hatch (416 miglia / 665 Km)

Proseguiamo il nostro viaggio con un aereo per Phoenix al mattino molto presto , ma i disagi continuano e arrivati in aeroporto scopriamo che, dovremmo aspettare ancora alcune ore i bagagli imbarcati erroneamente su un altro volo. Nell'attesa ci rechiamo a ritirare la nostra macchina prenotata dall'Italia sul sito www.autoeurope.com , già utilizzato in altri viaggi. Presso la società di noleggio Dollar all'aeroporto, prendiamo possesso di una Chevrolet rosso fiammante, che sarà il nostro mezzo di trasporto per 18 giorni (costo del noleggio 424 €, usufruendo di uno sconto offerto dal sito, aggiungendo il sovrapprezzo per il guidatore aggiuntivo, ed una speciale assicurazione che elimina la franchigia in caso di furto o incidente). Sono ormai le 11 di mattina quando siamo pronti per la partenza del nostro tour, ma siamo fisicamente un pò provati dalle diverse disavventure e dalle poche ore di sonno. Scegliamo di inoltrarci comunque, in direzione Bryce Canyon, come previsto, senza porci una metà, ma decidendo di fermarci quando la stanchezza diventa eccessiva. Sarà l'entusiasmo del primo giorno di vacanza, sarà la facilità delle strade percorse ( attenzione ai limiti di velocità spesso molto bassi, con la polizia parecchio presente sulle strade e pronta ad inseguirti, come nei telefilm americani se non vengono rispettati), saranno i paesaggi attraversati mutevoli e affascinanti, sarà la voglia di riscattarci dal nostro inizio disastroso, fatto sta che guidiamo alternandoci per sette ore consecutive, fermandoci a pernottare ad Hatch, minuscolo paesino ad una trentina di Km da Bryce Canyon, al motel Hatch station ( camera piccola ma bagno spazioso e pulito) per 55 $ ( il prezzo é sempre a camera e non a persona per cui se avrete la fortuna di viaggiare in quattro, i costi scenderanno parecchio se farete uso di stanze quadruple o meglio dire con due letti queen o king , che sono matrimoniali; in pratica il nostro letto singolo non esiste). Ceniamo alla vicina Steackhouse con ottime bisteccone servite con insalata, patate e zuppa ( circa 22 $ a testa)

  • 43931 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. nicka
    , 28/1/2015 00:07
    grazie infinite per questo utilissimo racconto del vostro viaggio. Ne ripercorrerò una parte a luglio con la mia famiglia e seguirò sicuramente i vostri consigli.

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social