Far West caldo: esplorando la regione dei Four Corners (e non solo)

Un viaggio che ci porterà a toccare Colorado, Arizona, Utah, Idaho, Montana, New Mexico e Wyoming, percorrendo un percorso pressoché circolare che partirà e si concluderà a Denver

  • di silvietta165
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Quest’anno è andata così. Mille motivi e mille contingenze ci hanno portato a condividere a tre un viaggione stupendo nella quindicina “calda” del mese di agosto, tra il 5 e il 20. Obiettivo: esplorare la poco conosciuta (già, forse troppo poco…) regione dei 4 corners: Great Plains and Rocky Mountains – con un passaggio nel South West per visitare la Monument Valley e il Bryce Canyon. Il viaggio ci porterà a toccare Colorado, Arizona, Utah, Idaho, Montana, New Mexico e Wyoming, percorrendo un percorso pressoché circolare che partirà e si concluderà a Denver.

5.08

Siamo in partenza. Dopo un lungo week end di litigi (della sottoscritta) con la valigia (dimensioni e relativo peso. Ndr: il tutto non doveva necessariamente superare i 20 kg… che non sono mica pochi, d’accordo, ma avete mai provato a farci stare dentro di tutto, dal piumino al costume da bagno, per una vacanza che preveda che voi siate TALMENTE versatili…?) … sono pronta. Cioè: pronti, via.

All’alba a Milano Linate, primo scalo a Francoforte. Volo intercontinentale su Detroit e da lì, con un paio d’ore di ritardo, raggiungiamo la nostra meta finale: Denver. Il tutto un po’ lunghetto e parecchio stancante, ma effettivamente al momento della prenotazione dei voli ci eravamo accorti che veniva (economicamente!) bene così, con una distribuzione su due scali.

Denver, quindi: bus dall’aereoporto, direzione centro città. E da lì trovata per caso (e aggiungerei fortunatamente, considerati dimensioni e peso della mia valigia!) una navetta gratuita che ci porta al simpatico e centralissimo Curtis Hotel, già prenotato dall’Italia per due notti.

Niente, teniamo botta e preferiamo non contare le ore da cui siamo svegli. Appoggiamo quindi zaini e valigie ed usciamo per mangiare un boccone veloce nel quartiere, nella zona di Larimer Square, giusto per non andare a letto digiuni, anche se sono le 21.30 e tra viaggio e jet lag siamo effettivamente abbastanza a pezzi.

La città, per quel che vediamo lì per lì, ci gusta parecchio: molti giovani, tutti molti cool… posticini da mangiare e da bere uno in fila all’altro – e, pare, uno più invitante dell’altro.

Optiamo per un pub molto american-style, tavoli in legno e mattoni a vista; un po’ offuscata da fame e stanchezza scelgo (a caso) dal menù i white cheddar spatzle with fresh vegetables, qualunque cosa siano. E si rivelano ottimi!

6.08

Iniziamo la giornata sotto i migliori auspici: l’ascensore dell’hotel, fischiettando, ci augura una nice morning!

Tour to Denver Downtown, 16th street. Il solito free bus ci scarrozza in giro.

Sole caldo e cielo blu: beh… in effetti ho letto che in Colorado, nonostante l’altitudine (Ndr: Denver si torva a circa 1.600 m), c’è una media di 300 giorni di sole l’anno… il meteo odierno quindi non dovrebbe avere alcunché di particolarmente eccezionale!

Entro da sola per una bibita rinfrescante al 7Eleven. Qui i turisti europei sono davvero rari: catturo immediatamente l’attenzione dei presenti alla cassa. Conosco Jim: fan del nostro cibo (…ma va?!) e del lago di Garda (“Oooh lovely Desenzano!”).

Riflettiamo che in definitiva ci piace parecchio l’idea di non avere intorno (per una volta!) troppo turismo (italiano…!) chiassoso.

… A proposito di italiani, ehm. Nell’esplorazione cittadina troviamo per caso questo “Brava Pizza”, proprio in piena downtown. Forno a legna e foglie fresche di basilico, da non credere. Il tutto servito all’aperto, all’ombra di un grattacielo. Ci catapultiamo a sedere– ma che neanche un pellegrino alla vista di Santiago de Compostela sarebbe stato più giubilante

  • 27071 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social