Stati Uniti coast to coast

Cinque coppie di amici per festeggiare le loro nozze d'argento hanno compiuto il viaggio tra le due sponde degli States percorrendo più di 9000 chilometri in auto, toccando la mitica Route 66

Diario letto 63189 volte

  • di marco23510
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 10
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

AMERICA COAST TO COAST: DIARIO DEL VIAGGIO by Valeria

Sono Marco il marito di Valeria. Con lei, che ha scritto il diario, e un gruppo di altre 4 coppie di amici abbiamo percorso gli Stati Uniti coast to coast, toccando anche la mitica Route 66. Questo diario Valeria lo ha scritto di getto narrando le nostre avventure, quindi è prevalentemente narrativo.

05/08/2014

Eccoci finalmente in partenza. E’ arrivato il giorno fatidico. Dopo i preparativi di mesi e l’idea di anni: il viaggio in America coast to coast attraverso la Route 66.

Siamo tutti cinquantenni che festeggiano i 25 anni di matrimonio, compagni di scuola del liceo scientifico di Guidonia: Valeria e Marco, ideatore ed organizzatore del viaggio, Marco e Licia (unica coppia al 26° anno di matrimonio), Felice e Antonella; e amici siciliani di vecchia data: Toni e Maria, Giuseppe e Veronica.

L’incontro è avvenuto alle 15,30 all’aeroporto di Fiumicino, presentazioni fra gli amici siciliani (Veronica è siciliana di Praga) e gli amici tiburtini e via verso il check-in; imbarco alle 19,00.

06/08/2014

Dopo una notte brava passata in una sala d’aspetto dell’aeroporto di Istanbul, un po’ stravolti, alle 7,00 saliamo sull’aereo che ci porterà a New York forniti di tutto il necessario: cuscini, libri, film e cruciverba.

Il viaggio dura 11 ore, sono molte, ma l’idea di un viaggio così lungo affrontato per la prima volta è entusiasmante. In fondo poi, tra la colazione, il pranzo, 2 film, qualche lettura, un po’ di chiacchere e un po’ di sonno, il tempo è passato abbastanza velocemente.

Alle 14 in punto arriviamo ai nostri appartamenti. Larry, il nostro locatore non c’è, dopo una ventina di minuti arriva ma le nostre stanze non sono ancora pronte; siamo un po’ dispiaciuti ma ci dice di avere un po’ di pazienza che sistemerà tutto subito. Non saranno pronte neanche alle 16, e nemmeno alle 17, né alle 18. Nel frattempo però un po’ arrabbiati e innervositi per il disagio ci siamo preparati tutti e usciamo per la nostra prima visita alla “Grande Mela”.

Decidiamo di vedere l’Empire State Building, uno dei grattacieli più alti di New York che offre la possibilità di una visione panoramica della città.

Superate le prime difficoltà sull’uso della subway, riguardante soprattutto l’acquisto dei biglietti, arriviamo sul luogo della nostra visita. La fila è lunga sia per il pagamento (decidiamo di comprare il biglietto cumulativo per diversi monumenti) che per la salita, ma ne valeva senz’altro la pena perché la veduta è mozzafiato, soprattutto per l’orario tardo che ci ha permesso di godere del panorama al tramonto quindi con una luce sufficiente per poter distinguere tutto e nello stesso tempo con la città illuminata come un presepe o meglio come un parco giochi.

La mia prima impressione è divergente dall’idea che mi ero fatta della città; io immaginavo una città tutta moderna, invece il vecchio convive perfettamente con il nuovo senza cesure né dissonanze così come il ricco con il povero, il bianco con il nero, il lussuoso con il folcloristico. La città è pulsante e piena di gente, anche se quelli che vediamo sono soprattutto turisti come noi.

Dopo una veloce cena da Mc Donald torniamo stravolti ai nostri appartamenti per un vero sonno ristoratore.

07/08/2014

Prima giornata piena a New York. Decidiamo di andare a vedere uno dei simboli non solo di New York ma di tutta l’America: la Statua della Libertà. Prendiamo la metro e scendiamo a Wall Street: siamo subito affascinati da questo pezzo di città e cominciamo a farci delle foto davanti Tiffany, alla Banca d’America e alla Borsa. Andiamo poi alla ricerca del Toro simbolo della crescita della Borsa per un altro rush fotografico

  • 63189 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social