Dalla Big Apple alla Big Easy!

Dalla Grande Mela fino alla "culla del jazz", attraverso le "Country Roads" della Virginia e le due grandi roccaforti del roots-rock americano!

Diario letto 18347 volte

  • di Magobedo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro

Qui abbiamo pernottato in un albergo di nome “Society Inn”, che cito solo per sconsigliare vivamente. La posizione è ottima (è nel cuore dell’ Old City), la struttura da fuori è anche caratteristica, ma dentro è davvero un po’ indecente. Anche il servizio lascia a desiderare.

New York

Che dire di New York? Semplicemente bellissima, grandissima, incredibilmente e inaspettatamente “ariosa”, nonostante i suoi alti grattacieli e la sua spaventosa grandezza. E poi i suoi meravigliosi musei, le belle zone residenziali dell’ Upper East e Upper West Side, il Midtown, i vivacissimi quartieri di East Village e Greenwich Village (anche qui, ottima musica dal vivo), il Central Park, il ponte di Brooklin (e la passeggiata lungo fiume dell’ omonimo quartiere, rimirando sull’ altra sponda lo skyline di Manhattan), lo stesso skyline osservato nella notte dalla cima dell’ Empire State Building…non mi dilungherò neanche troppo per raccontarvi quanto è meravigliosa New York, e che esperienza totalizzante sia visitarla, perché questo lo scoprirete da voi andando laggiù. Preferisco semmai fornire alcuni consigli pratici.

Pernottamento:

Noi abbiamo pernottato nella Upper East Side, una zona residenziale molto bella lungo il lato destro del Central Park. In realtà, comunque, qualsiasi quartiere di Manhattan può andare benissimo, eccetto Chiantown, ma giusto perchè di sera diventa desolata e triste. Comunque, ovunque pernottiate, sappiate che vi toccherà spostarvi sempre in metropolitana (sicura e comodissima) o in taxi (molto più economici che da noi), perché le distanze sono quelle che sono. Le sistemazioni sono generalmente care. Una soluzione alternativa agli alberghi, e spesso più economica, possono essere gli appartamentini in affitto, se siete in 4. Ce ne sono tantissimi, molti belli, e vengono affittati anche per poche sere. Noi abbiamo fatto così.

Spostamenti: come dicevo la metropolitana è efficiente, sicura e comoda.

Sicurezza: in cinque giorni e cinque notti nella città non ho mai avvertito tensione.

Durata minima consigliata della visita: minimo 5 giorni.

Consigli personali:

1) fate la New York City Pass, una tessera d’ accesso a tutte le maggiori attrazioni della Grande Mela! Costa circa 80 dollari se non ricordo male, ma sono soldi che spenderete comunque se avete intenzione di visitare tutti gli importanti musei cittadini e concedervi un giro in battello fino alla Statua della Liberta o attorno a Manhattan… il vantaggio di possedere una City Pass sta però nel fatto che dà l’ opportunità di accedere a queste attrazioni saltando le code! (Fate conto per il Moma e la Statua della Libertà spesso sono oceaniche!)

2) Non perdetevi il giro di 3 ore in traghetto attorno a Manhattan e la salita sull’ Empire per ammirare il panorama: sono due esperienze molto belle.

3) Un traghetto gratuito collega la punta di Manhattan con Ellis Island. Senza spendere un soldo attraverserete la Upper Bay con viste bellissime su Mahnattan e la statua della libertà. Approfittatene!

4) Se vi piace la musica, non abbiate paura di spingervi una sera fino ad Harlem per sentire del grande jazz…il quartiere ci è sembrato sicuro, quanto tutto il resto di Manhattan.

Shenandoah National Park

Leggere un libro sulla piccola veranda, vista bosco, di uno spartano chalet di legno, mentre un cerbiatto zampetta tranquillo a pochi metri da voi, brucando l’ erba qua e là; gradevoli passeggiate che portano a piccole cascate o a suggestivi panorami, durante le quali verrete accompagnati da coloratissime farfalle e sarà facile incontriate altri piccoli gruppi di cervi che vanno ad abbeverarsi lungo un fiumiciattolo; un grande lodge di legno con un’ accogliente “stanza comune” dove la sera si legge, si gioca con giochi in scatola, mentre un cantante country canta classici popolari attaccato alla sua chitarra…questo è ciò che sicuramente troverete se vi fermerete qualche giorno al Big Meadows Lodge, nello Shenandoah National Park.

La struttura dispone anche di una zona campeggio e di un ristorante che propone (pesantissime!) specialità della zona

  • 18347 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Magobedo
    , 3/9/2010 11:56
    Un errata corrige: il battelo gratuito di cui parlo nella parte dedicata a New York, raggiunge Staten Island, non Ellis Island.
    Il luogo di partenza si trova nei pressi di Battery Park, sulla punta di Manhattan.

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social