Alaska: The Last Frontier

DA SAPERE… - organizzare un viaggio in Alaska potrebbe non essere semplice. Su internet troverete abbastanza materiale ma i tempi per i contatti saranno lenti, sia per via del fuso orario (9 ore) che per la “pigrizia” che abbiamo riscontrato ...

Diario letto 13160 volte

  • di pensierizen
    pubblicato il
  • Viaggiatori: fino a 6
 

DA SAPERE...

- organizzare un viaggio in Alaska potrebbe non essere semplice. Su internet troverete abbastanza materiale ma i tempi per i contatti saranno lenti, sia per via del fuso orario (9 ore) che per la “pigrizia” che abbiamo riscontrato nella maggior parte dei casi.

- gli eschimesi vengono chiamati Inuit o Eskimo. Si usa il termine nativi o indigeni quando ci si riferisce in generale alle etnie presenti in Alaska.

- il fenomeno definito SMOKE a Fairbanks potrebbe limitarvi in molte escursioni ed è praticamente sempre presente in estate

- in estate le temperature diurne possono arrivare anche a 25°, in prossimità dei ghiacciai attorno ai 5° mentre le ore di luce variano tra le 16 e 20 (procuratevi una mascherina per dormire).

Il clima è particolarmente mutevole. Puó essere paragonato a quello montano estivo italiano

È opportuno avere con sé:

Giacca o giaccone impermeabile versione pesante e leggera di maglione o pile mantella per la pioggia calze calde e di cotone scarpe comode da trekking leggero, meglio se impermeabili scarpe comode (tipo sneakers in pelle) foulard o bandana e sciarpa per i ghiacciai occhiali da sole scuri. Binocolo cappello per il sole (meglio se equipaggiato di retina per gli insetti) e, se freddolosi, di lana sempre per i ghiacciai protezione solare alta lozione repellente per gli insetti

DA NON PERDERE...

- un giro in bicicletta ad Ancorage per vedere le maree - una crociera a Glacier Bay N.P., un susseguirsi di spettacolari ghiacciai, il silenzio assoluto e una natura da togliere il fiato - il parco nazionale di Gustavus, per l’osservazione delle balene - la Seward Hwy, una strada molto bella e panoramica lunga 200km, merita il titolo di National Forest Scenic Byway. Attenzione e prudenza nella guida però.

CURIOSITA’...

- gli igloo che spesso vengono associati all’Alaska, sono in realtà presenti solo in Canada - le zanzare possono rivelarsi veramente fastidiose e numerose nel Nord del paese, intensificato dalla tundra umida e i numerosi laghi. - la cucina locale propone sempre il salmone, purtroppo cucinato nelle sole due varianti che conoscono: alla griglia e al forno. In alternativa potrete mangiare halibut (sogliola dell’atlantico) o granchio gigante. I prezzi non sono mai a buon mercato. - se vi aspettate un’ Alaska incontaminata e selvaggia, la avrete ma solo per ciò che riguarda la forza della natura, per il resto troverete uno stato americano doc. - gli orsi polari bianchi sono praticamente introvabili, con rarissime eccezioni per il nord del paese e vivono sul pack. Incontrerete facilmente l’orso nero americano, di taglia più piccola del grizzly. - gli europei sono veramente rari da incontrare in Alaska, non meravigliatevi quindi se ai posti di blocco, in aeroporto, alla frontiera, si mostrano sospettosi e aumentano i controlli solo con voi.

8 AGOSTO, lunedi Milano, Anchorage All’arrivo in aeroporto scopriamo che il nostro volo delle h1100 è in ritardo di 4 ore. Il contrattempo ci farà perdere la coincidenza e ci obbligherà ad una sosta per la notte ad Atlanta, per cui l’arrivo ad Anchorage per le h 2130 verrà posticipato a domani pomeriggio. Per fortuna avevamo previsto un giorno di relax per l’adattamento al fuso orario per cui, nessun programma verrà saltato.

9 AGOSTO, martedi Atlanta, Anchorage Dopo un risveglio all’alba e una colazione tipicamente USA da Danny’s, la navetta dell’hotel ci riporta in aeroporto.

Arriviamo ad Ancorage nel pomeriggio. Stanotte pernottiamo in un bed & breakfast, l’Oscar Gill House www.Oscargill.Com. Una casa storica del 1913 diligentemente restaurata, famosa per le fantastiche prime colazioni e gli ottimi prodotti da bagno e...Le calde trapunte. I proprietari sono molto cordiali. Ci rilassiamo in giardino mangiando more selvatiche e iniziamo la visita della cittá. Cena al Glacier BrewHouse, ottime birre e grigliate di carne o pesce

  • 13160 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social