La vacanza nel Pais Vasco? Desfrutala!

Il rituale della partenza è stato rispettato. Ore 0.30 secondo programma siamo a Carpi da Giacomo, in precedenza abbiamo già fatto una prima sosta al Griffin's per "caricarci" prima della partenza e per svendere in extremis alla Tania l'architetto carpigiano. ...

Diario letto 1506 volte

  • di Fabio Borghi
    pubblicato il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro

Il rituale della partenza è stato rispettato. Ore 0.30 secondo programma siamo a Carpi da Giacomo, in precedenza abbiamo già fatto una prima sosta al Griffin's per "caricarci" prima della partenza e per svendere in extremis alla Tania l'architetto carpigiano.

Il viaggio, decisamente tranquillo e senza intoppi, segna subito Manica che dopo 300 km va in berserk, smette di parlare, pensare e respirare, è un tutt'uno con il coche* le mani vengono inglobate dal volante ed i piedi ai pedali, solo dopo 600 km siamo riusciti a liberarlo dal posto di guida ed a fargli riprendere conoscenza.

Intanto durante l'attraversamento della Francia una domanda ci perseguita, cosa significa il cartello "trop pres, trop tard"? Un monito? Una maledizione? Una premonizione? Ai Postres** l'ardua sentenza.

Avvicinatici ai Pirenei ed al termine del nostro viaggio, facciamo un incontro che cambierà radicalmente la nostra vita. Avvistati per primo dal Nonno sbucano saltando altissimi da un campo di Grano uno sciame di Rolfi, sono per la precisione Rolfi comuni (o vulgaris) di campo che però allietano il nostro viaggio accompagnandoci in volo e di corsa fino alle porte di San Sebastian o Donostia.

*Coche: dallo spagnolo automobile, trattasi di Renault Espace turbo diesel JTD extream racing dual shock common rail gran turismo cool injection ABS EBS UCLA FBI coi controcazzi e alettone one one **Postres: dallo spagnolo dolce, trattasi di tormentone della vacanza è consentito l'uso di questa parola in qualsiasi situazione con qualsiasi significato, meglio se usata a sproposito Dia 1: Arrivo in quel di San Sebàstian o San Sebastiàn o Donostia o Donostìa.

Appena arrivati abbiamo dovuto fare i conti con il traffico cittadino e la mancanza di "usta" dei locali: chi fa retromarcia contro un immancabile paletto riuscendo miracolosamente ad incastrare il proprio camion sopra il paracarro e pensa di liberarlo facendo roteare la gruetta del mezzo e chi vuota le campane del vetro da altezze siderali in un furgone semi aperto.

La divisione della camere e dei letti è avvenuta incredibilmente senza polemiche e nella massima democrazia.

Ci siamo così divisi: nella camera numero 2 (un numero un destino) io (ovviamente), Claudio e Giacomo, nella 7 Manica ed il Nonno.

Dopo un primo contatto con la città ed il suo "splendido" clima, abbiamo gozzovigliato tra pintxos e cagne (cosa pensate! Sono birrette alla spina) ci siamo messi alla ricerca della movida.

Nel frattempo Ric si è tranquillizzato perché è riuscito a chiamare per la quarta volta la Giulia ed ha trovato il famoso internet point per mandare una mail alla Giulia e per scrivere sul forum della Villa un post alla Giulia.

Ormai perse le speranze di trovare già la prima sera la mossa, ritornati nel nostro barrìo, la sorpresa! Le strade sotto la nostra pensione sono il centro della vita notturna Donostiese! Birretta a little Italy (tutti italiani maghi ed ubriachi) e poi a letto che domani sarà una dura giornata.

Dia 2: I tempi della giornata sono dettati dalla classica di San Sebastian o San Sebastìan. Colazione con la partenza, pranzo in concomitanza con la "salitella" Jaizkibell e digestione mentre Jalabert tagliava per primo il traguardo.

A pranzo (solo 34 €) simultaneamente ci siamo innamorati tutti (tranne Ric) di "Linda", tale top model che per hobby serve ai tavoli di un ristorante al porto, unico difetto (secondo Ric) culo schiacciato, culo schiacciato?! La sera, come consuetudine, si è diramata tra le vie della zona vieja tra birrette e maledetti pintxi (pinci) e la conoscenza di Xavier, un ultra ottantenne ex commilitone del Nonno che ha pattuto il record di bevute per il sessantesimo anno consecutivo

  • 1506 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social