Quattro vecchi amici a Sofia

Sofia, capitale tutta da scoprire

Diario letto 18083 volte

  • di Vasarina
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Fino a 500 euro
 

28 Dicembre (mercoledì)

Ore 10,00 partenza per Sofia dal terminal 3. Al check-in F.co fa notare che i bulgari parlano come i bergamaschi. P.: de hura o de hota? Domanda: perché se il volo è Alitalia non si parte dal terminal 1? La risposta è davanti ai nostri occhi… Air Bulgaria, l’aereo è una “papera”! M. pensava che dopo Cuba non potesse trovare altri aerei rattoppati ma la realtà è evidente. L’interno odora, anzi puzza, di plastica arroventata. Durante il decollo… P.: l’aereo gira pure. F.co: lo lanciano con l’elastico. P. : il capitano sta a dì il rosario (annunci in bulgaro) F.co: dai, dai, stanno a caricà l’elastico! Siamo decollati; volo tranquillo, personale cortese, cielo limpido e atterraggio da manuale. L’aeroporto Letiste Sofija è nuovo (ex aeroporto militare tedesco). La sigla della Bulgaria è BG… vedi che sono gemellati con Bergamo! Prendiamo il taxi e arriviamo all’Hotel Lion (si pronuncia lion) 3 stelle S. Reception sopra ai gradini d’ingresso e l’incaricata si vede solo se fai ..buh, buh, settete! Camere spaziose, letti con i caratteristici piumini, bagno senza prese, tutto un po’ vecchiotto. Le nostre camere hanno la vista… sul cantiere della metropolitana ma anche sul ponte sopra a “non si sa che cosa”, (ex fiume, torrente, ruscello) con statue di leoni. Con M. abbiamo deciso che d'ora in poi solo alberghi a 4 stelle, specialmente nei paesi dell’est. A F.co e P. la cosa non interessa, l’importante che il posto sia decoroso e pulito, preferiscono spendere soldi in altre cose. Iniziamo il nostro tour de force, sicuramente non ci faremo scappare niente. Strade ampie, palazzotti stile triste (ex comunista), marciapiedi divelti, traffico abbondante... questa è la prima impressione! Dopo circa 300 m c’è la Moschea (Banya Bashi) e a pochi metri la Cattedrale di Santa Domenica (Sveta Nedelya). Stile e rito ortodosso accogliente anche se un po’ buia. M. ed io accendiamo delle candeline nella sabbia, in basso (per i cari venuti a mancare). Pensiamo di scoprire il centro con palazzotti antichi e piccole strade... niente da fare, Sofia è come si è presentata all’uscita dell’hotel. Siamo fiduciosi, piano piano scopriremo le sue gemme. Carinissimo è il piccolo centro commerciale con caffè e tipici negozi bulgari (Central Hali Shopping Centre). Ricordini vari. San Giorgio a’ Cremano detta anche Rotonda di San Giorgio (Sveta Georgi). Piccola, accogliente. Tre segni della croce con tre inchini di fronte all’Iconostasi, l’accensione delle candele sono i tipici comportamenti del rito ortodosso; sappiamo anche che le messe durano circa quattro ore ma a queste abbiamo rinunciato! La chiesa è racchiusa, come in un grande cortile, tra vari palazzi. Piazza City Garden con vicino il Palazzo Presidenziale ed il Museo Archeologico. Fotografiamo la fontana vuota ma arredata con luci e scritta in cirillico. Fa freddo e ci ripariamo dentro al centro commerciale Tsum Retail Centre dove ci accoglie la slitta di Babbo Natale. E’ molto simile ai nostri centri, acquistiamo le palle di Natale (trasparenti con il villaggio dipinto in bianco) foto vietate... ah, ah, ah! Non avendo pranzato andiamo al ristorante Eko, lungo la strada che ci porta in albergo. Siamo in pochi, i tavoli di legno hanno tovaglie colorate, il cameriere gentile, la cucina a vista. L’attesa è un po’ lunga secondo le “fregole italiane”, ma M. dice che tutto è fatto al momento; ha ragione. I piatti di carne sono gustosi e abbondanti, accompagnati dall’immancabile birra Zagorka (mariti: piatto di carne varia alle verdure, mogli: filetto al pepe). Slivenska Perla (acquavite alle prugne) per finire

  • 18083 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. kokice
    , 26/2/2013 17:54
    la Bulgaria è il paese più povero nel EU, quindi cosa vi aspettavate andando lì...montecarlo?

    si è vero , gli italiani turisti non danno la mancia,neanche voi con 11 leva lasciati alla cameriera (equivalenti a 5 euro) avete fatto una gran bella figura.

    per quanto riguarda i voli, wizzair vola da diverse città italiane ,tutti giorni per sofia - basta informarsi.

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social