Otto giorni tra Slovenia e Croazia

Un mix di cultura e relax passando per le grotte di Postumia e Lubiana, tuffandosi nelle limpide acque di Pirano e ritornando indietro nel tempo a Pola, in Istria

Diario letto 40049 volte

  • di ireste
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Quest’anno io e il mio ragazzo abbiamo abbandonato la nostra beneamata Italia per concederci una vacanza all’estero e dedicarci all’esplorazione di Slovenia e Istria. Ovviamente abbiamo usato la nostra auto per tutti gli spostamenti, e abbiamo preferito non rischiare la sorte ma prenotare tutti gli alberghi per tempo.

1° giorno

Si parte! Convinco il mio ragazzo a una partenza “intelligente” e alle 6:30 partiamo da Pavia. La prima meta sono le grotte di Postumia, in Slovenia. A parte un piccolo contrattempo ( hanno chiuso l’autostrada poco prima della nostra uscita, costringendoci a tentare la sorte nelle strade slovene decisamente carenti di indicazioni), arriviamo a Postumia per ora di pranzo. Le grotte non ci deludono, grazie anche a una simpaticissima guida locale. Quello che ci delude un po’ è il complesso costruito attorno alle grotte, decisamente troppo turistico, un vero inno al consumismo!

Nel biglietto era inclusa anche la visita al castello di Predjama e alle sue grotte: ne approfittiamo e rimaniamo davvero incantati! Il castello, scavato nella roccia, è molto ben conservato, e le grotte sono decisamente meno turistiche e più avventurose: torce artigianali alla mano, ci arrampichiamo su scalette a prova di vertigini e osserviamo i pipistrelli, veri abitanti delle grotte.

Un po’ stanchi ma soddisfatti riprendiamo il nostro viaggio fino a Lubiana, dove abbiamo prenotato un B&B proprio accanto al ponte dei draghi, simbolo della città. In realtà, il B&B si rivela essere una delusione: invece di trovarci a casa di una persona, veniamo indirizzati verso una palazzina a due piani, appena ristrutturata (e non ancora finita...) piena di stanze, tipo una pensione.

Lubiana ci conquista subito: alla sera facciamo un lungo giro sulle rive del fiume, vero cuore della città, ascoltiamo diversi pianobar e ci lasciamo coinvogere nel clima multietnico e festaiolo, passeggiano da un ponte all’altro.

2° giorno

La perturbazione Beatrice lascia il segno: ci svegliamo sotto il diluvio (e freddo), che proseguirà a fasi alterne tutto il giorno. Pazienza, decidiamo ugualmente di visitare il castello, da cui si gode una bella vista della città, dove apprendiamo un po’ della storia della città. Nel pomeriggio, grazie a una momentanea tregua di pioggia, giriamo tra le vie, percorriamo tutti i tipici ponti di Lubiana, visitiamo alcune chiese e notiamo, con un po’ di disappunto, che alla domenica quasi tutti i negozi sono chiusi.

3°giorno

Ci svegliamo presto e approfittiamo di un paio d’ore per fare un po’ di shopping nei negozi finalmente aperti, poi salutiamo Lubiana e ripartiamo alla volta della costa, destinazione Pirano. Dopo un po’ di coda in autostrada, causa lavori in corso, arriviamo per ora di pranzo nella ridente cittadina di Pirano, autentico gioiellino in cui tradizione e turismo hanno trovato il perfetto trade d’union. L’atmosfera calda e ospitale, il sole e il mare splendido ci conquistano da subito, mentre mangiamo in una terrazza proprio affacciata sul mare. Il nostro hotel (dato che è solo per una notte, ci trattiamo bene) è affacciato su piazza Tartini, cuore del paese, con una vista fantastica. Al pomeriggio ci rilassiamo su una delle piattaforme di cemento che fanno le veci della spiaggia. La sera ceniamo in un elegante ristorante con vista sul mare, da dove si vede una buona parte della costa, e ci riproponiamo di fare un giro esplorativo per la città.

4° giorno

Via all’esplorazione di Pirano! Il centro è piccolo e, dopo un giro fino alle mura e la visita alla chiesa di San Francesco, decidiamo di prendere il trenino turistico che ci porta fino alla vicina Portorose. Tanto Pirano era carina e caratteristica, così Portorose è all’insegna del lusso e del consumismo turistico, infatti restiamo un po’ delusi e cambiamo i programmi, rientrando per pranzo a Pirano

  • 40049 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social