A Pasqua, ma non solo

A Siviglia per la Semana Santa. E per flamenco, tapas, casetas e storia

 

La stagione è propizia: a Siviglia c’è la famosa Feria de Abril (23-28 aprile), una delle manifestazioni che più ci hanno colpito nel mondo. Ne abbiamo parlato più volte, sul sito e sulla rivista. E ne abbiamo anche fatto tre puntate che andarono in onda a suo tempo su Rai Tre.

Siviglia è stato un viaggio molto bello: il flamenco, le tapas, le casetas. In pratica per una settimana la piazza si riempie di stand (casetas, appunto), ognuno dei quali è promosso da una famiglia, da un’azienda o da un’istituzione. Si balla, si beve e si mangia. Le più allegre sono quelle dei Gitani, che qui rappresentano una minoranza etnica e culturale importante. Le strade (15 giorni dopo la Settimana Santa, ancora ricoperte dalla cera delle candele delle processioni), sono piene di gente e di sfilate (ad esempio, quella delle carrozze d’epoca) e i locali tipici (le famose tapas che poi sono state copiate in tutto il mondo), sono stracolmi. Purtroppo sono pieni anche gli alberghi. Ma questo è certamente un periodo buono per visitare in generale l’Andalusia, che gode di un clima primaverile invidiabile.

Siviglia è anche la città della Carmen di Bizet (c’è un monumento davanti alla Plaza de Toro), è la città dell'Esposizione Internazionale Iberoamericana del 1929 e successivamente dell’Expo del 1992, che hanno lasciato palazzi e ville architettonicamente interessantissimi. Se visitate i monumenti, non potete ignorare la storia che li ha generati. La Giralda e la Cattedrale (dove c’è il Mausoleo di Colombo con i giapponesi che gli toccano il piede perché pare porti fortuna) sono un esempio chiaro: prima era una moschea, poi è diventata la terza chiesa più grande del mondo. Il fatto è che dal 700 d.C. qui sono arrivati gli arabi, che hanno riempito l’Andalusia di monumenti e università. Poi, dalla metà del 1200, sono arrivati i cristiani che, ovviamente, hanno perseguitato i musulmani e trasformato le moschee in chiese. Ma per secoli qui si sono mischiate le tre culture (cristiana, araba, ebrea), finché non sono arrivati i cristianissimi re di Spagna: dalla fine del 1400 fine della festa e Siviglia è diventata la capitale dell’Inquisizione. Ma dopo la scoperta dell’America la città si è sviluppata moltissimo: è diventata, in esclusiva, il centro commerciale che smistava le merci in arrivo dall’America, finché la peste e l’impantanamento del fiume Guadalquivir (alla fine del 1600) non l’hanno condannata a un periodo di decadenza. Siviglia è anche la città dei 3 mila morti trucidati dai fascisti di Franco tra il 1936 e il 1937.

Noi siamo andati anche nei quartieri periferici, dove abitano i gitani, che ci hanno accolto in casa. E, naturalmente, abbiamo ficcato il naso nelle tante scuole di flamenco. Se andate a Siviglia, passate il ponte sul Guadalquivir e cercate del locale dell’Anselma: se c’è ancora, passate una serata in uno dei posti più tipici e tradizionali della città. Buon viaggio...

Parole chiave
, , ,
  • 3138 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social