Siena e dintorni on the road

Alla scoperta di uno dei paesaggi più belli d'Italia tra città, borghi medievali e crete senesi

Diario letto 20630 volte

  • di Auri&Fede
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Siamo un'allegra famiglia di viaggiatori, due studenti e due genitori con la passione per la Toscana. Quest'anno finalmente decidiamo di partire per una delle sue province più belle: Siena e i suoi dintorni. Partiamo quindi da Campodarsego (PD) di buon'ora.

Usciti dall'autostrada a Firenze ci fermiamo per una breve sosta di colazione nelle zone di Grassina. In tarda mattinata raggiungiamo una delle nostre mete predilette, Certaldo, l'antico borgo nonché paese natale di Boccaccio. Ad accoglierci è infatti la sua imponente statua situata nella piazza. Da lì decidiamo di provare la funicolare che ci permette di raggiungere la parte più vecchia del posto alla modica cifra di 1,30€ a testa. Passeggiare nella Certaldo alta è veramente suggestivo. Per il pranzo sostiamo ne La Bottega di Chichibio, un'ottima trattoria dai sapori tipici di Siena. Nel pomeriggio proviamo a dirigerci a San Gimignano, ma risulta impossibile parcheggiare la macchina e decidiamo perciò di proseguire verso un'altra delle nostre mete: Volterra. Una cittadina dal fascino medievale, una sorpresa accompagnata dalla conoscenza di una nostra compaesana trasferitasi lì anni addietro e proprietaria di una bottega d'arte pazzesca. Fermatevi da Vanna Spagnolo (Galleria Colpa del Vento) perché come ritrae lei il paesaggio senese non c'è nessuno. Ormai a pomeriggio inoltrato ci dirigiamo verso il nostro albergo, passando per Colle Val d'Elsa, tra una creta e l'altra. Arriviamo in tarda serata all'Hotel Borgo Antico, a Lucignano d'Arbia.

Il nostro secondo giorno a Siena comincia con la visita di un borgo assai piccolo situato sull'apice di una colline proprio a due passi dal nostro hotel: Curiano. Inutile dire che anche lì la vista era magnifica e facciamo la conoscenza di un architetto che ci consiglia di visitare Buonconvento. Partiamo dunque alla volta della cittadina consigliataci, per poi proseguire con la visita di Montalcino, un bel borgo per gli amanti del vino. Usciti da Montalcino e diretti a Pienza percorriamo la strada più bella di tutto il viaggio. Le crete sono una tavolozza di colori in movimento, il verde richiama il moto delle onde, il giallo brilla al sole ed il blu del cielo amplifica il grigio della terra senese appena arata. In questo tripudio di colori è un piacere perdersi, l'occhio non sa dove soffermarsi tanta è la bellezza di queste colline. Proseguendo il cammino immersi in questo dipinto, ci fermiamo a Pienza per il pranzo, decantata da tutti per la sua bellezza e per il suo pecorino. Al nostro arrivo non troviamo ne agriturismi ne case-fattorie, molto trafficata, l'unico scorcio sul paesaggio è possibile grazie ad una terrazza panoramica. Un po' delusi da questa cittadina patrimonio dell'UNESCO, partiamo alla volta di Montepulciano, apprezzatissima dal papà viticoltore. Fermatevi a comprare qualcosa di tipico al Pulcino Porta Di Bacco perché ne vale la pena. Seguendo la via pedonale ci fermiamo a fare aperitivo con del buon vino della zona all'Enoteca La Dolce Vita. Per la cena ci aspetta una sorpresa a dir poco incantevole: Bagno Vignoni con la sua fantastica piazza. Vi consigliamo di mangiare in uno dei ristorantini vicino alla piazza, alla fine i prezzi sono gli stessi ma almeno godrete di una visuale senza precedenti

  • 20630 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social