Sicilia, bella sconosciuta

Tour della parte occidentale dell'isola, da Trapani a Marsala

Diario letto 25323 volte

  • di dodinoni
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro

Per delle viaggiatrici incallite è di certo una vergogna non essere mai state in Sicilia… dunque decidiamo di rimediare ed approfittiamo di un convenientissimo volo Ryanair Perugia – Trapani per cominciare a colmare le lacune.

Abbiamo solo una settimana, dunque ci limiteremo a visitare la punta occidentale dell’isola. La prima sera restiamo in centro a Trapani, ci godiamo subito un bel bicchiere di vino bianco siciliano, una cena di freschissimo pesce e un’immancabile granita (presa da Colicchia). L’indomani facciamo colazione sulle Mura di Tramontana, con una “guantierina” di ottimi dolci tipici e di fronte a noi il mare ed Erice sullo sfondo. Visitiamo poi tutta la zona costiera e il caratteristico mercato del pesce, in attesa di prendere l’aliscafo per Favignana.

Prima di inforcare le nostre bici a noleggio, ci mangiamo il primo “pane cunzatu” della vacanza e via verso il Lido Burrone. La giornata è umida e grigia, ma l’acqua cristallina ci invita comunque a fare un bagno. Decidiamo poi di tornare in paese e visitiamo la tonnara Florio, bellissimo esempio di archeologia industriale ben recuperata. La nostra guida è piena di entusiasmo e al grido di “amoninni picciotti” ci trascina per la tonnara, svelandoci i suoi segreti. Come abbiamo constatato di recente a Monterey (California), sono ben chiari gli effetti dell’eccessivo sfruttamento delle risorse: lì erano sardine, qui erano tonni, il risultato è che gli abusi portano all’estinzione e alla chiusura di fiorenti attività.

La visita potrebbe durare molto più a lungo, volendosi fermare a vedere i cruenti video delle mattanze oppure ad ascoltare le testimonianze degli ultimi “tonnatari”, ma è tempo di riconsegnare le bici e prendere la nave per rientrare sulla terra ferma. Stasera ceniamo in un piccolo locale, molto caratteristico e con dei piatti piuttosto buoni (Hostaria S. Pietro). Passeggiata digestiva per il centro storico, ascoltiamo un po’ di musica neo-melodica su Via Garibaldi (hit più acclamata dal pubblico la pizzica “ci vorrebbe ‘na zitella”!) e via a nanna.

Lasciamo Trapani, prendiamo la nostra macchina a noleggio da Hertz (molto conveniente se presa in città invece che in aeroporto, prepagandola on-line) e partiamo alla volta di Erice. Questo bel paese medievale arroccato sulla montagna supera le nostre aspettative: molto integro, molto turistico e curato, ma ancora piuttosto autentico. Facciamo l’immancabile abbuffata di dolci da Maria Grammatico, di cui però ci convincono solo le sue creazioni di pasta di mandorle ripiene di marmellata di cedro. E per smaltire le calorie accumulate ci giriamo tutto il borgo: dal giardino del Balio, al castello Pepoli, ai ruderi del castello di Venere fino alle mura puniche e al quartiere spagnolo. La giornata non è limpidissima, ma anche attraverso la foschia ci godiamo le vedute di Trapani e le sue saline da un lato e il Monte Cofano e la costa fino a San Vito Lo Capo dall’altro.

A questo punto ci meritiamo una pausa: ci sediamo nella bella piazzetta San Domenico e ci mangiamo la nostra prima arancina siciliana accompagnata da un bel bicchiere di birra ghiacciato!

Dopo aver comprato un paio di magliettine “pizzo-free” e un tappeto tessuto al telaio, riprendiamo la macchina e puntiamo verso San Vito Lo Capo. Lasciamo i bagagli nel coloratissimo b&b la “Perla del Sud” e corriamo alla bellissima spiaggia per un bagno al tramonto. Stasera c’è l’anteprima del Cous Cous Fest e questo ci permetterà di goderci con calma gli stand e gli assaggi di cous cous, cosa che l’indomani con l’inizio del festival e l’arrivo di orde di turisti non riusciremo a fare. Ci piace in particolare l’atmosfera della tenda berbera sulla spiaggia e un cannolo con crema al pistacchio veramente “da urlo”. Il giorno dopo abbiamo finalmente una giornata più soleggiata e decidiamo di prendere due lettini e goderci la spiaggia e soprattutto l’acqua cristallina

  • 25323 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social