Bedda matri, la Sicilia con amore

Dalla Scala dei Turchi a San Vito Lo Capo

Diario letto 15639 volte

  • di Cristina e Roberto
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

“Bedda matri”, gli innamorati. Noi. Abbiamo scelto la Sicilia per la nostra prima vacanza insieme: un mix di storia, sole e gente accogliente. Eh già, proprio come noi. Siamo emiliani e l'Emilia è una terra dal cuore grande, dalla esse che scivola e dalla zeta che proprio non riusciamo a dire. Ma è la terra dove la gente spesso sorride, ti accoglie a braccia aperte e si fa in quattro per darti una mano. Ecco perché, appena atterrati a Birgi (Trapani), ci siamo sentiti a casa: abbiamo definito i siciliani “emiliani con la parlata diversa”. E a loro, a quelli con cui abbiamo avuto modo di scambiare quattro chiacchiere, questa definizione è piaciuta. Tanto. Soprattutto ai ragazzi che gestiscono la Locanda del Castello a Sciacca. Ah già, Sciacca. Piccolo particolare: cercate di evitare il centro se ci andate. Si è perso anche il navigatore! “Gira a destra” diceva mentre eravamo a bordo della Panda nuova di pacca, noleggiata in aeroporto. “Ma come? Lì ci sono una scalinata e la porta di una casa”, rispondevamo. Dopo un continuo girovagare in lungo e in largo per il paese, giù al porto o su per viuzze anguste, siamo giunti al nostro B&B. Carino, accogliente. Un vecchio frantoio ristrutturato di recente.

Sciacca. Come mai direte voi? Non è una di quelle località turisticamente più note dell’isola, questo è vero. Ma racchiude in sé tutto il fascino della Sicilia che ti aspetti: le case vicinissime una all’altra arroccate su un promontorio, le porte sempre aperte, i panni stesi alla finestra, la gente che si dà voce mentre i bambini giocano in strada. Tutti che si conoscono e il mare è lì, all’orizzonte. Pare un po’ che il tempo si sia fermato a Sciacca. E questo la rende affascinante. In più è esattamente a metà della costa ovest, un dettaglio non da poco: un’ora e mezzo e sei a Trapani, un’ora e mezzo e sei ad Agrigento. E’ diventata la nostra base per cinque giorni iniziati con un tuffo in mare, nella spiaggia di Capo San Marco, seppur non semplice da raggiungere per la quasi totale assenza di indicazioni stradali. Ci abbiamo trascorso il primo pomeriggio: la voglia di spaparanzarci al sole ha avuto la meglio. Poi la serata, giù al porto ci siamo rilassati con una cenetta vista mare, circondati dai gabbiani in volo e dal rumore delle onde. “Ecco – ci siamo detti – siamo in vacanza”.

Siccome la storia ci affascina, la prima tappa del nostro tour non poteva che essere Agrigento con la sua incantevole Valle dei Templi. Prima di arrivarci però era d’obbligo la Scala dei Turchi, una scogliera di roccia calcarea e bianchissima che si erge tra due spiagge di sabbia fine. A picco lungo la costa di Realmonte, pare proprio una scalinata. A piedi si può raggiungere senza difficoltà la parte più alta e da lì un gioco di colori fa brillare gli occhi: il blu del mare e l’azzurro del cielo sono intervallati dal bianco lucente della roccia. Uno splendore. Si dice che in zona, in passato, fossero solite le incursioni di pirati saraceni, genti arabe e, per convenzione, turche, che poi trovavano riparo qui. E come dar loro torto!

Via, si riparte. Agrigento ci attende, la Valle ci attende. I Templi sono uno spettacolo da mozzare il fiato, un susseguirsi di emozioni, un tuffo nel passato. Sembra di rivivere la storia studiata a lungo sui libri di scuola. Ci si perde tra quelle costruzioni meravigliose, ci si perde tra quelle piante di ulivo millenarie. E' questa l'antica Akragas. Semplicemente, fascino. Ogni tanto si alza lo sguardo verso la nuova città. I palazzoni che spuntano un po' ovunque stridono con l'area archeologica in cui ci troviamo. Ma è così, purtroppo. E pare tardi per riuscire a fare qualcosa. Dopo un lungo girovagare e tantissime foto, salutiamo la storia e ritroviamo il presente. Aperitivo in centro città. Chiacchiere, tranquillità. Poi il rientro a Sciacca.

Dopo l'archeologia, il mare. Il mattino successivo si fa tappa alle Egadi, Favignana per la precisione. Partenza con direzione Marsala, la città dello sbarco dei Mille

  • 15639 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social