Immersioni a Sharm El Sheikh

La nostra vacanza egiziana "spezza" inverno nella barriera corallina

Diario letto 8708 volte

  • di elisag81
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

La passione dei viaggi, si sa, mi è stata trasmessa dai miei genitori, eterni e instancabili viaggiatori, che hanno girato mezzo mondo, ho iniziato infatti a viaggiare , che ero molto piccola, prima in posti vicini, poi via via sempre più lontano!

Poi dopo essermi fidanzata con Alessio, ovviamente ho smesso di viaggiare con loro,e ho iniziato a viaggiare con lui, ma si sa, la vita è imprevedibile, riserva sempre nuove sorprese, delle volte brutte, ma delle volte anche belle, come quella che i mei genitori ci hanno fatto a noi, offrendoci un viaggio insieme a Sharm El Sheikh, in Egitto, nel mese di marzo, nel villaggio turistico Tamra Beach Village, di proprietà della Eden Viaggi, un po’ per spezzare la monotonia e il grigiore dell ‘ inverno e un po’ anche per esorcizzare un brutto periodo appena passato !

Così emozionata e felice mi ritrovo di nuovo a organizzare un viaggio, nella mia terra preferita, insieme al “ babbo e la mamma”, come quando ero piccola! Rispolvero la mia vecchia guida d’ Egitto usata per la mia Crociera sul Nilo( non le butto mai via, ma le tengo sempre come ricordo, nella mia libreria),e mi informo sulla città di Sharm El Sheikh, di cui avevo sentito parlare tante volte, da amici, parenti, e dai miei genitori stessi, che ne avevano fatto, una tranquilla meta di vacanze, negli ultimi anni.

Questa splendida cittadina, oltre per la vita mondana, e per i lussuosi Resort a 5 stelle che negli ultimi anni ,ne hanno affollato i litorali, e’ famosa soprattutto per la sua barriera corallina,considerata da molti la seconda più bella al mondo dopo quella Australiana; proprio per questo, decidiamo di acquistare su ebay, una custodia subacquea per la nostra macchina fotografica digitale, sperando di poterla usare nelle mie future immersioni.

Via via che i giorni passavano, e la data della partenza si avvicinava, io e mia mamma, preparavamo le nostre rispettive valige, considerando anche il tempo meteorologico che avremmo trovato là; nel mese di marzo infatti le temperature in Egitto si aggirano intorno ai 20/25 gradi il giorno, con un’escursione termica di circa 10 gradi, per la sera.Quindi, costumi, parei e infradito a go go, con giacchine e blazer per la sera!

PRIMO GIORNO

Finalmente arriva il giorno della partenza, e una domenica mattina di metà marzo, ci ritroviamo tutti insieme al ritrovo con il nostro gruppo, e poi verso l’aeroporto di Pisa, da dove decolleremo alla volta di Sharm El Sheikh.

Atterriamo dopo circa 3 ore emmezzo, e appena scesi siamo piacevolmente sopresi dalla temperatura esterna, molto più alta di quello che ci aspettavamo ( nei giorni successivi infatti arriverà anche a punte di 38 gradi, temperatura molto inusuale per il periodo , a detta di molti), e veniamo accompagnati, ai bus della Eden, diretti verso il nostro villaggio, distante dall’ aeroporto circa 15 km.

Il villaggio Tamra Beach, e’ un bellissimo resort 5 stelle,dislocato in più livelli., con la reception, una sala conferenze, la Spa e sala massaggi, una delle 6 piscine, e un piccolo centro commerciale all’ inizio, poi scendendo verso il mare, con una bellissima ma scomoda strada in ciottolato( che io odiavo, quando la facevo con i miei tacchi a spillo!)si trova l’ Anfiteatro, dove vengono fatti i vari spettacoli d’ animazione all’ aperto ,la sala ristorante, con annesso il teatro più piccolo; poi il centro “ vitale “ del villaggio stesso, con 2 piscine panoramiche, la piazzetta con il piano bar, dove si ballava e si ascoltava la musica ad ogni ora del giorno e della sera e altri piccoli negozi di souvenir.Infine verso il mare, altre 3 piscine, un altro bar panoramico vista mare, e la spiaggia con gli ombrelloni. Questo villaggio ha la fortuna di avere un bel tratto di spiaggia finissima e dà la possibilità di poter fare il bagno, nella banchina, dove il mare è molto basso e nonostante la barriera corallina, è possibile camminarci sopra con le adeguate scarpine. Per chi come me ,ama fare le immersioni e lo snorkelling , si sale sul pontile, lungo circa una decina di metri, dove con una scaletta è possibile immergersi nelle acque più profonde, del Mar Rosso ( qui si arrivava anche a qualche centinaio di metri di profondità) e incontrare tutta la fauna della barriera corallina

  • 8708 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social