Seychelles low cost

Un gruppo di persone amanti della natura esplorano Praslin e le isole circostanti senza passare per costosi tour operator e resort di lusso!

Diario letto 22455 volte

  • di eliottu
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 13
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Partenza

Partiamo da Roma con Air Seychelles alle 22 e 30 con un gruppo di amici, in tutto 13 persone, di cui due biologi che ci faranno da guide sulle meraviglie naturalistiche delle isole, avendo vissuto in questo paradiso naturale per motivi di studio.

Arriviamo puntuali alle 8 e 50 all'aeroporto di Mahè e da lì ci trasferiamo all'isola di Praslin con un volo di 10 minuti circa su di un Twin Otter.

Sistemazione

Arriviamo alla Guest House dove alloggeremo per tutto il periodo costituito da 4 cottages con 2 camere e due bagni ciascuno, oltre ad una piccola cucina e a una veranda dove rilassarsi, molto ben integrati nel paesaggio e prospicienti la spiaggia di Anse Possession, dove andiamo a fare un primo bagno dopo aver sistemato le valigie in camera. La sera ceniamo tutti insieme in veranda. La cena è compresa nella quota della Guest House e viene cucinata dal figlio della proprietaria.

Anse Lazio

Per tutta la settimana sarà a nostra disposizione un pick up che hanno riservato i nostri amici esperti del luogo, i quali quindi conoscono bene la gente del posto e i servizi migliori.

La nostra prima tappa è la spiaggia di Anse Lazio, a cui arriviamo con una piacevole paseggiata attraverso Mount Plaisir, tra alberi di cannella e piante di vaniglia. La spiaggia è famosissima e bellissima, anche se di recente tristemente nota per gli attacchi di squalo. Le precauzioni che sono state prese cosistono in una recinzione entro la quale è consentita la balneazione e in una serie di baywatchers che informano i turisti sulle zone in cui è vietato fare il bagno.

Il paesaggio è molto bello, ma lo snorkelling un pò povero perchè è appunto vietato spingersi al largo, dove si potrebbero facilmente incontrare le tartarughe marine. Comunque siamo fortunati e vediamo dalla riva un gruppo di delfini che gioca in lontananza.

L'isola delle tartarughe

Il secondo giorno i nostri amici hanno preso contatti con un loro amico seychellese che ci porterà in barca fino all'isola di Curieuse e cucinerà una ricca grigliata in spiaggia per pranzo ad una cifra molto onesta.

L'isola di Curieuse è una riserva dove vivono decine di testuggini giganti non autoctone. Infatti le tartarughe che vivevano lì sono scomparse a causa dei marinai che in passato approdavano qui affamati e se ne nutrivano.

Attraversiamo a piedi la piccola isola e dall'alto di un piccolo promontorio panoramico avvistiamo chiaramente le sagome di uno squaletto (probabilmente pinna nera) e di una razza o trigone che nuotano nelle acque trasparenti sotto di noi.

La grigliata sulla spiaggia si rivela buonissima e soddisfa anche i pochi di noi che non mangiano pesce.

Cousin

La seconda escursione in barca ci porta ad esplorare l'isola di Cousin, una riserva di uccelli che essendo stata da sempre priva di predatori ha reso gli animali completamente indifferenti alla presenza umana, non scappano e costruiscono i loro nidi a terra.

Su quest'isola c'è una spiaggia protetta in cui nidificano le tartarughe marine. L'unica pecca è stata la presenza eccezionale di nugoli enormi di zanzare perché la notte precedente aveva piovuto. Purtroppo la pioggia ci ha fatto compagnia spesso, ma quasi sempre di notte e anche quando ha piovuto di giorno in genere si trattava di acquazzoni di breve durata che non ci hanno guastato la vacanza.

La sera ceniamo nel locale Coco Rouge a Cote d'Or, che è poi lo stesso posto in cui di giorno prendiamo il cibo take away da portare in spiaggia

  • 22455 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social