Sotto questo sole

Sifnos: Sentieri e Monasteri. Serifos: Spiagge e farfalle

Diario letto 5089 volte

  • di Strange62
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

Sifnos: Sentieri e Monasteri

7/6/19

Ric, c’è Elisabetta! Ops, nella fretta d’imbarcarmi le sono passato davanti senza vederla; naturalmente c’è anche Pierluigi, il marito! Sono una coppia di nostri amici (anche loro amanti della Grecia) e sono sul nostro stesso volo per Atene. Quindi ci imbarchiamo insieme chiacchierando della Grecia e delle nostre rispettive destinazioni.

Una volta giunti ad Atene, dopo aver ritirato il bagaglio, ci dirigiamo alla stazione per prendere il nuovo treno diretto per il Pireo ma lo manchiamo per un soffio e così, per non stare ad aspettare, prendiamo il metrò con cambio a Monastiraki; arrivati al Pireo Elisabetta e Pierluigi si fermano nella prima agenzia a prendere i biglietti del traghetto per Milos e poi andiamo alla ricerca della Taverna Rakadiko dove pranzare insieme e continuare la nostra chiacchierata.

Dopo l’ottimo pranzo non ci resta che salutarci ed ognuno si avvia al rispettivo molo per l’imbarco; fa un caldo tremendo e manca ancora qualche ora alla partenza del nostro traghetto e così ci troviamo un bar all’ombra nei pressi del Gate 7 dove stare al fresco e ristorarci.

La partenza è puntuale alle 16,30 e la navigazione trascorre senza problemi; dopo una fermata a Serifos ecco che finalmente, alle 19,40, arriviamo a Sifnos.

Attracchiamo al porto di Kamares dove troviamo ad attenderci Antonis, autista del taxi n°2 che Margharita, la signora dello studios, ci ha prenotato (scopriremo poi essere suo marito).

Giunti nella piazzetta di Katavati Antonis ci fa scendere e troviamo Margharita che ci sta aspettando e ci accompagna, tra gli stretti e tortuosi vicoletti, al nostro Studios posto in una posizione tranquillissima e con vista sul monte dove, in cima, si trova il Monastero Profitis Elias. Dopo averci mostrato l’interno ci riporta alla piazzetta e poche centinaia di metri più indietro fino all’inizio della scalinata che conduce a Steno, la zona pedonale di Apollonia dove si trovano numerosi bar, taverne, negozi, ecc.

Ritorniamo in quella che per alcuni giorni sarà la nostra “casa” e dopo aver sistemato i bagagli ed esserci rinfrescati usciamo a cena. Per prima cosa acquistiamo una cartina dell’isola e poi cerchiamo una taverna dove cenare, ovviamente abbiamo dimenticato in studios la lista dei posti consigliati ma la scelta cade proprio su una di queste: Okyalos. Il posto è carino, piccolo e si mangia bene ma ha prezzi un poco più alti rispetto a quelli ai quali siamo abituati.

Terminata la cena torniamo sui nostri passi e andiamo a dormire.

8/6/19

Dopo la colazione usciamo per fare un po’ di spesa e per noleggiare uno scooter (da Apollo, sulla strada per Apollonia, addocchiato ieri arrivando con il taxi). Finalmente motorizzati partiamo alla scoperta di Sifnos ed iniziamo con il botto: Panagia Chrissopigi: stupenda! Ce la giriamo in lungo e in largo.

Dopo la visita riprendiamo lo scooter e ci rechiamo alla spiaggia di Apokofto giusto di fronte alla Panagia e dopo un po’ vediamo arrivare un sacco di gente e quando la sposa arriva in barca e sale alla Panagia capiamo che è un matrimonio. Dopo il relax pranzo alla taverna sulla spiaggia (Chrissopigi): mangiamo bene ma il conto sarà un po’ salato…

Dopo pranzo ci dirigiamo a Platys Gyalos dove andiamo alla ricerca del sentiero per la spiaggia di Fikiada e poi si stendiamo un poco in spiaggia; ripartiamo per Fassoulu e Faros ed infine torniamo a casa. Per la cena torniamo da Okyalos; poi due passi per Steno ed infine a nanna

  • 5089 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social