Scozia on the road

Una terra tutta da scoprire

  • di andrea70
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

9 Agosto

Volo easy Jet da Malpensa, arriviamo all'aeroporto di Edimburgo con qualche minuto di anticipo sul previsto, passiamo il controllo passaporti e ritiriamo i bagagli.

Per l'autonoleggio si esce dall’aeroporto e si segue il marciapiede a sinistra, dopo una bella camminata sotto un tunnel con tutte le indicazioni si arriva al terminal degli autonoleggi. C'è parecchia gente, l'auto che avevamo prenotato non è disponibile così ci danno una Skoda Rapid con cambio automatico, davvero bella, allo stesso prezzo, Sandra è un po’ meno felice quando, alla prima frenata, pigio il freno col piede sinistro e, solo la cintura di sicurezza, la salva da un frontale col cruscotto, occorre imparare a dimenticarsi del piede sinistro poi guidare col cambio automatico è una meraviglia.

Avevamo previsto di fare tutto un tour delle abbey ma è parecchio tardi, decidiamo di prendere le cose come verranno senza affannarci, sono iniziate le vacanze!

Prima tappa alla Rosslyn Chapel, resa ancora più famosa dal libro e film "Il codice da Vinci", cosa dire... un piccolo gioiello da gustare con calma grazie ad una mappa che aiuta a riconoscere e decifrare le effigi e i punti più interessanti.

Abbiamo anche il primo impatto con i prezzi delle attrazioni in Scozia, qui è tutto ben organizzato, parcheggi, assistenza, descrizioni, tutto in ordine ed efficiente, con persone gentilissime e disponibili, ma ovviamente la qualità si paga e non poco, ne vale assolutamente la pena, ingresso: 9 euro.

Arriviamo alla Melrose Abbey che sono le 17,10, l'ultimo ingresso era 10 minuti prima, ormai siamo in "fase zen" e assorbiamo il colpo senza patemi, soprattutto perchè l'abbazia è circondata da una cancellata che lascia vedere praticamente tutto, certo, non possiamo passeggiare tra le rovine, ma la vista è suggestiva e completa, poi con qualche acrobazia si fanno foto spettacolari.

Tutte le abbazie chiudono le visite alle 17 o 17,30 al massimo quindi anche la successiva Kelso Abbey non è visitabile. Anche qui però dalla cancellata si vede tutto o quasi, tenete conto che si tratta di resti anche se molto ben conservati, quindi anche rimanendo fuori nulla rimane celato, forse solo la magica sensazione di camminare tra quelle pietre. Piccolo rimpianto.

Ormai rassegnati a veder conclusa la prima giornata di visite cerchiamo un hotel dove dormire.

Una raccomandazione, se siete molto abili con internet, booking on line e con la lingua potete andare all'avventura e prenotare lungo il cammino assicurandovi massima elasticità, in caso contrario: meglio essere un po’ più legati con date e spostamenti ma prenotare in anticipo perché, soprattutto in Agosto, in certi posti si fa davvero fatica a trovare una sistemazione e lo scopriremo nei giorni seguenti.

Dormiamo in un piccolo hotel (Clovenfords Country Inn) a Galashielsnei pressi di Peebles che è sulla strada per Stirling, la nostra destinazione per il giorno successivo, niente da dire, pulito e ben attrezzato, ceniamo nel bel ristorante all'interno dell'hotel, prezzi assolutamente ragionevoli.

10 Agosto

Dopo un'oretta di auto arriviamo allo Stirling Castle, parcheggiamo sotto la rupe e camminiamo fino all'ingresso (14 Ä a testa).

Il castello è molto bello , una vera e propria fortezza con stradine , cortili e botteghe artigianali, la visita richiede un paio d'ore almeno.

Si possono visitare gli interni e salire sulle varie torri, la visita guidata Ë molto interessante e racconta la storia del castello nonché alcuni aneddoti inquietanti che non possono mancare in un maniero che si rispetti

  • 9200 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social