Tour d'inizio autunno in Scozia, alla scoperta dei luoghi iconici

Avete mai pensato a quanto sia magico un viaggio on the road tra le terre scozzesi? Ecco 3 tappe assolutamente da non perdere!

La Scozia è una terra magica, soprattutto in autunno, quando la nebbia delle giornate uggiose si dirada e come per incanto si svelano le montagne già innevate delle Highlands, le brughiere ammantate di erica selvatica e i colori caldi della stagione che si specchiano nei caratteristici lochs, i laghi che riflettono la bellezza di un paese davvero unico.

Paesaggi idilliaci che spaziano a perdita d’occhio, castelli fiabeschi fermi nel tempo, laghi dove si inabissano le leggende, coste alte e frastagliate a strapiombo sul mare, villaggi da cartolina ed Edimburgo, forza ed identità dove regna da secoli l’orgoglio scozzese. Organizzare un viaggio in Scozia è sempre un’idea entusiasmante, farlo in autunno significa vivere il periodo migliore per immergersi nelle sue suggestioni e per lasciarsi trasportare dalla fantasia ispirandosi alle leggende che la contraddistinguono.

Visitare il paese in autunno è inoltre un periodo strategico per la logistica del viaggio, quando il turismo di massa è solo un ricordo estivo e i prezzi sono particolarmente bassi rispetto all’alta stagione. In ottobre si può inoltre godere di un clima ancora relativamente caldo e nonostante le pioggerelline solletichino il viso e il grigiore delle nuvole tinga il cielo, si respira un’atmosfera di festa: le foglie di mille colori colorano i boschi e i viali delle città sembrano opera della tavolozza di un pittore. Questo periodo dell’anno è l’ideale per vivere una Scozia autentica e bellissima, dalle passeggiate nella natura agli eventi che si svolgono soprattutto nel mese di ottobre, capaci di descrivere le tradizioni di un territorio ricco di storia. Ecco qualche suggerimento per vivere a pieno la magia di questa stagione.

Passeggiate nel Perthshire

Basta una parola per indicare il tutto: foliage. Con una metonimia si riassume un’esperienza da vivere, quella di potersi “tuffare” nei mille colori dell’autunno di questa idilliaca contea descritta dal grande Sir Walter Scott come "La zona più bella del regno del nord." Una parte della Scozia da non perdere, soprattutto in questa stagione dell’anno quando si trasforma in un acquerello di realtà, un mondo a colori come un quadro impressionista a grande scala dove fare delle lunghe e rilassanti passeggiate tra una pioggia di foglie variopinta.

A poca distanza, affacciata sulle rive del fiume Tay, si trova Perth, un grazioso centro a misura d’uomo da non perdere. Si tratta della città più moderna della Scozia, ed è un vero piacere esplorarla a piedi, curiosare tra i suoi negozi e scoprire il ritmo della vita locale. Nel Perthshire, oltre ad organizzare delle belle escursioni in total relax, è possibile praticare anche dei sentieri di trekking adrenalinici che si snodano nelle montagne Schiehallion e nel Ben Lawers, paradisi di biodiversità dove con un po’di fortuna è possibile scorgere il cervo rosso, animale endemico piuttosto raro da avvistare.

Le Highlands e il mistero di Loch Ness

Se l’autunno è la stagione più magica, è impossibile non fermarsi nella tappa più suggestiva di tutto il paese: il lago di Loch Ness. Per vivere questo privilegio, la bussola punta a nord, nelle terre sconfinate delle Highlands. Una meta imperdibile è Inverness, la cittadina che guarda le leggendarie acque del lago. Situata nella catena più alta della Scozia, nonché di tutta la Gran Bretagna, è il punto di riferimento della zona, un centro non molto grande da esplorare tutto d’un fiato, a cominciare dal Castello di Inverness, lo spettacolare edificio vittoriano in arenaria rossa che domina la città, e la Cattedrale di St Andrew, dove si respira tutta la spiritualità di un tempo.

Impossibile resistere al richiamo di una passeggiata sulle sponde del fiume Ness sino a contemplare le acque del lago scrutando con gli occhi della suggestione le sue onde: potreste avvistare il residente del lago, Nessie, per alcuni un mostro, per altri una suggestione.

Inverness è anche un'ottimo punto di partenza per andare alla scoperta delle Highlands, la zona dove si custodiscono le tradizioni, si sfoggiano i kilt e i tartan, si beve whisky e si mangia porridge al ritmo di una cornamusa suonata da qualche allevatore di lingua gaelica che, a loro detta, nulla ha a che vedere con gli scozzesi del sud.

Edimburgo, una capitale a tutta cultura

La bella ed elegante Edimburgo indossa il suo abito da festa proprio nella stagione autunnale, quando gli alberi variopinti la incorniciano come la più bella delle opere d’arte. Il Castle Hill, dove si trova il Castello di Edimburgo, tra i più belli del paese, è un meraviglioso panorama, un mix di colori che esaltano la bellezza dell’iconico maniero cittadino.

Dopo la visita al castello è un piacere passeggiare lungo la “Royal Mile”, una lunga strada che conduce a Holyrood Palace, la residenza scozzese dei reali d’Inghilterra. Percorrendo la via troverete anche la maestosa St. Giles Cathedral conosciuta come “High Kirk” di Edimburgo. L’imponente cattedrale gotica del XV secolo fu il punto di partenza dal quale John Knox diresse la riforma scozzese nel Seicento.

Tappa anche a Canton Hill da dove ammirare uno dei panorami più belli della città immersi nei colori autunnali della collina più amata dai suoi abitanti.

Edimburgo è una capitale ricca di fascino, ed è ancora più suggestiva e coinvolgente in questa stagione, non solo per la natura che la incornicia splendidamente ma anche per la proposta culturale e gli eventi coinvolgenti che si svolgono in questo periodo: non perdete lo Scottish International Storytelling Festival dal 17 al 31 ottobre, e il Samhuinn Fire Festival, lo spettacolo fiammeggiante che racconta un antico rituale celtico: al calare della notte, danzatori in costume ballano illuminati dalla scenografia in fiamme che avvampa sullo sfondo. Questa rievocazione descrive la storia del mutare delle stagioni, un viaggio che sceglie l’autunno per vedere la Scozia nella sua incredibile bellezza.

In Scozia a ottobre: sempre in sicurezza!

In questo 2020 ci siamo abituati a viaggiare in modo diverso. Il post Coronavirus sta modificando le nostre percezioni, le nostre sicurezze e anche il tempo libero. Nemmeno una semplice vacanza autunnale è oramai più di semplice collocazione e realizzazione, dato che la curva epidemica ed eventuali focolai possono modificare regole e libertà.

Mai come quest’anno, quindi, può essere decisivo affidarsi e optare per una polizza viaggio completa e concreta, sotto tutti gli aspetti. Come, ad esempio, l’assicurazione Viaggi Nostop Vacanza firmata Europ Assistance, la compagnia francese tra le top mondiali. Tra le clausole comprese nella polizza troviamo:

  • Assistenza sanitaria 24 ore su 24 senza limiti di massimali con presa in carico di tutti i costi necessari
  • La Garanzia EXTRA aggiunge la copertura anche in caso di Covid-19
  • Spese mediche fino a 1.000.000 di euro
  • Spese di ricerca e salvataggio fino a 25.000 euro all’estero
  • Premio in base ai giorni di viaggio
  • Assistenza anche in caso di atti terroristici
  • Assistenza medica in viaggio con MyClinic
  • Se viaggi in Italia è inclusa l’assistenza stradale con auto sostitutiva per proseguire il viaggio
  • Sempre per i viaggi in Italia, è possibile scegliere la protezione per abitazione e familiari a casa, amici a 4 zampe e sport
Insomma, tante soluzioni e coperture per partire in piena serenità e in massima sicurezza, anche e soprattutto in questo anomalo 2020.

Parole chiave
  • 2317 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico