Partenza il 7/8/2018 · Ritorno il 22/8/2018
Viaggiatori: 2 · Spesa: Da 1000 a 2000 euro

Viaggio in auto sulla costa est della Sardegna

di ariel_11190 - pubblicato il

Vi racconterò ora del nostro viaggetto, mio e del mio ragazzo fatto a zonzo per la bellissima Sardegna! Non c’ero mai stata e avrei voluto avere queste informazioni prima di partire, per organizzare al meglio il viaggio, quindi eccomi a condividerle.

Il viaggio è stato semi low-cost, nel senso che ho cercato di risparmiare quanto riuscivo su traghetto e alloggi, tenendo sempre in considerazione che era una vacanza, per cui spesso ci siamo concessi di mangiare bene al ristorante, o fare la gita che ci piaceva. La Sardegna è sicuramente una meta cara, per cui alla fine i miei accorgimenti non hanno generato un gran risparmio…

Prima di tutto, abbiamo prenotato il traghetto Livorno-Olbia con la Grimaldi (dal 7 al 22 agosto), che quest’anno, prenotando entro il 31/01, avevi il 30% di sconto. Inoltre è convenzionata anche con Trenitalia, per cui tramite Carta Freccia ci hanno scontato ulteriori 20 euro, per un totale di 330 euro, per due persone a/r e un’auto, senza nessuna sistemazione.

Per chi non ha mai viaggiato in traghetto in notturna, sappiate che se non avete una cabina o una poltrona prenotata, è necessario attrezzarsi con dei materassi (da campeggio per esempio), lettini o qualsiasi cosa che permetta di passare la notte per terra. Noi non eravamo organizzati all’andata e abbiamo dormito male; al ritorno con un materasso da campeggio e un lettino da spiaggia, una felpa e degli asciugamani per coprirci abbiamo dormito molto meglio, basta saperlo prima (anche perché non puoi ritornare in auto una volta che l’hai parcheggiata).

Siamo stati in Agosto ed era pienissimo di gente, per chi può consiglio un altro periodo, per evitare affollamenti in spiaggia, nei ristoranti ecc.

Abbiamo organizzato il viaggio in 4 tappe:

3 notti a San Pantaleo, che è un paese in montagna in Costa Smeralda

6 notti a San Teodoro, sulla costa est, poco a sud di Olbia

4 notti a Cagliari, a sud-est

1 notte a Olbia, prima del traghetto

Tutto è stato prenotato verso Febbraio, per avere i migliori prezzi possibili.

In generale sulle spiagge posso dire che sono tutte molto belle, ma non tutte sono attrezzate, per cui consiglio di informarsi prima tramite Trip Advisor, e nel caso portarsi il pranzo e l’acqua da casa. Consiglio anche di munirsi di lettini e ombrellone e andare nella spiaggia libera, perché affittare lettino e ombrellino è abbastanza caro (dipende da spiaggia a spiaggia, hanno prezzi molto diversi tra loro). Inoltre in spiaggia in altissima stagione sarebbe il caso di arrivare il prima possibile, che verso le 9.30 sono di norma già affollatissime, soprattutto per le piccole calette della Costa Smeralda. Nelle lunghe spiagge invece un buco lo si trova.

Una voce che incide tanto nel budget vacanza sono i parcheggi: in Costa Smeralda e a San Teodoro abbiamo sempre pagato tra i 7 e 16 euro al giorno di parcheggio. Purtroppo non ci sono molte vie per evitarlo, poiché parcheggiare dove non si può equivale a una multa certa, l’unico modo è parcheggiare lontano e farsi lunghe scarpinate a piedi.

Prima tappa:

San Pantaleo è un’ottima base per visitare la Costa Smeralda, in quanto le principali spiagge non distano molto, ed è anche un paesino caratteristico. Essenziale avere l’auto perchè, al contrario di quanto mi aspettassi, è una zona montuosa.

Noi abbiamo alloggiato in un monolocale prenotato su Booking, a circa 120 euro a notte (la Costa Smeralda, come potete immaginare, è molto cara).

Da lì abbiamo visitato le spiagge di Rena Bianca e di Capriccioli (bellissima!), mentre il terzo giorno abbiamo fatto un tour in barca verso l’isola Maddalena, da Palau.

Il tour è costato 50 euro a testa e consiglio di prenotarlo prima, noi ci siamo recati al porto di Palau sperando che qualcuno avesse ancora posto (ci sono moltissimi tour che partono tutti verso le 10) e siamo stati fortunati, ma abbiamo rischiato di non trovare posto (anche perché il parcheggio del porto di Palau era pieno e abbiamo rischiato anche di non arrivare in tempo). E’ un giro che consiglio perché l’arcipelago della Maddalena è davvero bellissimo!

Seconda tappa:

A San Teodoro abbiamo alloggiato in un b&b in zona periferica a 70 euro a notte. San Teodoro è una località turistica con un bel centro storico, e con anche molta movida, grazie ai diversi locali per aperitivi e serate. A me è piaciuto molto, da lì abbiamo visitato le famose spiagge della Cinta, Cala Suaraccia, Capo Coda Cavallo, Lu Impostu, Isuledda, tutte bellissime.

Due consigli:

- Lu Impostu ha due parcheggi, quello a nord è lo stesso di Cala Brandinchi (chiamata la piccola Tahiti), e costa 18 euro al giorno mi pare, mentre quello a sud è comunale e costa molto meno (1 euro o 1,50 euro all’ora).

Se poi si parcheggia il parcheggio sud di Lu Impostu, percorrendo tutta la spiaggia e facendo anche il pezzettino di sentiero, si arriva a Cala Brandinchi, però a piedi è abbastanza lunghetta.

- A Cala Suaraccia noleggiano gommoni per andare a visitare l’isola di Tavolara, e mi pare che avessero prezzi migliori rispetto alle altre spiagge (noi abbiamo speso 30 euro a testa per 4 ore, eravamo in 6 e in questa cifra è compresa assicurazione e benzina). E’ un giro che consiglio perché è davvero bello!

Inoltre in quella zona ci sono anche molti eventi, per esempio nei giorni in cui siamo stati noi c’è stato il Golfo Aranci Music Festival (GAMF), che come ospite aveva Bob Sinclair, e un evento nella spiaggia di Budoni, con Gigi d’Agostino, entrambi gratuiti, che si vanno a sommare a tutti gli eventi a pagamento delle diverse discoteche.

Terza tappa:

Salutiamo San Teodoro e ci dirigiamo verso Cagliari, nello specifico verso Quartu Sant’Elena, dove abbiamo trovato un’offerta per un hotel a 4 stelle. A essere sincera non consiglio la zona perchè, nonostante anche lì il mare fosse bellissimo, noi eravamo interessati alla zona di Villasimius e alla Costa Rei, che distano quasi un’ora di auto. Va tenuto presente infatti che i collegamenti in Sardegna non sono sempre immediati, e che per fare pochi km ci vuole tempo.

Lì abbiamo potuto visitare appunto la spiaggia di Piscina Rei e Feraxi, Cala Regina, Cala Giunco a Villasimius, e Mari Pintau.

Qui al sud i parcheggi sono spesso gratuiti, o come a Villasimius c’era un giornaliero da 5 euro, con il quale potevi muoverti su tutte le spiagge del comune.

In generale abbiamo trovato meno affollamento rispetto al nord, e prezzi più bassi.

Consiglio tantissimo Cala Giunco a Villasimius perché sulla destra della spiaggia troverete una torre (Torre di Porto Giunco), al quale potete arrivare tramite un sentiero in mezzo agli arbusti di circa un quarto d’ora. La vista da lassù è spettacolare!

Inoltre dietro la spiaggia c’è lo stagno Notteri, nel quale da lontano puoi avvistare i fenicotteri, bellissimo!

Quarta tappa: Ultima tappa è stata in un b&b a Olbia, pronti per riprendere il traghetto la sera dopo. Da lì ci siamo mossi per andare di nuovo in una delle spiagge della Costa Smeralda, Spiaggia Bianca a Golfo Aranci (non tra le più belle che abbiamo visto, a dire la verità). Abbiamo scelto apposta una spiaggia che avesse la possibilità di fare una doccia, poiché non avevamo più una camera, l’importante è munirsi di monete, perché in Sardegna quasi ovunque ci sono (dove ci sono) docce a pagamento.

Ora facciamo due conti (sono prezzi per 2 persone):

14 notti: 1470 euro

Traghetto: 330 euro

Cibo: 740 euro

Parcheggi: 95 euro

Contando anche gli extra, viene quindi una stima del prezzo totale della vacanza di 2800 euro, quindi 1400 euro a testa per due settimane di permanenza.

Noi non avevamo pasti inclusi, per cui abbiamo mangiato solo due volte in appartamento e per il resto siamo sempre usciti, a volte a mangiare un po’ bene, a volte a mangiare qualcosa di semplice, ma sicuramente questo ha fatto lievitare il prezzo. A pranzo invece più della metà delle volte abbiamo mangiato un panino preso al supermercato.

Io ho potuto vedere questi posti in Sardegna, che sono solo una minuscola parte dell’isola, e non so sinceramente consigliare a chi è in dubbio tra la zona nord e quella sud: sono entrambe bellissime!

La cosa che trovo incredibile è che davvero ovunque il mare era stupendo, con diverse sfumature di colori meravigliosi, non posso che consigliare a tutti di andarci perché davvero rimane nel cuore.

di ariel_11190 - pubblicato il