Circeo: scopri Zannone!

L'unica delle Isole Pontine inclusa nel Parco è la meta top per il mare. Ma ci sono anche la scicchissima Sabaudia e San Felice

  • di INK
    pubblicato il

Mare ma anche laghi, foreste e dune. Con l’aggiunta di un promontorio, un’isola e centri di grande interesse storico, come Sabaudia e il borgo di San Felice. Il Circeo, come si indica un po’ all’ingrosso quest’area protetta nella parte meridionale del Lazio, è una destinazione davvero piena di perché.

Lidi per tutti i gusti

Impossibile, data la stagione, non cominciare dal mare. Il più “comodo”, con una serie di baie separate da lingue di scogli, è a San Felice, zona La Cona (citare la zona non è un vezzo: San Felice è il nome del paese antico, alto sulla costa, ma anche dell’insediamento degli anni 60 vicino al litorale). Il più esclusivo è a Sabaudia, con accessi pubblici per la spiaggia libera molto lontani gli uni dagli altri (ravvicinati invece quelli privati, a disposizione delle ville affacciate sulle dune). Infine, il più indiscutibilmente bello, è quello di Zannone: l’unica delle isole pontine che fa parte del Parco Nazionale del Circeo. Si può raggiungere l’isola dal porto di Terracina o di San Felice (partenze bi settimana li con le escursioni organizzate dall’onlus Istituto Pangea, www.istpangea.it), oppure sfruttare i collegamenti giornalieri della Cooperativa Barcaioli Ponzesi (www.barcaioliponza.it, da 22 euro). Disabitata (con l’esclusione di mufloni, asinelli e falchi pellegrini) Zannone è “il Mediterraneo com’era”, un’oasi ricoperta da un fitto bosco di lecci, che ombreggiano calette azzurrissime. Ma natura qui non è solo mare: il promontorio del Circeo è percorso da sentieri nella macchia mediterranea. Il più bello, ma anche uno dei più impegnativi, in poco più di 2 ore di cammino porta al Picco Circe (per i sentieri: www.parcocirceo.it).

Città night & Day

Per un’immersione nella dimensione storica e artistica della zona, due sono le tappe da non perdere: la “giovane” Sabaudia, costruita dal 1934 secondo le regole dell’architettura razionalista, e l’antico San Felice, protetto da mura possenti che dà il meglio di sé alla sera (per evitare l’incubo del parcheggio, però, raggiungetelo con la navetta), con negozi e locali aperti fino a tardi e vista sulle mille luci della costa. A proposito di negozi, nel centralissimo Corso Vittorio Emanuele c’è I Gioielli del Mare, che da oltre 50 anni realizza gioielli, ma anche specchi, cornici e scacchiere, utilizzando soprattutto conchiglie. Bigiotteria pura e semplice, invece, si trova nel vicino negozio di Fiori, con ispirazioni fusion. Ed eccoci al panorama. Oltre a quello urbano che si gode da piazza S. Francesco, con vista sulle antiche case, è bellissimo quello dalla Vigna alla Corte, piccolo parco ricavato pochi anni fa nel cuore del paese, dove in estate si tengono concerti e spettacoli a ingresso libero.

  • 1171 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social