Tour nel Salento lungo le coste adriatica e ionica

Un viaggio alla scoperta del Salento leccese, attraverso le località più suggestive: da Lecce a Otranto, passando per Leuca, fino a Gallipoli e Porto Cesareo

Diario letto 147172 volte

  • di marcos69
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 500 a 1000 euro

GIOVEDÌ 31/07: Torre San Giovanni

Dopo la buona colazione in casa, ci dirigiamo alla spiaggia di Torre San Giovanni, nel comune di Ugento, a 10km. Passato il paese e l'imponente torre di guardia, oggi faro, in contrada Poseidone inizia la lunga spiaggia di sabbia fine e bianca, dove il mare degrada dolcemente e mostra le sue tonalità turchesi, con alcuni isolotti poco distanti da riva e dune di sabbia ricoperte da gigli di mare, alle spalle della spiaggia. Anche qui ci sono parcheggi a 3,00 euro al giorno, aree libere o attrezzate; qui lo spazio è maggiore rispetto Pesculose e c'è meno affollamento, il mare è lo stesso e così apprezziamo di più la giornata di mare. Ci mettiamo vicino al lido "Isola Beach", che ha un ottimo bar e trattoria con piatti tipici e di pesce a buon prezzo. Tornando a Torre Suda, ci fermiamo poco prima per un altro gradito bagno dalla bassa scogliera, prima che il sole si tuffi anche lui in mare e scompaia all'orizzonte. La cena stasera ce la facciamo preparare dalla friggitoria pescheria "Da Rino", in via Rizzo SP215 (tel. 320.7110488): dalle 19,00 prepara al momento varie specialità di pesce fritto, olive ascolane, mozzarelline impanate, panzarotti, insalate di mare e di riso. Si possono mangiare lì o portar a casa, inoltre dal mattino il banco di pesce fresco è sempre ben fornito. Dopo la cena in casa, altro giro nel centro storico di Gallipoli per un gelato.

VENERDÌ 01/08: Porto Selvaggio

La direzione di oggi è verso nord di 31km, fino al Parco Naturale di Porto Selvaggio, nel comune di Nardò. Si tratta di una parte di costa alta, con grandi pinete e varie baie, la più nota delle quali è la baia di Porto Selvaggio. Poco dopo Santa Maria al Bagno, si gira a sinistra dalla SP17 fino al parcheggio, dopodichè si scende lungo la pineta per 15 minuti circa di cammino, fino alla baia. Qui non ci sono attrezzature e la spiaggia è piccola e di ciottoli, ma lo spazio nella pineta o sugli scogli è ampio, inoltre c'è un piccolo chiosco e un paio di bagni chimici. Questa è senza dubbio, finora, la località più bella tra quelle viste nella costa ionica, con colori e paesaggio meravigliosi, mare stupendo e possibilità di fare qualche passeggiata lungo la costa. Affiancata, a sud, c'è un'altra bella baia, chiusa da un alto scoglio su cui troneggia la Torre dell'Alto, da cui si gode un panorama unico sul parco naturale. Nel mezzo di questa seconda baia, eccellente per lo snorkeling, si trova una bella grotta semi-sommersa, nella quale invito ad entrare (consigliate pinne e maschera). Arriva sera in fretta in questo paradiso, che lasciamo a malincuore per ritornare al residence. Stasera c'è la Festa della Pasta fresca a Felline, un borgo dell'entroterra a 15 minuti dal residence, optiamo così per una cena negli stand della sagra, a base di piatti tipici della zona, uno più buono dell'altro. A fare da accompagnamento il concerto dei "Tamurria", gruppo che propone canti e suoni del Salento (pizzica e taranta), accompagnati da immagini d'epoca: molto suggestivo e coinvolgente.

SABATO 02/08: Baia Verde

Come ultima destinazione balneare della vacanza scegliamo la rinomata spiaggia di Gallipoli Baia Verde, a 10km dal nostro alloggio. Troviamo posto nel grande parcheggio della baia al costo di 5,00 euro e attraversata la strada siamo in spiaggia. Ci posizioniamo in quella libera, a fianco del noto lido attrezzato "Samsara". Alle 10,30 regna ancora la tranquillità e ci si può godere il mare trasparente e la fine sabbia bianca, magari con una bella passeggiata. Tutto scorre liscio, nel pieno relax, fino alle 16,00 circa, quando escono dal letargo e arrivano in spiaggia le orde di giovanotti che qui hanno fatto l'alba nei vari locali. In poco tempo si riempie e qualcuno si stende anche sotto uno dei nostri ombrelloni; nell'aria si sente l'odore di qualche canna e dal "Samsara" parte la musica ad alto volume: fine del relax, inizia la movida pre-serale. Contenti comunque della piacevole giornata, torniamo a casa e ci prepariamo per l'ultima cena salentina a Gallipoli. Questa volta proviamo il "Ristorante Gimapada" in piazza della Repubblica (www.gimapada.it - tel. 392.9797954), che propone piatti di mare e di terra, ricci di mare e menù a prezzo fisso di 15,00 euro con antipasto, primo e secondo a scelta, acqua o vino. Gentile il personale e buono il cibo, restiamo soddisfatti della scelta. Prima di lasciare definitivamente la cittadina, prendiamo un'ottima granita nella storica gelateria "Accademia del Gusto", in piazza Imbriani

  • 147172 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. dieguccio
    , 6/12/2017 18:50
    Sono stato in alcuni di questi posti e devo dire di esserne rimasto veramente incantato. Non pensavo che la Puglia fosse una terra così interessante e bella. Sono riuscito a visitare Alberobello, Lecce, Ostuni ed altre città con www.toursharingpuglia.it e consiglio a tutti di dargli un'occhiata! Organizzano tour con guide che raccontano ogni particolare e, in più, non si "viaggia" mai da soli!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social