Romania tutto quello che devi sapere....

Tutto inizio' con un idea di mia moglie ................. Caro perche' una volta non andiamo in Romania? Per un momento pensavamo che scherzasse ma alla fine senza rendermene conto dopo alcuni mesi da quella frase mi trovavo sulla mia alfa ...

Diario letto 32412 volte

  • di andrea123
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Tutto inizio' con un idea di mia moglie ...... Caro perche' una volta non andiamo in Romania? Per un momento pensavamo che scherzasse ma alla fine senza rendermene conto dopo alcuni mesi da quella frase mi trovavo sulla mia alfa 147 assetto ferrari cosi carica che se ci pesavano come una valigia all'areoporto starei ancora paganto il suplemento sulla milano venezia con meta : Timisoara ! la prima citta' che si rispetti dopo il confine ungherese,a proposito parliamo di strada : km Percorsi da Milano a Timisoara : 1100 km Percorso:Milano/venezia/udine/villah[austria]/Graz[austria]/budapest[ungheria] szeged[ungheria]timisoara romania ].

La strada e' percorribile quasi completamente in autostrada a parte gli ultimi 100 km in Romania fino a Timisoara. Tempo di viaggio : 12 ore continuate con 4 soste per approvigionamento e wc.

Spesa viaggio : Tra benzina,bollini vari autostrade,e 3 meritati panini "rustichella'" dell'autogrill Euro 180 euro. Ma torniamo a noi.... In tarda serata arriviamo all'ultima frontiera,quella Romena,eravamo gia' pronti dopo preziosi consigli di amici romeni con pacchi di pasta,caffe' e regali di varia natura tra cui un regalone preparato per l'occasione dalla mia astuta moglie : un cesto natalizio anche se eravamo al 1 di maggio con un biglietto con scritto forza Romania [ ma in italiano naturalmente ] per quelli della dogana e con un sorriso da vittima innocente come si conviene in queste occasioni. Al nostro arrivo pero' la prima sorpresa,e cioe' nessuna richesta di soldi o problemi di vario tipo, solo un controllo fugace delle nostre identita' e un saluto in romeno che mi sto ancora chiedendo cosa significasse.

Cosi felice di non aver dato a loro la mia pasta e il mio prezioso caffe' indispensabile per la nostra permanenza ci addentriamo in Romania verso le 10 di sera con appuntamento fissato in una piazza del posto con un italiano conosciuto via internet che ci avrebbe affittato un appartamento per tutto il mese al costo di 300 euro.

Non vi consigliamo pero' questa variante in quanto lo standar di pulizia negli appartamenti affittati e' piu' basso del nostro e rischiereste di trovarvi a lottare con le malattie come abbiamo fatto noi. Cosi nella nostra modesta abitazione e fissando una farfalla morta sul pavimento che per senso del dovere gli chiusi gli occhi, decidemmo di iniziare la nostra vacanza romena con una dormita riposante e con la voglia di vedere questa citta' soprannominata la piccola Vienna.

Cosi la mattina seguente dopo una riordinata e pulita all'appartamento sicuramente indispensabile, ma fatale per la mia schiena ci dirigemmo nella confusione cittadina.La prima sosta fu un cambio/valuta, in Romania adesso c'e il RON come moneta,in pratica 1 euro e' 40 ron,un consiglio : non cambiate i soldi a persone con fare millantoso che vi avvicinano nelle strade ma solo nei gabbiotti ufficiali che sono peraltro molti nella citta'.

Cosi con i soldoni nelle tasche e con la camminata ancora del gatto randagio pronto al balzo per la fuga, iniziammo a osservare finalmente questa citta' di 500 mila abitanti in stile astroungarico che gia' dai primi momenti ci incuriosiva per la massiccia presenza di italiani che conversavano intorno a noi.Naturalmente non bisognava essere astuti come una faina per capire che la maggior parte di loro erano in realta' italiani residenti in romania con una predilizioni per le giovani vergini locali e con storie al passato stile 'caramba che sorpresa'.

La cosa invece da sottolineare e' l'urbanismo della citta' che tiene ancora in primo piano l'importanza degli spazi verdi come parchi,aree giochi e una attenzione per le composizioni floreali che in centro sono uno spettacolo da vedere.Timisoara infatti e' chiamata anche citta' dei fiori e la prima impressione e' che si discosta molto da quello che l'italiano sapiens medio si aspetta di trovare qui

  • 32412 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social