Ravenna, città del mosaico

Una gita fuori porta di inzio primavera nella città italiana del Mosaico per eccellenza

Diario letto 7229 volte

  • di Redeyes5
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro

Hai presente quando, con le belle giornate di primavera, hai quell'irrefrenabile voglia di partire, ma per problemi di tempo o mancanza di denaro non puoi? Allora una gita fuori porta in giornata è proprio quello che ci vuole! Decidiamo così una bella domenica di inizio maggio di andare a Ravenna, visto che è tanto tempo che vorremmo visitarla ma non siamo mai riusciti! Da casa nostra è poco più di un'ora di macchina quindi fila tutto tranquillo. A Ravenna, con il biglietto cumulativo da 11.50€ è possibile visitare le 5 attrazioni più importanti e più rappresentative del mosaico bizantino, lo stile principe della città. Con un euro in meno si rinuncia al solo mausoleo di Galla Placidia, ma assolutamente non commettete questo sacrilegio, è il più bello! I 5 monumenti compresi nel biglietto unico sono: Battistero neoniano (o degli ortodossi), Basilica di Sant'Apollinare Nuovo, Basilica di San Vitale, Mausoleo di Galla Placidia e museo Arcivescovile.

Noi facciamo il biglietto al Battistero Neoniano, il primo che visitiamo e che per fortuna dopo due minuti si svuota dalla combriccola di 50 tedeschi in gita. Il battistero del V secolo, Patrimonio dell'Umanità Unesco, ha come particolarità principale la meravigliosa cupola decorata ovviamente a mosaico e che raffigura al centro la scena del battesimo di Cristo, per scendere poi alle figure dei 12 apostoli. Proseguendo nel nostro giro, decidiamo di visitare la basilica di San Francesco che tra l'altro è gratuita. Qui si sono tenuti circa nel 1300 i funerali di Dante, ma la curiosità di questa basilica è che la cripta, trovandosi sotto il livello del mare, è stata invasa dall'acqua e addirittura si può anche vedere qualche bel pesce rosso nuotare!

Usciti dalla basilica, decidiamo di proseguire verso la attigua Tomba di Dante, un piccolo tempietto quadrato che custodisce i resti del famosissimo poeta fiorentino. All'interno si trova un sarcofago di epoca romana inciso in latino e un bellissimo bassorilievo raffigurante ovviamente il famoso viso di Dante Alighieri. All'esterno un bellissimo mosaico affisso ad un palazzo segnala che questa è la Zona del silenzio. Passiamo velocemente al Battistero degli Ariani, gratuito e Patrimonio dell'Umanità, un po' spoglio ma con una cupola meravigliosa e tutta dorata!

La tappa successiva della nostra visita è la basilica di Sant'Apollinare Nuovo, anch'essa Patrimonio dell'Umanità. La peculiarità di questa chiesa sono i mosaici posti nella parte superiore delle navate, bellissimi e molto colorati, soprattutto di oro che con il sole risplendono ancora di più! Tra le raffigurazioni, si vede il Palazzo di Teodorico e il Porto di Classe il più grande dell'Adriatico a quei tempi.

Dopo un breve giro per negozi, ci dedichiamo alle ultime due tappe della giornata e quelle che mi avevano creato maggior aspettativa, memore di quando alle elementari venni qui in gita scolastica e già allora rimasi colpita dalla Basilica di San Vitale e il Mausoleo di Galla Placidia! La Basilica di San Vitale, ovviamente Patrimonio dell'Umanità, si distacca da tutte le altre Chiese di Ravenna ma anche le altre per la sua pianta a forma ottagonale e la cupola incassata in alto. La chiesa è riccamente decorata partendo dal pavimento, a mosaico, le colonne e gli architravi, gli affreschi della cupola, molto ben conservati, e l'abside, un'esplosione di colori grazie agli stupendi mosaici raffiguranti Giustiniano e Teodora. Questa è una delle basiliche più interessanti in Italia a mio parere, da vedere almeno una volta nella vita

  • 7229 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social