Tour della Puglia agosto 2018

In giro per la Valle d'Itria, poi un salto in Salento e nel Gargano

Diario letto 37502 volte

  • di isa281
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

11 AGOSTO

Partenza venerdì 10 agosto alle 23,45 un po' in ritardo rispetto a quanto avevo pensato. Secondo il navigatore, l'orario presunto di arrivo doveva essere alle 12,40 circa e quindi andava più che bene visto che erano circa 1030 km. Traffico scorrevole e nessun intoppo. Peccato che in zona Cerignola abbiamo trovato circa 4 km di coda e poi abbiamo trovato anche tanto traffico usciti dall'autostrada. Finalmente arriviamo a Cisternino e ci mettiamo a cercare il nostro bed and breakfast, che sapevamo essere in campagna. Con il navigatore non riuscivamo a venirne a capo. Abbiamo chiesto informazioni e in due occasioni ci è stato detto “molto difficile arrivarci”. Quindi abbiamo telefonato alla signora della struttura che ci ha chiesto dove eravamo, di non muoverci da lì e che ci sarebbe venuta a prendere lei... Quindi siamo arrivati e abbiamo scaricato la macchina. Ma la signora ci ha anche detto che il navigatore non ci aveva aiutato in quanto le strade non sono mappate, ma con google maps non avremmo avuto problemi. E allora ci siamo detti: proviamo a usarlo anche noi. E da allora non lo abbiamo più abbandonato anche perché, in caso contrario, saremmo stati ancora lì adesso a cercare il nostro bed and breakfast... Dopo esserci un po' sistemati siamo subito partiti alla volta di Cisternino. Visto che erano circa le quattro del pomeriggio i paesi dormono ancora e quindi abbiamo parcheggiato senza difficoltà ai piedi del paese in un parcheggio libero. E, accompagnati da un bel cielo limpido, abbiamo iniziato la visita iniziando dal rione ù Bùrie dove le famiglie benestanti facevano costruire i loro palazzi. Da lì siamo arrivati al belvedere e poi abbiamo proseguito la passeggiata cercando gli altri 4 rioni del centro e arrivando infine alla piazza Vittorio Emanuele con la Torre dell'orologio. Ci siamo fermati per una coca cola nel famoso Bar Fod che risale al 1951 e già dopo questo primo giro abbiamo subito avuto la sensazione che stavano vedendo un paese “diverso” da quelli a cui siamo abituati: resti colpito da tutto quel candore sporcato solo dalle macchie di colore dei vasi pieni di fiori, dalle strade strette, dalle scale ripide, dalle donne ancora sedute fuori dall'uscio a chiacchierare sulle sedie di paglia, dalle piccole botteghe come quelle di una volta, da un'atmosfera che sembra più rilassata e meno frenetica. E questa sensazione ci avrebbe accompagnato per tutta la durata del nostro viaggio

12 AGOSTO

Dopo un'abbondante colazione, siamo partiti alla volta di Ostuni, la città bianca, che dista da Cisternino circa 15 km. Ma subito ci siamo resi conto che le distanze ingannano: strade piene di curve e spesso un po' dissestate fanno sembrare i km molto più lunghi. Arrivando abbastanza presto siamo riusciti a parcheggiare senza pagare vicino al grosso parcheggio proprio ai piedi della città. Una breve salita e ci siamo subito trovati nella piazza della Libertà al centro della quale si trova la guglia con la statua di Sant'Oronzo, di fronte al Municipio, e si vedono girare i famosi ape-calessino che ti portano alla scoperta del paese, passando anche nei vicoli più stretti. Da lì abbiamo imboccato la via che inizia proprio alle spalle della guglia e ti porta fino ad un belvedere da cui vedi la bianca Ostuni in tutto il suo splendore e inoltre, in basso, vedi la chiesa della Madonna della Grata circondata dai campi coltivati. Anche a Ostuni è stato bello girare senza meta, alla scoperta di scorci caratteristici, vie lastricate, archi e scalinate, stretti passaggi, fino ad arrivare alla cattedrale con i tre stupendi rosoni che ornano la facciata, e alla elegante loggia che collega il palazzo vescovile a quello del seminario

  • 37502 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social