Portogallo, alla scoperta del paese del fado

Da Porto fino alle coste dell’Algarve, poi cinque giorni a Lisbona e di nuovo nella città dei ponti

Diario letto 36640 volte

  • di robi85
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Per il viaggio di quest’estate io e il mio ragazzo eravamo alla ricerca di una meta abbastanza economica e la nostra scelta è caduta sul Portogallo… non sapevamo molto di quello che avremmo trovato, ma questo Paese ci ha stupito con la varietà dei suoi paesaggi, la cultura delle sue città e la bontà della sua cucina. Lonely planet alla mano, abbiamo iniziato qualche mese prima della partenza a prenotare voli e alberghi e pianificare le varie tappe del viaggio. Abbiamo deciso di iniziare il nostro tour da Porto per la comodità del volo Ryanair da Bologna, da qui abbiamo noleggiato un'auto e abbiamo proseguito un po’ a zigzag tra la costa e l’interno verso sud, fino ad arrivare alle coste dell’Algarve; siamo infine risaliti fino a Lisbona dove abbiamo lasciato l’auto e, dopo esserci fermati 5 giorni in questa favolosa città, ci siamo diretti nuovamente verso Porto in autobus per il rientro a casa.

6/08

Arriviamo a Porto che è quasi sera; lasciamo i bagagli nell’ostello situato a pochi passi dalla fermata della metropolitana e partiamo subito per una passeggiata alla scoperta della città. Ci accorgiamo subito che Porto è piena di scale (sorgendo su una collina le scale fungono da scorciatoie per raggiungere i vari livelli della città) e nonostante la presenza del fiume fa un caldo incredibile… una combinazione devastante! Raggiungiamo il ponte Dom Luis che, tutto illuminato, domina il paesaggio e ci addentriamo per i vicoletti della Ribeira affollati di gente. Facciamo solo un giro veloce, dedicheremo tutta la giornata successiva alla visita della città, che ci appare già a prima vista in tutto il suo fascino.

7/08

Abbiamo solo un giorno a disposizione per visitare Porto e non vogliamo perderci nulla…quindi usciamo molto presto e riusciamo a goderci la città praticamente tutta per noi!! Ripercorriamo le famose scale e raggiungiamo la Ribeira, col sole possiamo apprezzarne la vivacità delle case colorate e le tipiche barche dei pescatori lungo il fiume. Girovagando per le strade ci accorgiamo che molti palazzi sono decorati con i tipici azulejos, piastrelle di ceramica decorate con i classici motivi bianchi e azzurri... la tradizione degli azulejos trova la sua massima espressione nell’ingresso della stazione Sao Bento e sulla facciata della chiesa del Carmo, impressionanti! Lasciato il quartiere della Ribeira ci dirigiamo verso la torre Dos Clerigos, saliamo per ammirare il panorama e “puntiamo” la nostra prossima tappa: la libreria Lello e Irmao, meta obbligata per un’amante della saga di Harry Potter come me. Si dice che J.K.Rowling si sia ispirata alla favolosa doppia scala di questa libreria per descrivere le scale di Hogwarts… non devo essere stata l’unica ad averci creduto perché la libreria è strapiena di gente e si fa quasi fatica ad apprezzarne a pieno la bellezza. In compenso si vedono benissimo le copie dell’ultimo libro della saga esposte all’ingresso; non posso resistere e ne acquisto uno, sarà il mio souvenir di Porto :-P Il caldo inizia a farsi sentire sul serio, ci fermiamo per pranzo e poi ci dirigiamo sulla riva opposta del fiume, famosa per le cantine del vino Porto… ma tutto quello che degustiamo è un bel Calippo per combattere la calura!! Continuiamo a girovagare per la città senza una meta precisa, bevendo litri e litri di acqua, finchè non si fa sera e ritorniamo in ostello per mangiare qualcosa e goderci una bella siesta

  • 36640 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social