Portogallo magico

Tour fra spiagge e brulle scogliere, castelli, tipiche zone collinari e tante bontà culinarie! 'Eu te amo, Portugal!'

Diario letto 33115 volte

  • di moniasvario
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Sulla scia del viaggione negli States dell’anno scorso, decidiamo di concederci quest’anno una destinazione più economica e così… PORTOGALLO sia!

GIORNO 1: MALPENSA- LISBONA

Finalmente è arrivato il 29 maggio! Partiamo da casa intorno alle 14.30 e tutto fila liscio finché, entrati nel terminal 2, notiamo sugli schermi una marea di voli cancellati a causa dello sciopero degli assistenti di terra. Ahi... Ci rincuora però che del nostro volo non si faccia menzione di nulla, speriamo! Partiamo fortunatamente in orario e, dopo aver messo piede nell’aeroporto di Lisbona, ci dirigiamo al negozio della Vodafone dove ci attende un rappresentante della compagnia di noleggio ‘Drive on holidays’ che ci accompagna in navetta presso l’ufficio situato a circa 5 km.

Decidiamo di aggiungere il noleggio di un apparecchio chiamato ‘VIA VERDE VISITORS’ DEVICE’ al costo di € 14,80 per 8 giorni; esso è come un Telepass: vengono registrati a mezzo telecamera i passaggi dell’auto presso determinati tratti autostradali che sono a pagamento, il cui costo totale viene poi scalato dalla carta di credito alla fine del viaggio. Comodissimo e super consigliato!

Dopo un po’ di giri diciamo di “orientamento” attorno all’isolato, riusciamo ad imboccare la C19 in direzione Sintra per poi giungere, dopo circa una mezz’oretta di strada, all’Ibis Hotel prenotato da casa.

GIORNO 2: SINTRA – OBIDOS- PORTO

La sveglia suona alle 7, ci facciamo una doccetta e decidiamo di fare la colazione a buffet dell’albergo al costo di 6 € p.p.; siamo pronti alle 8.30 e via verso SINTRA sotto un bel cielo azzurro! Seguiamo le indicazioni per il PALACIO DA PENA e l’attiguo CASTELO DE MOUROS percorrendo una salita nei boschi e giungiamo all’ingresso del Palacio poco prima dell’apertura (9.30) così che siamo anche fortunati a trovare agevolmente un posteggio nelle vicinanze.

Il biglietto d'ingresso al solo palazzo costa 13,50 €, quello per l’accesso al castello è 7 € così crediamo valga la pena di scegliere l’opzione combinata a 17 € p.p.

Poco dopo l’ingresso ci sono dei trenini che salgono al palazzo (distante circa 500 metri, in salita) ma noi preferiamo camminare; esso è davvero meraviglioso, sembra di stare nel mondo delle favole, ce lo giriamo a destra e sinistra fra tutti quei merletti, torrette e colori giallo, violetto, rosso.

Alle 11 circa ci dirigiamo al Castello, davvero carino, dalle cui mura si vede bene la cittadina di Sintra, le pianure circostanti e il Palacio arroccato più in là.

Soddisfatti di questa bella mattinata, scendiamo in paese e ci fermiamo al ‘Restaurante Taverna’ dove Federico prende un’insalatona mentre io provo il baccalà alla griglia mischiato con patate e uovo. Una bomba, ma buono! Girovaghiamo nelle viuzze della cittadina super turistica fino alla piazzetta del Palacio Nacional de Sintra per poi proseguire la marcia sulla EN9 fra zone collinari, strade sali-scendi e sparuti paesini.

Tutto il resto per me è buio fino all’arrivo ad OBIDOS quando Federico mi sveglia mentre sta posteggiando l’auto. Possiamo tranquillamente affermare che questa è una delle più belle cittadine che abbiamo visitato durante la nostra permanenza in Portogallo; ci colpisce molto questo borgo fatto di case bianche con i bordi dipinti di blu, giallo, rosso; esso è chiuso da mura senza protezione ma abbastanza larghe per permettere a chi le cammina di non stare mai in situazione di pericolo. Dopo un bel po’ di soste per fotografare abitazioni, la campagna circostante ed aver ammirato una porzione di acquedotto in lontananza, giungiamo al vero e proprio castello che è diventato una ‘pousada’, cioè una residenza turistica di lusso

  • 33115 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social