Dettagli di una luna di Miele "per caso"

Luna di miele “per caso” in Portogallo Il mio entusiasmo per il Portogallo mi ha portato a scrivere un primo itinerario, in cui lasciavo aperta la possibilità di rispondere alle email che mi avrebbero chiesto informazioni ulteriori. La scelta derivava ...

Diario letto 3242 volte

  • di Lalù C.
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Luna di miele “per caso” in Portogallo Il mio entusiasmo per il Portogallo mi ha portato a scrivere un primo itinerario, in cui lasciavo aperta la possibilità di rispondere alle email che mi avrebbero chiesto informazioni ulteriori. La scelta derivava dall’idea che scrivere molto da subito avrebbe rischiato di annoiare, ma ora mi rendo conto che tentare di scrivere ad ognuno le indicazioni a mio avviso più congrue, rischia d’essere molto lungo e difficile.

Allora ho deciso di provare: ….Ecco il nostro itinerario in Portogallo.

[Avvertenza: tutti i nomi sono scritti con i caratteri italiani, vista la mia poca dimestichezza col computer, ma in realtà il portoghese è infarcito di ç e accenti strani.] Devo anche premettere che noi, essendoci stati in viaggio di nozze, non abbiamo sempre scelto gli alberghi più economici, ma ciò non significa che non ce ne siano.

15/5/2000 1^ GIORNO DI VIAGGIO LISBONA [Vi segnalo, se volete una versione più poetica della città di Lisbona e se non l’avete ancora letto, l’altro itinerario: Lisbona 1999, che la descrive in modo più puntuale.] Sveglia alle 4 e 30: AIUTO, gli eccessi del matrimonio si fanno ancora sentire… Le ossa mi fanno male, e non sono riuscita a dormire tutta la notte per il naso chiuso… forse non avrei dovuto ballare sotto la pioggia alla fine della festa… In ogni caso: le valigie sono pronte… rapido caffè e si parte! Ore 6.00.

Arriviamo al garage privato vicino a Caselle…ci terranno la macchina per due settimane senza chiedere cifre impossibili… Il proprietario è abituato, nel tragitto fino all’aeroporto vorrebbe fare due chiacchiere, ma Alberto ed io a quest’ora non sappiamo neanche chi siamo.

Ore 7:00 : Check-in e colazione fatti, compriamo il dizionarietto italiano – portoghese , tentiamo di capire il funzionamento della nostra nuova telecamera digitale, (regalo della nonna per il matrimonio!) e siamo pronti per partire! In aereo, mentre Alberto dormicchia io STUDIO la guida… Albe mi prenderà in giro da qui alla fine, ma io voglio DOCUMENTARMI… o almeno avere un’idea di Lisbona, visto che entro poco ci saremo… Ore 10:20 (ora portoghese) : Siamo a Lisbona… recuperati i bagagli, ci muniamo di - cartina del Portogallo - cartina di Lisbona - carta telefonica nonostante l’inquietudine ingiustificata di Albe, va tutto bene, senza problemi noleggiamo la “nostra” Opel Corsa blu… [avremmo potuto assicurarci il noleggio dall’Italia, ma purtroppo non possediamo una carta di credito, quindi abbiamo dovuto rischiare, in realtà non c’è nulla di preoccupante… all’aeroporto di Lisbona, come ovunque ci sono tante agenzie… noi ci siamo rivolti ad una società locale che se ricordo bene si chiama AutoRent, pagando un’Opel Corsa per due settimane $ 31.000] Inizia la vacanza!!! Io, abituata a Torino, sono colpita favorevolmente dalla luminosità di questa città, non so come mai, ma me l’aspettavo più cupa, invece c’è un sole splendido, il traffico è vivace, ma non triste come il nostro, il rumore ed i colori dei filobus, rallegrano le strade e i muri ricoperti di azulejos impreziosiscono anche le case più semplici.

In un attimo siamo in centro città, il mio neo maritino è un po’ teso e mi propone una divisione dei compiti, per oggi e per tutto il soggiorno: lui guida ed io lo dirigo. Da brava copilota m’illudo di avere la situazione sotto controllo, faccio la disinvolta e mi distraggo ascoltando la bella musica che propone la radio portoghese… in un attimo ci siamo persi, oddio, in realtà sappiamo bene dove siamo,ma, per un perverso gioco di precedenze e sensi unici… ci troviamo in tangenziale… dalla parte opposta rispetto all’aeroporto… e non solo… dobbiamo anche pagare il pedaggio!!!… Passiamo sopra al ponte che immaginiamo essere quello dedicato a Vasco da Gama e che solo in seguito scopriremo chiamarsi Ponte 25 Abril, da cui ci godiamo la vista di Lisbona

  • 3242 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social