Portogallo (Francia e Spagna) in auto

Quest’anno io e Domenico abbiamo azzardato un altro viaggio itinerante. Eravamo un po’ timorosi perché, con la nostra bimba Arianna di 19 mesi ad agosto, un viaggio con molti spostamenti non sapevamo quale effetto avrebbe fatto a lei, ma anche ...

  • di loretta
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
 

Quest’anno io e Domenico abbiamo azzardato un altro viaggio itinerante. Eravamo un po’ timorosi perché, con la nostra bimba Arianna di 19 mesi ad agosto, un viaggio con molti spostamenti non sapevamo quale effetto avrebbe fatto a lei, ma anche a noi. Abbiamo dedotto che più di frequente si cambiano le abitudini, seppur con tempi e modi adeguati ad una bimba così piccola, meglio è. I bambini si adattano con facilità rispetto agli adulti; ad esempio ha mangiato pochissimo eccetto il suo amato latte e biscotti, ma ha dovuto arrendersi al riso che a casa non ha mai voluto mandar giù. Noi, invece, abbiamo capito che muoversi con una bimba piccolissima può anche essere impegnativo, ma, oltre migliorarci sempre di più nell’organizzazione, il divertimento è unico.

La destinazione era nata dall’intenzione di provare l’esperienza del camper. Svanita questa evenienza, per impossibilità di reperire un camper in noleggio che facesse al caso nostro, per il periodo che ci interessava, abbiamo scelto la nostra auto, alimentata a gpl e benzina.

In fondo al racconto ci sono i dettagli dei costi sostenuti per carburante, autostrade, hotels.

L’itinerario che avevamo previsto era il seguente: Italia (Reggio Calabria) – Carcassonne (F) – Lourdes (F) – Bilbao (E) – Porto (P) – Lisbona (P) – Albufera (P) – Siviglia (E) – Cordova (E). Di quanto sopra abbiamo tralasciato Albufera e tutto l’Algarve. Tre/quattro giorni non sarebbero stati sufficienti per assaporare quei luoghi che, passando, abbiamo intuito meritano un viaggio a parte.

Partiamo l’8 agosto, in mattinata e la sera arriviamo a Massarosa (LU) dove avevamo previsto il pernottamento, visti i primi 1040 km di distanza. Arriviamo alle 23 invece che alle 21, come previsto. Il motivo? Quella meraviglia della A3 Salerno-Reggio Calabria con bollino nero, che anche senza bollini è una tragedia. Siamo costretti dalla segnaletica a fare una strada alternativa per una “manovra di alleggerimento”. Chi o cosa avranno allegerito? E’ stata un’esperienza in condizioni disumane, vergognosa. (Già provata anche lo scorso anno: 10 ore per raggiungere Napoli). Già a Villa San Giovanni in corsia sud, la coda era di chilometri. Ponte si? Ponte no? Ma non sarebbe, intanto, utile che i lavori pubblici proseguissero speditamente o iniziassero per ampliare una rete stradale che è rimasta al traffico di auto degli anni ’60? Salvo il fatto che il numero dei mezzi è cresciuto in maniera esponenziale. E poi capita che ci ritroviamo ridicolmente imbottigliati, come topi, con la Protezione Civile che ci porta l’acqua... Comunque arriviamo a Massarosa, all’hotel Marnie (vedi scheda), vicino l’autostrada; una sola stellina, ma splendente. La signora che ci ha ospitato è molto garbata e gentile.

La mattina dopo ripartiamo e in serata, h 19 circa, arriviamo a Carcassonne (F) 09 ago’09 - una notte e prendiamo possesso della camera prenotata all’Etap. Gli hotels Etap della catena Accor, l’ho detto in altri racconti, sono veramente unici. Essenziali, geniali, comodi perché spesso si trovano in punti strategici. Sono circa 300 in Francia, ma ce ne sono anche in Spagna, Germania, Austria, Regno Unito... www.Etaphotel.Com. (vedi nota) Fatto il check-in decidiamo di visitare subito la cittadina medievale. L’arietta è bella frizzante, ma entro breve diventa proprio fredda: 19° C. Saliamo alla Citè. E’ un borgo medievale, restaurato, anche se in alcune parti in modo un po’ pesante. E’ consigliabile prima di entrarvi, fare un giro delle Lices, cioè lo spazio fra le due cinte murarie, torri con tetti a cono... ti aspetti di incontrare Guglielmo da Baskerville..

  • 28411 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social