Un paese di pietra, per caso

Bergolo (Cuneo) è un itinerario per caso, come lo chiamiamo noi, che si rivela una sorpresa per chi ama i luoghi remoti, ricchi di anima, arte e cultura, ma allo stesso tempo quieti, lontani dal mondo e davvero rigeneranti.

Diario letto 3250 volte

  • di ClaudiaPatrone
    pubblicato il
  • Viaggiatori: 1
    Spesa: Fino a 500 euro

Un itinerario per caso, come lo chiameremmo noi, che si rivela una sorpresa per chi ama i luoghi remoti, ricchi di anima, arte e cultura, ma allo stesso tempo quieti, lontani dal mondo e davvero rigeneranti. Bergolo (Cuneo) è una meta turistica che ritengo eccezionale, nella nostra piccola grande Italia. Un antico borgo in pietra arenaria, edificato da gente operosa, abituata alla vita faticosa dei campi, tenacemente convinta a mantenere il posto assegnato dai natali in questo estremo angolo di mondo, dove le colline per una coltivazione di sussistenza richiedevano lo sforzo esagerato di un terrazzamento in muro a secco. Siamo al confine tra Piemonte e Liguria. Natura e cultura, perenne binomio. In questo luogo, quasi non si distinguono. Sali sulla collina più alta, sul crinale tra le Valli Bormida e Uzzone, e non capisci se sia più l’ambiente selvaggio, più la cura squisitamente umana di un borgo, o l’una e l’altra cosa. A convincerti, a rapirti. Ormai fuse, in armonia. Bergolo è la prova che natura e cultura possono fluidamente coesistere. Un luogo per la mente e per il cuore. È un fatto concreto, la pietra. E in questo, che è definito il paese di pietra, il motivo è elementare: tutte le case, gli edifici architettonici storici e religiosi, anche l’acciottolato del pavimento dell’unica via – perché Bergolo è un centro minuscolo, che conta appena un’ottantina di abitanti – sono costruiti nell’arenaria locale lasciata a vista, nuda, e l’armonia di un tale contesto urbano è impreziosita dai numerosi murales, dalle opere d’arte, dai bassorilievi che ne fanno un autentico museo a cielo aperto.

Bergolo è situato a 616 metri di altitudine sul livello del mare, che qui manda frequentemente il suo vento, scirocco o – chiamato proprio come nell’Alta Savoia francese – marin. Si sale da Cortemilia, quasi sempre, solcando versanti di noccioleti per una manciata di chilometri.

Siamo nelle valli langarole, e i manufatti sono così bene inseriti nel contesto ambientale che qui si organizza annualmente un corso teorico-pratico gratuito di bioedilizia e bioagricoltura, per insegnare a lavorare la pietra con quelle stesse tecniche antiche che corrispondono ai più moderni dettami ecologici, siccome a Bergolo l’arenaria è declinata in tutte le variabili di colore, posizione, incastro. Sull’unica via si affacciano le case del paese, poche. Un pavimento lastricato, pareti antiche riportate a vista, pure la chiesa e il campanile sono stati spogliati dall’intonaco e svelati. Poi i terrazzamenti che servirono a coltivare queste colline, e opere d’arte ovunque, oltre a una stagione di eventi culturali che ogni estate si rinnova ricca di stimoli. Dimenticavo un'organizzazione ricettiva di tutto rispetto, se paragonata alle dimensioni comunali: un ristorante rinomato, una pizzeria per veloci spuntini, una piscina collocata sul belvedere in pieno contesto ambientale naturale e numerosi percorsi escursionistici, camere d'albergo, residence, foresteria, area camping e un villaggio di bungalow nel bosco che è una vera chicca.

Se si arriva in un giorno qualunque, si trova un borgo incantato. La domenica, d’estate, durante le feste, c’è sempre gente. E spesso musica, di ogni genere. Si può procedere senza guida nella visita: non ci si perde. O forse sì… c’è da augurarselo. Qui ci si può lasciare invadere da questo ritmo lento, passeggiare senza sosta, guardarsi intorno e soddisfare ogni curiosità: a Bergolo si trovano, in ordine sparso, opere d’arte moderna, una chiesa secentesca con una pregevole pala d’altare, formaggi tra i migliori, addirittura un monumento memorial a Ezra Pound, un ambiente naturale intatto e ricco, infine il mondo intero evocato su una bussola, lassù, nel punto più alto

  • 3250 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social