Paros, alla fine eccoci

Una settimana a Paros tra spiagge, villaggi e gastronomia.

Diario letto 2483 volte

  • di Pignerin
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro

Paros alla fine eccoci. Dopo ferragosto, insperata, si apre la possibilità di fare a settembre una settimana di Grecia, non abbiamo dubbi, se ci riusciamo andiamo a Paros.

Sabato 15 settembre il nostro volo Ryan verso le 18 atterra a Mykonos e, sorpresa, non ci sono bus che vanno in paese, l'ultimo partiva alle 18:10. Quindi taxi, con l'occasione ci facciamo portare all'hotel Panorama ad Agios Stefanos (scelta obbligata per chi fa una notte in transito a Mykonos e non si vuole svenare). La mattina successiva di buon ora ci incamminiamo verso il new port da dove partono i traghetti per Paros, sono circa venti minuti a piedi e con il trolley da 10 kg e la temperatura clemente si può fare. La banchina è gremita di turisti, facciamo il biglietto e poi via si parte. Paroikia, oltre ad essere il porto di arrivo, è anche il luogo che abbiamo scelto per soggiornare. Appena scesi veniamo "aggrediti" da una torma di venditori: alloggi, auto, scooter,ecc.. John Latsos ci offre uno scooter Sym 125 per 7 giorni a 115 euro, ci penso tre secondi e gli dico ok, lui forse rimpiangerà di non aver sparato alto, io di non aver tirato, ma il prezzo mi sembrava giusto. John carica un bagaglio sul suo scooter e ci accompagna all'Hotel Eri, prenotato con Booking. L'inizio è veramente scoppiettante, splendido e veloce il servizio di noleggio scooter e l'Hotel... Claudia mi chiede come cavolo ho fatto a sceglierlo, con bellissima camera con vista su piscina e mare,parcheggio privato,super colazione a buffet e staff disponibilissimo e molto gentile.

Ci mettiamo subito in moto e ci fermiamo a Martcelo, una spiaggia con la esse maiuscola, relax al sole, bagno e pranzo al Paradiso, piccolo self service con piatti tipici della cucina greca tradizionale, proprio attaccato alla spiaggia. Siamo soddisfatti, riprendiamo lo scooter e continuiamo fino ad Agios Fokas. È veramente un bel pezzo di costa e non abbiamo ancora visto niente. La sera, per cena, ci fermiamo sul lungomare alla taverna The Waves, senza infamia e senza lode. Lunedì alle 8 siamo già in strada, destinazione Kolibrities e Monastiri le spiagge iconiche di Paros. Beh, incredibile a dirsi, nonostante non siano ancora le nove tutte le piccole piazzole tra gli enormi e suggestivi sassi di Kolibrities sono occupate, anzi no, l'ultima è per noi, quindi ci sistemiamo e passiamo lì tre orette. Bello il posto anche se molto sfruttato, turisticamente parlando. Decidiamo per mezzogiorno di tuffarci in Naussa e ci sciroppiamo tutte le vie caratteristiche scattando belle foto in alcuni scorci, poi stanchi, ci facciamo un pita gyros da Frank. Rinfrancati ci rimettiamo in viaggio e tocchiamo tutte le spiagge a nord est fino a Santa Maria, poi paghi ritorniamo alla base. La sera Claudia ha messo nel mirino la taverna Apostolis, luogo frequentato dai locali, è una buona taverna e ci saremmo tornati anche la sera successiva.

Martedì si presenta con un gran vento, decidiamo allora, sperando di trovare un po' di calma, di dirigerci verso est, passiamo da Lefkes e arriviamo finalmente in un porticciolo protetto e molto carino: Pisolivadi. Ci sistemiamo sui lettini davanti all'Hotel Paros, le attrezzature sono gratis se si pranza nel locale di competenza e così facciamo.Bella mattinata e buon pranzo, i bagni? Ho perso il conto. Nel pomeriggio, continuiamo la nostra esplorazione spingendoci verso sud ma le spiagge sono tutte impraticabili causa vento tranne l'ultima, Loladonis, dove ci fermiamo e finiamo la giornata

  • 2483 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social