Da Los Angeles a S.Francisco visitando i Parchi Americani

La realizzazione di un sogno alla scoperto di bellezze naturali uniche

Diario letto 7785 volte

  • di mau14
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 8
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro

Il desiderio di realizzare un sogno accarezzato sin da bambino, quando il gioco preferito erano gli indiani contro i cowboy, il desiderio di un gruppo di amici di scoprire posti nuovi e il fascino americano, mai tramontato, ed ecco che otto amici, quasi…ragazzi, decidono di scoprire il “favoloso west americano”. Non è un viaggio da “Turisti per caso”, ma ci affidiamo a un’agenzia di viaggi. Nessuno se la sente di guidare sulle assolate e lunghe strade del West per chilometri e chilometri in mezzo al nulla! Il viaggio prevede il volo Milano Los Angeles, la visita di alcuni dei principali parchi americani e arrivo a San Francisco. In tutto dodici giorni.

Siamo quattro coppie, io Mau, Maurizio, Memo e Mauro e le rispettive consorti, Tiziana, Isa, Cinzia e Ketty.

Partiamo il 23 settembre da Milano Malpensa con volo della British Airways delle 11,55 con scalo e Londra e successivo volo per Los Angeles delle 16,30. Qualche turbolenza sulla Manica e arrivo puntuale al terminal 5 gate A di Londra Heathrow. Da qui un comodo trenino interno ci porta al gate C, da dove parte l’Airbus A380 per Los Angeles. Il volo si svolge in tutta tranquillità. Ci viene servita la cena a base di pasta alle verdure o pollo al curry (…da dimenticare) e abbiamo modo di verificare la professionalità e gentilezza del personale di bordo. Sorvoliamo la Groenlandia, l’Alaska, il Canada, il Nord America e finalmente dopo undici ore di volo atterriamo a Los Angeles. Qui sbrigate, abbastanza velocemente le procedure di sbarco e recuperato senza problemi il bagaglio raggiungiamo il punto dell’aeroporto dove dovremmo incontrare la nostra guida. Facciamo conoscenza con altre persone che nei prossimi giorni divideranno con noi le emozioni del viaggio. Tra questi una simpatica coppia della provincia di Brescia, Carolina e Davide, in viaggio di nozze.

Dopo una lunga attesa finalmente arriva la navetta che ci porta all’Hotel “Holiday Inn Express” di Hawthorne.

La camera è molto spaziosa con due comodi letti extra-size. Siamo stanchissimi per il lungo viaggio e dopo una corroborante doccia, alle ventitré, ora locale, spegniamo la luce e cadiamo in un sonno profondo.

Martedi 24 settembre – Los Angeles

Sveglia prestissimo, alle 5,30. Colazione alle 6,30. Partenza alle 7,30. Facciamo conoscenza con gli altri turisti che ci accompagneranno in quest’avventura americana: alcune coppie in viaggio di nozze, un paio di coppie “agè”, giovani e meno giovani, in tutto una quarantina di persone. Conosciamo inoltre la nostra guida, Letizia. Americana di origini messicane parla bene la nostra lingua, avendo vissuto per sette anni in Italia e cosa molto importante, si dimostra simpatica, preparata e disponibile. Fatte le reciproche presentazioni, iniziamo il nostro tour. Oggi è in programma la visita della città di Los Angeles. La città è grandissima, si estende su una superficie di 1300 kmq e ha una popolazione di oltre quattro milioni di abitanti. Siamo subito inghiottiti dal traffico caotico per entrare in città. Otto corsie dell’autostrada e quella preferenziale per i pullman non sono sufficienti a consentire un deflusso veloce delle auto. Occorre più di un’ora per raggiungere la zona centrale della città. Passiamo davanti allo stadio di football americano poi al mitico “Staples Center” dove gioca la squadra di basket dei “Los Angeles Lakers” e prima sosta al “Walt Disney Concert Hall” dove ammiriamo un primo assaggio dello skyline cittadino. Il cielo è coperto, ma come ci spiega la guida, è una caratteristica della città. Rapidamente il tempio cambia, sereno e temperatura alta. Raggiungiamo “Downtown”, poi visita alla zona storica della città denominata “El Pueblo de Los Angeles”, dove è stata restaurata e arredata una tipica abitazione signorile dei primi del ‘900. Ricorda molto il pueblo di Don Diego della Vega, il mitico Zorro…!

Da qui sempre in pullman eccoci nella zona elegante della città: Beverly Hills. Impossibile non farsi fotografare sotto la famosa scritta. Poi guidati da Letizia, raggiungiamo l’elegante ed esclusiva “Rodeo Drive”, i negozi delle grandi firme, l’hotel dove fu girato “Pretty Women”, le lussuose automobili e il lusso sfrenato. Peccato che a poca distanza notiamo gruppi di “homeless” bivaccati lungo le strade e nelle piazze addirittura con piccole tende. E’ uno dei grandi problemi e contraddizioni della società americana contemporanea. Da una parte la ricchezza e dall’altra la difficoltà di molte persone, senza un lavoro e a causa del costo elevato delle abitazioni e degli affitti, costretti a vivere per strada. Riprendiamo il pullman e ci dirigiamo vero la zona di Hollywood. Raggiungiamo Hollywood Blvd, arteria caotica resa celebre dalle stelle sul pavimento che ricordano i divi della musica e del cinema. Vediamo il famoso Cynese Theatre e il teatro, dove si svolge la premiazione degli Oscar. Pranzo veloce da “Baja Fresh”, poi saliamo verso l’Osservatorio Astronomico da dove si ammira la città a 360 gradi. Salendo attraversiamo la zona più esclusiva della metropoli, bellissime ville e palazzi fanno da cornice alla strada che sale sino all’Osservatorio. Siamo vicini alla famosa scritta “HOLLYWOOD” ed è possibile capire quanto è estesa questa città, la più grande degli Stati Uniti. La visita dell’Osservatorio si rivela interessante e sorprendente. Dopo aver atteso i soliti ritardatari, scendiamo dalla collina e raggiungiamo Santa Monica, elegante cittadina sulle rive dell’Oceano Pacifico. Costeggiamo il lungomare e raggiungiamo la vicina Venice, così chiamata perché “ricorderebbe !!” la nostra Venezia. In realtà ci sono solo alcuni canali con piccoli ponti, qualche imbarcazione e anonime villette. Forse Venezia è un’altra cosa!

Ritorniamo verso Santa Monica, dove ceneremo. Qui è d’obbligo la foto vicino alla scritta che indica la fine della mitica “Route 66”, una passeggiata sul lungomare, poi non resistiamo ad attraversare la lunga spiaggia e raggiungere le acque dell’oceano, dove gruppi di giovani si stanno cimentando nel surf. Raggiungiamo il ristorante, situato sul molo principale. Ci aspetta un bellissimo tramonto sull’oceano e una cena da “Seaside on the Pier” a base di hamburger e fish and chips! Breve passeggiata dopo cena e rientro a Los Angeles

  • 7785 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social