Road Trip fra i gioielli dell'ovest USA

Immersione nella natura stupenda dei parchi USA e nei paesaggi infiniti del far west

Diario letto 1517 volte

  • di gggraziella
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Da anni il viaggio nell’ovest Usa stuzzicava i nostri desideri e veniva rimandato. Ora, pur con le solite difficoltà legate ai pochi giorni disponibili, abbiamo deciso di provarci senza rinunciare a nessuna delle attrazioni per noi migliori. Un grande grazie ad Arianna che con passione ci ha assistito, anche nei minimi particolari, dalla prima idea fino a viaggio concluso.

21.09.2018

Volo American Airline207 MXP/ MIA 11,05/14,45. Le ore di scalo a Miami sono assorbite in gran parte dalle molte formalità. Volo AA 1488 MIA/LAS 18,00/20,00. All’arrivo possiamo godere di una bella veduta dall’alto dell’illuminatissima città. Essendo volo interno a Las Vegas ci sono poche formalità, così ritirati i bagagli ci spostiamo alle code per accedere ai taxi. La temperatura è alta, percorriamo il breve tragitto che porta al Flamingo fra luci e luminarie, tutti gli accessi all’hotel sono un tripudio di luci colorate e illuminazioni spettacolari. Sbrigata velocemente la registrazione veniamo rapiti dal grande casinò: c’è una marea di gente, tanti giocatori, le ballerine su alcuni tavoli, tantissime macchinette. Ci incuriosiscono i croupier con le loro mosse mentre una sposa, con l’abito ormai impolverato, si aggira fra i lussuosi corridoi. Prima di salire in camera facciamo ancora un giro fra i negozi e nel giardino dell’albergo. La stanza si affaccia su un’infinità di insegne fluorescenti , su altri grandi hotel e sulla ruota panoramica che cambia continuamente lo sgargiante colore dell’illuminazione.

22.09.2018

Sveglia alle 6, facciamo colazione con i biscotti portati da casa ed il caffè a disposizione in camera. Alle 7 scendiamo e, al banco della Hertz, troviamo diverse persone in coda ma nessun addetto. La consegna dell’auto per noi è prevista alle 7,30 così approfittiamo per fare un giro nel casinò quasi vuoto (ci sono solo alcuni irriducibili che giocano mentre fanno colazione ai bar interni) e nel giardino fra aiuole, piscine e fontane. Tornati al banco Hertz scopriamo che l’addetto non si è ancora presentato; né il personale della reception né gli addetti ad altri banchi vicini sanno niente al riguardo. I turisti che non avevano l’auto prenotata se ne vanno a cercare in altre agenzie/hotel; restiamo in attesa con una coppia di turisti provenienti dalla Florida che aveva prenotato la consegna dell’auto per le 7. Quando sono le 8 cominciamo a preoccuparci. I "floridians" compagni di sventura sentono altre agenzie Hertz della zona ma non ci sono auto disponibili. Troviamo compassione da parte di un’ impiegata della reception che ci ascolta e sente altre agenzie ma ovviamente invano. Inoltriamo una mail all'assistenza in Italia ma essendo sabato pomeriggio non abbiamo risposta. Alle 8 e 45, quando ormai cominciamo ad agitarci arriva l’addetto Hertz che, senza scomporsi, chiede scusa e ci consegna le chiavi dandoci indicazioni su dove troveremo l’auto. Prendiamo velocemente possesso e confidenza con la nostra Nissan. Lasciamo il posteggio quando ormai sono le 9 passate e puntiamo subito ad uscire da Las Vegas. Appena fuori dalla città incontriamo gli immensi paesaggi semi-desertici. Oltre Boulder City superiamo l’ansa del Lake Mead formato dal fiume Colorado e continuando sulla route 93 ci imbattiamo in treni infiniti, alcuni con container sovrapposti, e in molti mulinelli di sabbia sollevati dal vento. Le abitazioni sono poco frequenti, a volte sono abbandonate, spesso agli incroci con le strade sterrate ci sono file di anche 15/20 cassette delle lettere. A Kingman svoltiamo sulla storica route 66. Lungo questo tratto tutto inneggia alla mitica strada e il suo logo campeggia sia su edifici privati che commerciali

  • 1517 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social