Oman, il Paese che non t'aspetti

Un viaggio molto vario e interessante. L'Oman è un paese che non ti aspetti. È poco conosciuto e ricco di sorprese, soprattutto paesaggistiche. Deserti, città modernissime e villaggi in pessimo stato, strade sterrate impervie e grandi strade asfaltate, palme ovunque.

  • di Lurens55
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Partecipanti: io e Franca, in compagnia di (in ordine alfabetico) Andrea, Dino, Elena, Federico, Franco, Lorenzo, Marisa, Mauro, Moira, Monica, Sara e Sara, Tiziana

Cambio valuta: 1 OMR ~ 2,4 €

Prologo:

Quest'anno le vacanze scolastiche di Pasqua sono più lunghe grazie al fatto che sono attaccate al ponte del 25 aprile. Troviamo un viaggio in Oman, in gruppo max. 16 persone, proposto da Mundoescondido al costo di 1950€ per persona esclusi alcuni pasti.

Il 1° febbraio paghiamo l'acconto. Il 23 marzo paghiamo il saldo. Il 1° aprile, dopo aver seguito il tutorial su youtube, parto fiducioso con la compilazione della domanda di visto on-line. Ad un certo punto uno dei "campi obbligatori" è "nome della madre" e bisogna anche indicare, selezionando da un menu a tendina, se la suddetta madre è sposata o single. Non è previsto che la madre possa essere deceduta, come nel mio caso. Comunque per soddisfare il burocrate omanita compilo diligentemente i campi richiesti. Completata la compilazione, procedo con il pagamento per un soggiorno al massimo di 10 giorni (5 OMR ~ 11,60 €) pigio invio e il visto viene immediatamente concesso. Mi chiedo cosa controllino. Non resta che attendere i biglietti e i documenti di viaggio che arrivano via mail l'8 aprile. C'è anche la lista degli hotel. Da quello che si vede sui siti di booking e tripadvisor si direbbero di buon livello. Due giorni prima di partire c'è un po' di confusione sui pasti inclusi nella quota di partecipazione. Con un giro di mail si chiariscono le cose. Cambiano un pranzo con una cena la prima sera a Muscat che si prospetta attraente, per cui abbiamo 4 cene comprese. I pranzi invece sono tutti esclusi.

Sabato 20 Aprile 2019

Lasciamo l’auto al GPparking (29€ all'esterno fino al 28). Alle 9.30 siamo seduti al gate B51 in attesa del volo Turkish per Istanbul. Alle 10.30 imbarcano. Alle 11, con mezzora di ritardo, ci stacchiamo dal finger e poco dopo si decolla. Finalmente si arriva a Istanbul. Il nuovo aeroporto è di dimensioni gigantesche. Però la connessione Wi-Fi non funziona assolutamente e dovendo aspettare 3 ore in attesa del volo per Muscat c’è da morire di noia. Finalmente assegnano il gate. Ci incamminiamo e quando arriviamo troviamo Moira e Lorenzo arrivati da Roma e quindi il tempo passa piacevolmente chiacchierando e ricordando qualche aneddoto della comune vacanza nepalese di capodanno. L'imbarco è in perfetto orario, l'aereo si stacca dal finger in perfetto orario, accendono i motori.... e si sta lì fermi. Dopo un po' il comandante annuncia che il 737-900 ha un problema tecnico e che quindi torneremo all'area di parcheggio. Già non è bello che ti dicano che l'aereo su cui sei seduto, e che di lì a poco doveva decollare, abbia un problema, inoltre per sistemarlo ci è voluto un po' e si è cumulata un'ora di ritardo. Alla fine il volo è stato tranquillo e siamo arrivati a Muscat con 40' di ritardo. L'aeroporto è moderno e talmente pulito e lustro che potresti mangiare per terra. L'organizzazione del controllo visti e passaporti è efficientissima e in pochi minuti siamo al nastro bagagli dove le nostre valigie sono già tutte lì che girano. Usciamo e nell'atrio c'è il rappresentante omanita di Mundoescondido che ci attende e ci porta al pulmino. Ovviamente pulitissimo pure questo. Nel prosieguo del viaggio parlando con la guida abbiamo saputo che in Oman puoi essere multato di 10 OMR (circa 26 €) se giri con l’auto sporca. Manco in Giappone arrivano a tanto. Appena varcata la porta dell'aerostazione percepiamo la gradevole temperatura da forno. Per fortuna non è troppo umido. In 15 minuti siamo al Majan Continental Hotel dove il tizio che ci ha accompagnati ci comunica che nonostante il programma prevedesse di riposare al mattino, trovarsi alle 14 e partire a visitare la città e dintorni, la nostra guida arriverà alle 9. Cosi abbiamo nemmeno 5 ore per dormire. L'hotel è bello. La camera è spaziosa; c'è a disposizione un tappetino per pregare e sul soffitto c’e una freccia che indica dov'è la Mecca. Casomai volessimo convertirci, abbiamo tutto il necessaire. Il letto è comodo. Aiuterà a recuperare le forze

  • 1942 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social