Olanda. Giro nella Frisia. Tremila chilometri di percorso navigabile in una zona di 2.000 kmq

L'ultima settimana di maggio ho avuto la possibilità di scoprire le bellezze di una straordinaria provincia olandese e dintorni. Ecco una traccia di quello che intensamente ho vissuto

Diario letto 7143 volte

  • di guidolanda
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 1
    Spesa: Fino a 500 euro

Frisia

Esteso sistema di corsi d'acqua che collega tutti i laghi e siti storici, quattro zone di vela e pesca, IJsselmeer, Waddenzee, Mare del Nord.

Tutte le forme di attività ricreative sulla terra e sull'acqua, anche in inverno. Attrazioni eccezionali al coperto sparsi in tutta la regione, numerosi verdi pascoli, boschi e riserve naturali. Tutto questo è la Frisia, una delle più particolari provincie olandesi. Lo spirito indipendente del popolo frisone lo si rileva in modo evidente nei costumi e nelle tradizioni della provincia. Il proprio inno, la lingua, lo sport e cibi regionali sono dei buoni esempi. Dalls terra ferma tramite il traghetto è possibile raggiungere le isole Texel, Vlieland, Terschelling, Ameland e Schiermonnikoog. Sulle isole Wadden potete scoprire flora e fauna, spiagge tranquille e villaggi autentici.

Groninga

Come nel resto dell'Olanda la bicicletta è il mezzo di trasporto più pratico per andare al lavoro, a scuola, all’università o a fare acquisti in centro. Grazie a oltre 145 km di piste ciclabili che scorrono lungo tutte le arterie del traffico, Nel centro ho visto numerosi edifici storici, negozi e boutique, mercatini e antiquari. La città offre numerose attrazioni turistiche e angoli sconosciuti. Gli edifici storici si alternano ad opere di architettura moderna mentre i musei offrono grande varietà di arte antica e moderna. Groninga è ricca di edifici storici. Dalla torre di Martini alla Villa di Berlage, lungo il canale di collegamento Verbindingskanaal. Dal Goudkantoor del XVII° secolo dietro al Municipio fino all’Accademia nel centro della città, sulla piazza Broerplein. E dal Calmershuis del XIII° secolo fino alla Korenbeurs sulla piazza Vismarkt. E' stato interessante scoprire una città di architettura è l’armonia fra l’architettura antica e quella moderna internazionale. Per le serate ci si ritrova sulla Grote Markt. Il lato meridionale è stato trasformato in un unico grande complesso di locali. Nel quartiere Ellebogenbuurt si trova la massima concentrazione di caffè e ristoranti. Caffè tranquilli, dove si può chiacchierare, si alternano a vivaci pub frequentati da studenti. Tantissime birrerie, terrazze, locali dove pranzare, trattorie, pub e altri locali per chi desidera un ambiente tranquillo. I locali non hanno orari di chiusura determinati.

Wadlopen nel Waddezee

In questa zona di Waddezee, Mar Frisone Occidentale ho camminato sul fango lasciato scoperto dal mare durante il periodo di bassa marea. E' un'attività caratteristica della Frisia... praticamente ogni 6 ore e 1 quarto si alternano la bassa e l'alta marea. E' una splendida occasione per vedere piante, uccelli, pesci, foche. Tutte le isole offrono tranquillità e grandi spazi aperti, spiagge e dune, flora e fauna meravigliose, panorami spettacolari con la vista che si perde per chilometri.

Un Ospedale per le foche

Lo Zeehondencreche, un ospedale e centro di ricerca, a Pieterburen, fondato nel 1971, ha il compito di curare e riabilitare foche malate, ferite o indebolite. All'esterno una montagna di reti lasciate dai pescatori e' in bella mostra in una zona ad essa adibita per dimostrare il grande lavoro di recupero del centro, alcune foto evidenziano i segni e le ferite lasciate sulle foche. E' possibile vedere come viene preparato il cibo per il loro sostentamento e osservare da vicino il processo di mantenimento e della loro cura. Una volta curate e guarite, vengono lasciate in libertà. Il centro non riceve nessun aiuto dal governo olandese, infatti si autofinanzia con le attività del l'attrazione, vendita gadget e mostre

  • 7143 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social