Te Araroa un mondo a colori! Giulio Testa ha attraversato a piedi la Nuova Zelanda

3 mila km in 170 giorni per sostenere Agop, associazione di genitori di oncologia pediatrica del policlinico Gemelli

 

Ciao cari lettori-viaggiatori di turisti per caso. Mi chiamo Giulio Testa e sono una persona. Qui scriverò nelle vesti da viaggiatore/avventuriero. Da bambino avevo molti sogni. Uno di questi era: vivere un’avventura epica. Vedevo nei film storie incredibili, di persone fantastiche. Storie eccezionali con personaggi folli che attiravano un gran fascino su di me. Volevo scoprire cose straordinarie. Volevo andare oltre i miei limiti. Stringere nuove amicizie ed esplorare l’immensità e la diversità del mondo intero. Mi sentivo un mix tra Indiana Jones, Forrest Gump e Cristoforo Colombo con sfumature di vario tipo. Così… quando sono cresciuto, scoprii che era arrivato il mio momento. Perché a volte, credetemi, i sogni possono diventare realtà. E il mio lo è diventato! La mia storia si chiama: Te Araroa che, in lingua maori significa "Il lungo viaggio".

AVVENTURA:

E infatti ho avuto la grande fortuna di poter percorrere un lungo viaggio a piedi dall'estremo Nord della Nuova Zelanda sino all'estremo Sud. Tremila km totali in cinque mesi e mezzo. Nessuna parola e nessuna frase potrà mai dare l’idea di quello che ho visto e vissuto in questi 170 giorni circa. Una media di circa venti chilometri al giorno con uno zaino di 15 kg sulle spalle, dormendo ovunque (anche nelle stalle con i cavalli) e in qualsiasi condizione climatica. Una tenda, un sacco a pelo, un fornelletto… e tanta forza di volontà. Tanta voglia di non mollare nonostante le grandi avversità date dai fiumi in piena, dal fango inimmaginabile, dal freddo, dal vento, dalla neve, dalle sabbie mobili, dall’essere sempre bagnati, dal dormire anche per terra, dai terribili sandfly e da mille altre cose. Per intenderci, è come se fossi partito da Roma e fossi arrivato in Russia (precisamente a Mosca) camminando.

BENEFICENZA E FINALITÀ:

Ho camminato anche per la la Agop Onlus che opera al policlinico Agostino Gemelli di Roma e sta costruendo "La Casa a colori" la quale offrirà assistenza globale quotidiana e gratuita ai bambini malati di tumore e le loro famiglie. Il mio obiettivo è quello di contribuire a questa costruzione. Ad oggi (fine settembre) siamo riusciti a raccogliere circa 8000 euro con la collaborazione dei Club Alpini Italiani (CAI), le scuole dove lavoro e il mio fantastico paese di residenza che si trova alle spalle di Roma e si chiama Cerreto Laziale. Per chi è interessato, ho aperto una pagina Facebook che si chiama "Te Araroa un mondo a colori" e uno dei miei obiettivi era (ed è tutt'ora) quello di mostrare la parte colorata del mondo. Quella bella. Non ho mollato e, l'11 aprile 2019 sono finalmente arrivato al traguardo dei tremila chilometri, immaginate la gioia!

Giulio Testa

NDR - Prima di partire Giulio ha raccontato il suo progetto in questa bella intervista su "Italia che cambia", mentre il racconto della sua avventura potete recuperarlo direttamente sul suo blog personale (dove ci sono anche molti consigli e articoli di indicazioni pratiche per gli escursionisti e per chi vuole viaggiare in solitaria). Aspettiamo anche di leggere il libro che sta scrivendo che probabilmente sarà pronto entro l'estate prossima. Per sostenere A.G.O.POnlus, l’associazione dei genitori di oncologia pediatrica a cui Giulio ha legato la sua impresa, entrate su questa pagina e partecipate a "Te Araroa un mondo a colori"! C'è già anche una prossima avventura in cantiere: l'attraversamento a piedi degli Stati Uniti dal Messico al Canada, per un totale di 4200 km! Giulio ci sta lavorando, anzi, cerca anche sponsor che supportino l'iniziativa... Condividiamo!

  • 79 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social