Viaggi green: i consigli di TPC per un turismo sostenibile

La sostenibilità ambientale non va in vacanza. Ecco alcuni consigli per trasformare le vostre ferie in viaggi perfettamente eco sostenibili.
viaggi green: i consigli di tpc per un turismo sostenibile

La sostenibilità ambientale è ormai un’argomento più che mai attuale. Il problema della tutela dell’ecosistema si è allargato sempre di più agli ambiti della vita di tutti i giorni, ed è compito di ognuno di noi assumere un comportamento ed una routine che possa contribuire anche solo in piccola parte allo sforzo della popolazione. É importante quindi che l’attenzione nei riguardi di questo importante argomento non cali mai, nemmeno quando siamo in vacanza a goderci un po’ di meritato riposo. Se siete interessati anche voi a mutare atteggiamento (è fortemente consigliato) quando si parla di ecosostenibilità, allora noi di Turisti per Caso abbiamo messo insieme qualche indicazione, per fare delle vostre ferie dei viaggi green in tutto e per tutto.

Scegli come viaggiare

viaggio in treno

Il primo passo per rendere le vostre vacanze dei veri e proprio viaggi green è scegliere con attenzione il proprio mezzo di trasporto. Aerei, macchine, moto ogni anno immettono nell’ecosistema tonnellate di CO2, quindi da subito vi si presenterà l’occasione di fare la vostra parte: scegliete il treno. I cari vecchi binari arrivano ormai dappertutto e permettono di percorrere grandi distanze senza produrre troppi gas serra; inoltre vi consentiranno di portare con voi anche un mezzo di trasporto secondario, come la bicicletta, che permetteranno di spostarvi una volta a destinazione senza scomodare taxi. Se invece la vostra meta è lontana fin dove le rotaie non arrivano, abbiate la premura di scegliere compagnie aeree eco-friendly. Anche la macchina può avere un ruolo importante, soprattutto se usata come mezzo condiviso con altri passeggeri, per limitare il traffico in strada.

L’alloggio è importante

campeggio

Eccome se è importante. La scelta di un alloggio piuttosto vicino ai punti di interesse che avete intenzione di visitare può rivelarsi decisiva in termini di emissioni. Il tragitto breve infatti vi permettarà di spostarvi il più possibile a piedi o con mezzi pubblici, senza così usufruire di taxi provati o noleggiare un’automobile. Se invece voleste veramente a 0 l’inquinamento procurato dalla vostra vacanza, allora da brave giovani marmotte potreste pensare di soggiornare in un campeggio autosufficiente, illuminati dalle stelle e scaldati intorno al fuoco. Per i più comodini ci sono anche soluzioni di hotel con policy aziendali dichiaratamente eco sostenibili.

Attenti alla plastica

borraccia

Che sia al mare, in montagna o in città, la plastica rimane sempre il vostro peggior nemico. Insidiosa e sempre presente, questo materiale ormai superato è comunque parte integrante della vita di tutti i giorni. Per rispetto dell’ambiente tutto ma in particolare del luogo in cui passiamo le vacanze, è importante allora cercare di farne a meno: scordatevi bottigliette monouso, buste, confezioni e abbracciate tutto ciò che è riutilizzabile. Benvenute quindi borracce e cartine digitali, portacicche e confezioni in carta o tessuto. Tutto può avere un riutilizzo o un secondo uso, quindi pensateci due volte prima di gettare qualcosa nella spazzatura.

Mete inesplorate sono lì ad aspettarvi

mete sconosciute

La natura, questa sconosciuta. La globalizzazione ha ormai costituito tutte le grandi città del mondo secondo uno stesso schema, quindi perché non reinventare le proprie passioni ed andare a scoperta di tutti quegli ambienti più selvaggi, ben lontani dal traffico cittadino? Viaggiate a piedi, in bicicletta, guardatevi intorno: il mondo non è solo hotel di lusso e piscine artificiali. La natura più autentica si trova lì dove il progresso industriale non è arrivato, ed è pronta a restituire a coloro che la visitano (e la rispettano) un’esperienza senza precedenti. Esistono veramente viaggi green come quelli in zone selvagge e inesplorate? Noi ci crediamo poco.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi anche