Un sogno chiamato America

Un viaggio tra gli immensi grattacieli della Grande Mela per rimanere a bocca aperta

Diario letto 3274 volte

  • di ShareTheWorld
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

È dal dopo guerra che il tutti desiderano conquistare un solo luogo. Lontano, sfarzoso, sognante: l'America. Io non sono da meno. Non nego che il mio sogno sia quello di viverci, ma si tratta comunque di una trafila lunga e complessa. Ma questo è un argomento a sé. Se non ci si può vivere, la si può pur sempre visitare. L'ho sognata per anni, da quando sono piccola. Mi sono sempre chiesta come fosse. Se la tv mostrasse la sua vera essenza o se fosse tutto ingigantito. Mi chiedevo come fosse passare del tempo in un luogo in cui il tempo scorre in modo del tutto differente da come scorre a casa. Mi sono sempre fatta mille domande, di quelle sciocche e futili. Di quelle che fanno i bimbi quando vogliono imparare cose nuove ma a cui tu non sai rispondere perché risposte non ce ne sono. Non avrei mai creduto di poterci arrivare. La vedevo come una meta costosa, una meta lontana e soprattutto fino a poco prima il mio inglese mi avrebbe permesso solo di dire "hello". Voglio essere onesta: cercando qua e là informazioni per il mio viaggio ho trovato molte volte la frase "l'italiano lo conoscono tutti". Ecco, non ci credete! Certo, qualcuno vi capirà, ma non si può arrivare dall'altra parte del mondo partendo dal presupposto che tutti conoscano la nostra lingua. Perché se vi troverete in difficoltà, gli americani non ci penseranno due volte ad avvicinarsi per aiutarvi, ma avrete bisogno di una base per poter dialogare. Altrimenti rimarrete nelle vostre difficoltà. E non è il massimo se dovete recarvi da qualche parte e i tempi sono stretti! La mia prima avventura oltre oceano è stata niente popò di meno che a...New York. Prima di raccontarvi come è andata vi voglio dare alcune dritte: NO il wifi non è ovunque (e, in molti hotel, nelle camere è a pagamento). SÌ le mance sono obbligatorie e NO non le scegliete voi (questo vale per lo più nei ristoranti, nelle grandi catene tutto questo lo potete evitare). NO a New York non c'è il sole (avevamo scelto settembre perché definito il periodo migliore...abbiamo visto solo pioggia e nebbia.

GIORNO 1

Finalmente siamo in aeroporto. Il check-in si apre. Di corsa ad imbarcare il bagaglio, sperando che il tutto avvenga in maniera veloce perchè voglio quel biglietto tra le mie mani. Un attimo di panico: mia mamma ha il biglietto segnato dalle famose "SSSS". No problem! Si tratta di alcuni controlli (per lo più sugli indumenti) che vengono effettuati un attimo prima di essere imbarcati. L'audio dell'aereo dice "have a nice flight". E' tutto vero allora. Si parte: destinazione New York. Atterriamo che sono circa le 19.00 ore locali, una lunga fila ci aspetta per il controllo dei passaporti. Mettete in conto non meno di 2 ore per uscire dall'aeroporto. E probabilmente dopo che avrete mostrato i vostri documenti, la vosta valigia non sarà più sul nastro trasportatore. Ma tranquilli che vi sapranno dire dove sono stati sistemati. Ah, mi raccomando. Non smarrite appena arrivati il vostro passaporto! Non è una barzelletta, appena usciti dai controlli ne abbiamo trovato uno a terra! Per raggiungere Manatthan abbiamo scelto il taxi, certo non è la soluzione più economica (sono circa 80$ in totale, calcolando già mancia e pedaggio), in quel caso vi conviente optare per l'airtrain unito alla metro. Ma sinceramente dopo tutte quelle ore di viaggio, avevamo solo voglia di arrivare in hotel! "Welcome to New York" ci dice Emanuel non appena entriamo nel suo taxi sgangerato e pieno di cibo spazzatura. Correva, correva come un pazzo, tanto che siamo arrivati con largo anticipo in hotel rispetto all'orario che avevamo stimato. Un viaggio incredibile: lui correva, schivava auto, sorpassava un po' a caso, e come un fulmine a ciel sereno, dopo aver attraversato il nulla, eccola la New York dei grattacieli illuminati. Un presepe illuminato: così l'abbiamo definito. Ed Emanuel ci elencava tutto ciò che questa città ci avrebbe regalato. Siamo arrivati in hotel. La giornata è terminata, siamo troppo stanchi per uscire. Se ne parlerà domani. "Buona notte ragazzi, siamo a New York"

GIORNO 2

Sono le 6 e piano piano, uno alla volta inizia a svegliarsi

  • 3274 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social