Capodanno a New York

Più ancora che i luoghi chiave di ogni tour della città, peraltro da non mancare, ciò che ci è piaciuto di più è l'atmosfera dei quartieri meno visitati dal turismo di massa.

Diario letto 6131 volte

  • di Aldo Pani
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

Viaggio a New York 30 Dicembre 2010 - 4 Gennaio 2011

Arrivo dopo un volo tranquillo, Air France Parigi Charles De Gaulle / J.F.K., partito con un'ora di ritardo ed arrivato con 45' di anticipo, su di un enorme Airbus 380, pieno quasi all'estremo (capienza oltre 500 passeggeri), atterraggio con brivido e sbandata sulla pista ghiacciata (l'aeroporto è stato riaperto da pochi giorni, dopo una tempesta di neve epocale), poi oltre un'ora di attesa perché si liberasse il parcheggio del jet. In totale si ritorna ad un considerevole ritardo, complici anche le code lunghissime alla Dogana. Primo approccio: funzionari scrupolosi ma cortesi, procedure non particolarmente meticolose. All'uscita dall'aeroporto, ingenuamente ci precipitiamo verso un taxi, ma ecco il primo vero incontro con la caratteristica saliente di New York: la coda (“the line”)! Non ci siamo accorti che ci sono almeno un centinaio di persone che attendono i “cab” gialli; il mio primo impulso da italiano è quello di cercare un'alternativa, ma mia moglie mi dissuade (forse solo per stanchezza); è l'idea giusta, infatti dopo qualche decina di minuti la fila diventa un serpente aggrovigliato di oltre trecento viaggiatori infreddoliti. La buona notizia è che i taxi si avvicendano numerosi, e dopo un'ora siamo a bordo della famosa macchina gialla. Attraversiamo il Queens innevato oltre misura (il tassista ci indica le macchine coperte da cumuli di neve di oltre un metro), e giungiamo a Manhattan). Non sembra vero vedere dal vivo Broadway, la 5° Avenue, Central Park, il Plaza Hotel (dove hanno girato “Colazione da Tiffany”), il negozio Apple aperto 24 ore su 24. Arriviamo all'Hudson Hotel, dove abbiamo prenotato; il primo impatto non è favorevole: sembra di entrare in aeroporto, da un ingresso anonimo una scala mobile ti porta in una enorme lobby, sormontata da una rete ricoperta da edera (sintetica), dove trovi decine di persone che vanno e vengono. La stanza assegnataci, al 5° piano, è impregnata inesorabilmente di fumo di tabacco (od altro...). Mia moglie, che pure non fuma, non resiste ed insieme scendiamo a chiedere un cambio di stanza. Ce ne viene data una al 4° piano, ancora più piccola della prima, e notiamo anche un po' più rumorosa... Dopo un giro di acclimatazione nei dintorni, siamo a Columbus Circle e ci godiamo il Time Warner Center, grande centro commerciale a due passi dall'albergo, con statue di Botero (originali) ed opere di Dalì (riproduzioni); nel seminterrato un grande supermercato alimentare, pieno zeppo anche la notte (sono ormai le 23 ora locale). Rientro in camera e... Brutta sorpresa, non si dorme per un continuo rumore di ventole e di acqua che scorre! Non lo sappiamo ancora, ma la stanza si trova sopra gli impianti di condizionamento dell'intero albergo! Notte insonne, proteste alle 5 del mattino e nuova richiesta di cambio di stanza! Per fortuna troviamo personale gentile e disponibile, e soprattutto incappiamo in una colazione all'americana veramente entusiasmante, servita nel locale Bar Restaurant che merita un plauso per l'arredamento ed il servizio. Confortati da queste buone notizie, iniziamo il nostro giro a New York. Siamo alla vigilia, e ci dirigiamo downtown, verso il Distretto Finanziario e Ground Zero. Dopo un giro a Wall Street raggiungiamo Battery Park ed insieme ad una folla variegata (turisti e locali) raggiungiamo, sul traghetto gratuito, Staten Island, dedicando molti scatti alla Statua della Libertà, che vediamo gremita di persone. Rientrati a Manhattan, dedichiamo il resto del pomeriggio all'Empire State Building. Anche in questo caso si conferma la caratteristica di New York, ovvero che anche in orari non di punta la coda è (quasi) inevitabile. Alla sera tentiamo di raggiungere Times Square, ma la polizia ha ormai circondato la zona, ed avventurarsi è sconsigliabile (“non c'è più spazio” ci dice una simpatica poliziotta). Optiamo per un locale vicino all'albergo, e lì, di fronte a due Brooklyn Lager, assistiamo in TV allo scoccare della mezzanotte: tranquillo e romantico..

  • 6131 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social