Namaste Nepal!

Da Kathmandu a Pokhara, con tappa a Bandipur, visitando Bhaktapur, Pashupatinath, Patan, ed un trekking tra villaggi sperduti di quattro giorni, che doveva essere "soft".....

Diario letto 861 volte

  • di alepaschi1123
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Giorno 1: Il nostro viaggio inizia da Arbus, il piccolo paese in Sardegna dove viviamo, e prosegue infinitamente attraverso il primo volo per Roma da Cagliari, scalo a Doha, ed infine, dopo 19 ore di travaglio, arriviamo nel piccolo aeroporto di Kathmandu. Il nostro contatto dall'ostello è già fuori che ci attende, ed assieme a lui ci immergiamo nel caos Nepalese: ci si supera in qualsiasi situazione stradale, non importa se il semaforo è rosso o se dalla parte opposta arriva un tir: se si va più veloci di chi si sta davanti , si ha diritto di sorpasso, mi è sembrata quasi una legge non scritta ma che tutti ci tengono a rispettare. Arrivati nel nostro quartiere, Thamel, stanchi per il viaggio, giusto il tempo per una passeggiata esplorativa, ci buttiamo a letto nella nostra camera glaciale ma felici all'idea che siamo all'inizio della nostra avventura.

Giorno 2: Kathmandu la mattina ci ha dato una impressione fortissima, siamo usciti di buon ora, e ci siamo subito incantati nell'osservare il risveglio della città. Agli ingressi dei negozi bruciano un incenso, hanno un vasetto dove poggiano dei fiori, quasi tutti gli angoli delle strade sono composti da dei tempi o altari dove i passanti possono fare una piccola preghiera e suonare la campana, un suono che sarà ovunque in qualsiasi città o villaggio dalle quattro del mattino ogni giorno. Da Thamel, andiamo diretti a Durbar Square. Dopo aver pagato l'ingresso (tutte le Durbar Square delle città, hanno un costo d'ingresso). Purtroppo i danni del terremoto del 2015 sono ancora presenti, con la maggior parte dei tempi in restaurazione, ma la piazza non ha perduto il suo fascino: man mano che il sole sorge, è stupendo sedersi nei gradini e osservare le persone, i sorrisi, continuare a cercare angoli e scorci da fotografare. La mattina passa veloce e cosi come il pomeriggio, che impegniamo interamente a perderci tra un vicolo e una strada, fino a che non arriviamo ai piedi del tempio di Swayambhunath, un complesso Buddista famoso oltre che per i suoi innumerevoli scalini, per le scimmie che un po ovunque ti corrono incontro o curiose ti guardano, speranzose forse di ricevere un biscotto o del cibo. Attenzione però: non lasciate incustodite fotocamere e cellulari, sono pronte a fregarvele da sotto in naso!

Giorno 3: Il terzo giorno decidiamo di spostarci a Bhaktapur, ed anche li una volta in Durbar Square e poggiato i bagagli nel miglior alloggio di tutta la nostra vacanza, scendiamo in strada alla ricerca di un pranzo decente (impresa difficile in Nepal, ve lo assicuro), e visitiamo la piccola cittadina stupenda e ben tenuta, un gioiello! Da non perdere oltre piazza Durbar, è la Pottery square: è la zona della cittadina dove i lavori di vasellame portano avanti una tradizione centenaria. Realizzano vasi, piatti, oggetti in ceramica che vengono posti al sole per asciugarsi, e sono pronti alla distribuzione e al commercio. Fermatevi a ammirare da vicino il lavoro, chiunque di loro sarà disponibile a mostrarvi come fanno e orgogliosamente saranno in posa per una fotografia!

Giorno 4: Oggi decidiamo di recarci in un altro paese davvero piccolo, in strada per Pokhara: Bandipur. Ci si arriva chiedendo all'autista di farvi scendere a Dumre (direzione Pokhara appunto), e da li in taxi si sale, si sale, verso un paese fantastico, immerso nella montagna e con delle viste paradisiache, che iniziano a farmi capire perché il Nepal è associato alla natura. Sparito lo smog di Kathmandu, li respiri aria pura, il cibo è più salutare, le persone sembrano vivere più rilassate. Insomma, Bandipur è un ottimo posto per fermarsi a rilassarsi una sera con un buon libro, un tè, e aspettare dalla veranda dell'ostello il tramonto

  • 861 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social