Nepal: drammi e immensità sul tetto del mondo

Ringraziamenti e spese Dietro a una pazzia che fai c’è quasi sempre un pazzo che te ne ha parlato facendotela sembrare normale. Nel caso del mio avvicinamento al Nepal, sono almeno tre le persone che, più o meno casualmente, si ...

Diario letto 2115 volte

  • di Silvio Mini
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro

Ringraziamenti e spese Dietro a una pazzia che fai c’è quasi sempre un pazzo che te ne ha parlato facendotela sembrare normale. Nel caso del mio avvicinamento al Nepal, sono almeno tre le persone che, più o meno casualmente, si sono succedute per trasformare il volere in potere. Il mio capo, Monica Lacoppola, che mi ha fatto intervistare il suo amico fotografo appassionato d’Africa, Fulvio Bugani, il quale, attingendo al suo campionario di piccoli esploratori, mi ha gentilmente dato il nome di Marco Porta, esperto alpinista con svariate spedizioni in Nepal alle spalle. Un camminatore entusiasta da cui, durante un tranquillo aperitivo bolognese, ho avuto i nomi dell’hotel Harati per soggiornare a Kathmandu e dell’agenzia nepalese Cho-Oyu Trekking (http://www.Cho-oyutrekking.Com/) per pianificare la camminata su per la valle dell’Everest.

Dell’agenzia i più prodighi di cure sono stati Beni, la ragazza che ha risposto alle mail e Krishna, il ritardatario che ci ha aiutati con gli spostamenti da e per l’aeroporto. All’agenzia fanno poi capo anche Sete, la nostra guida, e Lahl, il ragazzo che ci ha fatto da portatore: loro meritano però queste righe tutte per loro perché durante i sette giorni di cammino sono stati più amici che aiutanti.

Infine c’è Antonio Serra senza cui tutto questo non sarebbe semplicemente esistito. Contro ogni pronostico abbiamo condiviso quindici giorni al limite dell’assurdo senza mai litigare. Anzi, abbiamo cooperato ogni sera: io scrivevo e lui gentilmente rileggeva, limando gli eccessi di soggettività e integrando i particolari dimenticati.

Buona lettura e per chi volesse seguire le nostre orme, la spesa sarà di circa 1300 euro: 500 tra albergo, voli interni, guida alpina e portatori; 200 di spese locali in pasti, trasporti e biglietti d’ingresso ai siti d’arte e ai parchi; e 600 di aereo. Cifre a cui vanno aggiunti investimenti iniziali per le vaccinazioni (antitifica ed epatite A) e il materiale da trekking (zaino, scarpe, sacco a pelo, calzini, racchette, occhiali). E’ poi ovvio che, specie per i voli, si registrano variazioni sensibili a seconda del periodo, della compagnia e dell’età.

Silvio 15/16 dicembre 2004 In volo su terre solo immaginate Ore 20.40. In treno, vuoto, solito percorso da Forlì a Bologna. Sala d’aspetto della stazione centrale in attesa di Antonio e dell’Eurostar per Milano. Tutto già noto: c’è il tempo per pensare. Alla paura, in primo luogo, ma è poca perché ormai si è in gioco. La paura era più delle settimane prima, quando ancora non avevi comprato il biglietto, quando ancora potevi tornare indietro e preferire il mascarpone con chi vuoi all’Everest e fatti tuoi. Ora c’è solo la tensione in vista del nuovo, quale che sia la forma in cui si manifesterà. Poi ci sono i saluti degli amici che arrivano su un cellulare pronto a spegnersi per lungo tempo. Qualcuno guarda avanti e ti chiede di risparmiare il fiato per il Cammino di Santiago. Qualcuno guarda al passato e ti ricorda che sei stato un buon amico. Qualcuno ti conosce ormai poco e ti chiede cos’è che ti porta altrove. Infine ci sei tu che pensi a quello che vedrai. E’ impossibile non farlo, ma è altrettanto impossibile non ricadere nello stereotipo. A volte ti immagini alla Messner, protagonista di un video clip avventuroso che ti ritrae a suon di batteria lungo le pendici dell’Everest. A volte ti immagini alla Terzani, più riflessivo e intimista, in silenzioso congiungimento con la spiritualità della cultura locale. E a volte ti immagini come Angela, pacato narratore di un viaggio che nasce per essere raccontato. Insomma, alla fine tutto profuma di già noto ed è un po’ fastidioso quando accetti di sederti per 8 ore su un aereo coltivando la speranza opposta

  • 2115 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social