Naxos e Delos: alla scoperta delle Cicladi di oggi e di ieri

Mare, sole, storia, tradizioni, ospitalità, gastronomia. Cosa si può volere di più?

Diario letto 15234 volte

  • di greciaforever
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Tante volte abbiamo sfogliato riviste e letto libri di storia facendoci affascinare dalla bellezza e ricchezza culturale delle Cicladi e finalmente quest’anno ci siamo andati. Io ed il mio compagno, coppia italo-ellenica, abbiamo trascorso una decina di giorni sull’isola di Naxos a metà luglio 2013, a cui abbiamo aggiunto una trasferta in giornata a Delos e Mikonos.

Le Cicladi ci hanno confermato che in Grecia sole, mare, cultura, natura e ospitalità la fanno sempre da padrone, ma ci hanno anche sorpreso per la forte identità culturale e l’originalità architettonica che le contraddistingue e che le rende mete uniche e gettonate dai turisti di tutto il mondo. Per noi che abbiamo visitato già una decina di isole greche tra Ionie, Sporadi, Dodecaneso e Creta, Naxos è stata una piacevolissima scoperta: ciò che di essa in primis ci ha molto colpito, distinguendosi dalle altre isole greche, è stata l’architettura e l’urbanistica. Abbiamo visto, perfettamente integrati nel territorio, abitazioni e resort costituiti da fabbricati squadrati al massimo di due piani, senza tetto, solitamente imbiancati con calce (e con porte e finestre dipinte d’azzurro), ma anche tinteggiati nelle tonalità del giallo tenue e/o costruiti con materiali ricavati dalle montagne e dai fiumi dell’isola. Abbiamo notato le torri multipiano del colore della pietra e della terra, mimetizzate con l’ambiente circostante, e le numerosissime chiese, solitamente imbiancate con calce, costruite nei punti più improbabili dell’isola.

Naxos, in relazione alle sue dimensioni, è un’isola poco sfruttata dal punto di vista turistico e, forse anche per questo, personalmente, da preferire ad altre isole. Godetevi le numerose e incantevoli spiagge della parte sud-occidentale dell’isola, addentratevi nell’interno per vedere la fertile vallata della Traghea, coperta di ulivi, ma anche di vigneti e cedri, ed i tranquilli villaggi di montagna (se siete degli escursionisti, provate ad avventurarvi per i sentieri segnalati che collegano i principali villaggi montani e lungo i quali potrete visitare numerose antiche chiese bizantine), fatevi incantare dalle vestigia del periodo cicladico, miceneo, classico, bizantino e veneziano, testimoni dell’importanza politica ed economica dell’isola, continuativamente abitata dal IV millennio a.C.. Girate l’isola più che potete, per goderne appieno, programmando oculatamente le escursioni in considerazione del vento che, purtroppo, soffia costantemente (qualche volta ci ha costretto a rinunciare alla spiaggia e ad indossare una maglia nella passeggiata post-cena, ma in compenso ci ha permesso di stare senza aria condizionata nella stanza per tutta la durata della vacanza!!!). La temperatura si è sempre aggirata tra i 27 ed i 30°, senza umidità (meraviglioso!).

Allora? Non avete ancora prenotato? Vista la positiva esperienza di questa estate, non posso che consigliarvi di andare a Naxos, magari tenendo presente le informazioni che seguono. Sono sicura che non ve ne pentirete!

COME RAGGIUNGERLA. Naxos, la più grande delle isole Cicladi, è dotata di un piccolo aeroporto, sito a 3km a sud della Hora, che non è raggiungibile dagli airbus delle compagnie low cost, ma solo da piccoli aerei della Olympic che partono da Atene. Giornalmente i voli, di 45 minuti, sono al massimo due (alle 7.00 e/o alle 14.00) ed il costo a tratta nel mese di luglio è di circa 90€. Su Atene si può volare con Easyjet partendo da Milano Malpensa in 2 due ore e 30 minuti (costo della sola andata € 132,00 prenotando con un mese di anticipo sulla partenza). Molti scelgono di volare su Mikonos o su Santorini e raggiungere Naxos con il traghetto e/o il catamarano. Noi abbiamo volato su Atene e ci siamo traghettati dal Pireo. La Blue Star Ferries impiega tra le 5 e le 6 ore per raggiungere la Hora di Naxos (unico porto dell’isola) e costa € 33,50 per persona a tratta (la macchina costa € 81,50 a tratta). Il traghetto parte la mattina presto dal Pireo, alle 7.25 (e arriva a Naxos alle 12.30) o alle 17.30 (arriva a Naxos alle 23.35 dopo aver fatto scalo ai porti di Syros e Paros). I catamarani coprono la distanza Pireo-Naxos in 4 ore e costano intorno ai 50€ a tratta per persona. Presso il porto troverete taxi o autobus che vi condurranno alle località scelte per il vostro soggiorno

  • 15234 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social