Partenza il 11/9/2017 · Ritorno il 17/9/2017
Viaggiatori: 4 · Spesa: Da 500 a 1000 euro

Europa on the road

di beati - pubblicato il

Uno dei segni dell'amicizia è sicuramente quando condividi a prescindere dei progetti senza chiedere il perché, il quando e a quale scopo. Questo è esattamente quello che è successo una sera in Sardegna, nel tour precedente, in uno dei dopocena con in mano il sigaro di ordinanza. Lancio l'idea di un viaggio ad Auschwitz per l'anno successivo. Immediatamente, Orazio prima ed Emanuele dopo, si associano, mentre il resto del gruppo resta indifferente. Saro arriva parecchi mesi dopo il viaggio già pianificato e anche lì si associa senza se e senza ma. Una cena a base di bollito (grazie sig. maria) sancisce il tutto. Mi piace ricordare l’adunata del gruppo a Udine, Saro era partito qualche giorno prima e come regalo ha dormito in camera con Emanuele, visto come ci ha "ringraziati ' il giorno dopo, penso che se lo ricordi ancora...

# 1° GIORNO: ITALIA

Come si poteva prevedere stanotte si è dormito poco, nonostante l'età l'adrenalina per il viaggio imminente fa ancora questi scherzi. Sveglia alle 5, ma almeno un'ora prima siamo tutti svegli con la sgradevole sorpresa di un nubifragio a Modica. Alle 5 briefing telefonico con decisione, saggia di posticipare la partenza, si ritorna a letto ma dura poco, alle 5.45 smette di piovere. Rapido consulto telefonico e dieci minuti dopo siamo già in moto sosta al bar per un caffè veloce e si parte.

La pioggerellina ci accompagna sino a Messina, imbarco immediato a Villa San Giovanni, ci attende il sole e per 250 kilometri, poi l'acqua ne prende il posto e per le successive 5 ore. Siamo a mollo. Finalmente Orte, sono già le 19. Troviamo il b&b un po' decentrato. Siamo così stanchi che saltiamo la cena. Tre minuti e dormiamo di brutto.

# 2° GIORNO: ITALIA

Alle 7 siamo già svegli, aspettiamo la signora per la colazione e intanto sistemiamo le valigie. Decidiamo di saltare l'autostrada, ma ben presto ci accorgiamo che sarà lunga soprattutto per i limiti di velocità. Frittura mista a pranzo e ripartenza. A Udine ci attende Saro, già in albergo. Il tempo di una doccia e siamo in centro. Il centro è molto pulito. Ci colpiscono le dimensioni delle piazze, a dir poco abbondanti. Emanuele e Saro vanno a cena, io e Orazio continuiamo a passeggiare.

# 3° GIORNO: AUSTRIA

La giornata inizia presto; alle 6.30 siamo in giro per un caffè senza successo. Scopriamo che i bar aprono non prima delle 7. Anche Saro ed Emanuele sono svegli, sistemiamo le moto e partiamo alla volta di Vienna. Temperatura mite e sole ci accompagnano. In autostrada c'è poco traffico, condizioni ideali per viaggiare. Sosta nell'ultima area di servizio italiana. Caffè, benzina e vignetta obbligatoria per il transito. Si riparte. Cominciano subito delle interruzioni con annessi limiti di velocità (110-80-60). A pranzo sosta in autogrill, panino e acqua. Saltiamo il caffè, scopriamo che costa 2,50€ e rinunciamo. Di nuovo in marcia e di nuovo interruzioni con annessi limiti che ci accompagneranno sino a Vienna dove arriviamo nel pomeriggio. Sistemiamo le moto e i bagagli e subito in strada direzione centro a piedi. 20 minuti di meraviglia e stupore per la pulizia delle strade e la bellezza dei palazzi.

In centro troviamo una marea umana multietnica. Ci inoltriamo scattando una serie interminabile di foto, ci concediamo una sosta in un bar per una meritata birra e si ricomincia a camminare. I palazzi storici sono uno dopo l'altro… uno più bello dell'altro. L'opera è l'apoteosi. La fame si fa sentire, internet ci dà al solito un'auto suggerendoci un ristorante tipico dove, dopo mezz'ora circa di attesa, gustiamo un'ottima cotoletta dal diametro di una pizza. Ritorniamo in albergo e dalla stanchezza di Emanuele e non solo, ci accorgiamo di avere percorso diversi chilometri. Domani ci attendono 400 km per Auschwitz.

# 4° Giorno: Polonia

Partiamo di buon'ora dopo una veloce colazione, breve sosta per il pieno (benzina 1,11 €), e dopo un tratto di autostrada ci fanno deviare per dei lavori. Grazie a ciò scopriamo dei bellissimi paesaggi e improvvisamente ci troviamo in Cecoslovacchia. Attraversiamo diversi villaggi, case piccole ordinate, verde curato e strade pulite. Rientriamo in autostrada, fondo stradale non eccezionale ma poche interruzioni. Ci colpisce la presenza continua di tabelloni con la bandiera ceca ai bordi. Entriamo ad Auschwitz guidati dal navigatore, per fortuna nessun cartello ad indicare i "campi". L'appuntamento con la guida è per le 14. Noi arriviamo con ampio margine, tanto che abbiamo il tempo per una pizza. Niente di che. La guida ritarda accrescendo in noi l'ansia, finalmente arriva. Ci uniamo al gruppo di italiani e iniziamo il tour.

Entriamo dal cancello principale; non nascondo l'inquietudine sotto la famosa scritta "il lavoro rende liberi". Tale sentimento si trasforma in sgomento e rabbia man mano che proseguiamo nella visita. Il silenzio diventa assordante davanti a quelle stanze piene ora di capelli, ora di scarpe, ora di occhiali, ora di pettini e spazzole per finire alla bacheca colma di barattoli di creme, evidente segno dell'inconsapevolezza che queste persone avevano della loro breve permanenza in quel luogo. Sono rimasto pietrificato nella stanza delle "docce" prima, e nei locali dei " forni" dopo. Ho sentito il bisogno di chiedere perdono a Dio e a tutti i poveri cristi che da lì sono depassati, per l'opera delle "bestie". La visita e continuata a Birkenhaus, distante pochi kilometri. Un vero posto dell'orrore "fornito" del binario della morte, di 3 forni crematori e di una serie interminabile di baracche. Di tutte abbiamo visitato la più crudele, quella riservata ai bambini, ingentilita da una sorta di pavimento e da un murales. Peccato, poi, essere informati che molti degli "ospiti" venivano aggrediti dai topi senza avere la forza di difendersi.

Una pioggia improvvisa ci ha colti in questa baracca, inutile raccontare del fuggi fuggi generale. La nostra guida ci ha fatto notare che negli inverni "incriminati " le piogge erano più abbondanti, le temperature erano ben al di sotto dello zero e gli ospiti erano coperti da stracci e dormivano nel fango, visto che le baracche erano sotto il livello del terreno. Pugno terribile allo stomaco. In un baleno il grande parcheggio si svuota, rimangono le nostre moto e noi riparati in un bar discutiamo sul da farsi. Il B&B prenotato al centro di Cracovia dista 70 km. Cercarne un'altro in zona o spostarci? Prevale la seconda opzione. Impieghiamo una vita, ma arriviamo a Cracovia fradici come pulcini. Il B&B è poco distante dal centro, ma ci tocca lasciare le moto in strada, pazienza. Ci sistemiamo e dopo una doccia usciamo. Emanuele è troppo stanco, preferisce andare a letto saltando la cena.

Il centro non è distante, ha smesso di piovere. Passeggiare ci dà sollievo. Più ci inoltriamo nella città vecchia più la movida aumenta complice una serie interminabile di locali pieni di giovani euforici… per usare un eufemismo. Piazze enormi, palazzi e monumenti sontuosi ci accompagnano nel nostro tour notturno, sovente veniamo invitati da ragazze a visitare locali. Entriamo in un pub affollato, manco a dirlo, ordiniamo dei panini e birra, la nostra cena. I tavoli accanto al nostro consumano quantità industriale di birra e vodka e gli effetti si vedono anzi più giusto dire si sentono. Alla cassa ci dà possibilità di pagare in euro… a un cambio estemporaneo o con carta di credito, cosa normale in tutti i locali anche solo per il caffè. Ritorniamo al B&B stanchi, domani Praga ci aspetta.

# 5° giorno: Repubblica Ceca

Al solito sveglia presto. Giro in bagno, sistemazione bagagli e scendiamo. Colazione in un piccolo bar sotto il beb… cappuccino ottimo. Si parte. Solita sosta alla pompa, prezzo ottimo. Ci si immette in autostrada direzione Praga passando per Brno dove decidiamo di fermarci per il pranzo, insuccesso clamoroso. Non solo non troviamo il ristorante consigliato da internet, ma commettiamo una piccola infrazione. Beccati naturalmente da un poliziotto, fortuna nostra, appiedato lo "evitiamo" all'italiana. Poco dopo il fato si presenta. La moto di Orazio non riparte, bisogna spingerla più volte prima che si decida a partire. Al primo autogrill ci fermiamo per il pranzo e ripartiamo. L'autostrada ci porta fin dentro Praga. Procediamo in mezzo a palazzi maestosi, attraversiamo un ponte bellissimo che ci conduce sino al centro, la nostra meta. Rosario, la nostra punta di diamante, contatta la reception del B&B, risolve sul nascere un problema. Evase le formalità burocratiche ci accompagnano al garage poco distante e siamo nel nostro appartamento. Mezz'ora dopo siamo in strada, direzione centro storico. Immediatamente siamo sommersi da una marea umana multietnica. Praga è in assoluto la città più bella visitata, peccato il poco tempo a disposizione. Da ritornarci sicuramente. Un amico ci ha consigliato di cenare in un pub storico, un po' fuori mano, ma ne vale la pena. Organizzato in più sale con tavoli, abbiamo condiviso con dei vecchietti con trombone e fisarmonica che riavvivano la serata, come se la birra non bastasse. Appena seduti, un cameriere senza richiesta alcuna, ci deposita 4 boccali di birra scura e un'altro ci porta 4 bicchierini di alcool non ben definito, anch'egli non comandato. Prima della cena vera e propria il tipo delle birre si presenta più volte, ma al nostro rifiuto non si mostra offeso. Alla 2a/3a birra ci alziamo e ci avviamo verso il B&B, passando per l'orologio astronomico che suona la mezzanotte con l'uscita delle statuette. A quest'ora, in giro ci sono solo ragazzi. Per loro, la serata sta iniziando adesso, per noi invece è finita un'altra splendida giornata.

# 6° Giorno: Germania

Al risveglio ci attende un cielo grigio che non promette nulla di buono, tanto che decidiamo di partire con l'abbigliamento antipioggia. Il traffico è quasi assente uscendo da Praga, direzione Monaco. La pioggia non tarda e ci accompagnerà sino a destinazione. Strada libera per lunghi tratti, ci accorgiamo dello sconfinamento grazie a una piccola tabella e al prezzo dei carburante esposto nelle tabelle dei pochi autogrill, diversi per qualità e quantità di valuta rispetto ai precedenti. È ora di pranzo. Ci fermiamo bagnati quanto basta, optiamo per un secondo (wurstel e patate, naturalmente). Approfittiamo della sosta per prenotare il b&b, come nostro solito nell'ultima settimana. Stavolta non riusciamo a trovarne uno. Sono troppo lontani dal centro o troppo cari, colpa dell'inizio dell'Octoberfest. Delusi da ciò decidiamo di proseguire per Innsbruck e quindi avvicinarci all'Italia. La pioggia non ci dà tregua. Per un disguido proprio all'uscita per Innsbruck ci dividiamo io ed Emanuele direzione centro, Orazio e Saro direzione b&b, peraltro non trovato. Ci ritroviamo dopo un'ora circa sotto una pensilina per autobus, ironia della sorte accanto a un grosso albergo. Gruppo ricompatto con l'aiuto di Google map stavolta troviamo il residence a 5 km da Innsbruck, location stupenda con annesso lago. Io salto la cena a causa di un problema intestinale post wurstel, vado a letto subito. Il resto del gruppo, incuranti della solidarietà, vanno a cena. Per domani decidiamo mete diverse: Emanuele a Mantova, dal fratello, Saro a Milano da amici. Io e Orazio a Torino da mia figlia.

# 7° Giorno: Italia

È una bella sensazione quella di svegliarmi ospite di mia figlia… azzerata immediatamente dalla visione di Orazio, mio grande amico. Mentre prendiamo il caffè Orazio pensa alla soluzione del problema della sua moto. Internet ci aiuta ancora una volta indicandoci un'officina Triumph a 19 km da noi. Mezz'ora dopo siamo già lì. Orazio fa ritorno a casa per il pranzo, problema risolto... forse. Pronti per partire, stavolta è la mia moto a non volerne sapere, ma con l'aiuto di un ambulante individuiamo il problema. Si parte, finalmente. Autogrill sosta per pieno… oh oh, sorpresa. La Triumph si rifiuta di partire, inutile descrivere la faccia di Orazio. Alla fine il rombo torna fra noi. Genova ci aspetta, poca acqua per strada e traffico che aumenta man mano che ci avviciniamo alla meta. Naturalmente riusciamo a sbagliare l'uscita per il porto. Ci troviamo in mezzo a container e con l'aggravante che, avendo dimenticato di mettere il laterale, lascio cadere la mia moto rimettendoci uno specchietto. Pazienza.

Rientriamo in autostrada e imbocchiamo l'uscita giusta, facciamo il check-in e posizioniamo le moto sotto la nave. Dieci minuti e siamo di nuovo tutti assieme; Emanuele arrivato da Mantova via autostrada e Saro da Milano via provinciale, baciato dalla pioggia. Sono le 17, c'è solo da attendere le 23 per l'imbarco. Ceniamo al McDonald dove ci raggiunge Luigi, un amico di amici che scende in Sicilia. Finalmente l'imbarco. Appena in tempo per evitare mezz'ora d'acqua. Ma ci perdiamo pure le imprese di Orazio con la sua Triumph aiutato da una coppia di stranieri muniti di cavi. Preso possesso della cabina, giro turistico sulla nave, che intanto comincia a muoversi e poi tutti a nanna.

di beati - pubblicato il