Canali e terme in moto

Viaggio su due ruote fra a Comacchio, Chioggia e Montegrotto Terme

Diario letto 3872 volte

  • di danidisa
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro

25 Aprile 2014 - COMACCHIO

Verso le ore 8.30, saliamo in sella alla nostra Harley e partiamo direzione Comacchio. Il tempo è buono, il traffico anche o, almeno fino a Bologna. Qui troviamo il solito casino sulla tangenziale.

Arriviamo a Comacchio alle 13.30. Abbiamo qualche difficoltà a trovare l’ingresso del nostro hotel in quanto il nostro Tom Tom ha le idee confuse a riguardo. Inoltre, il parcheggio coperto prenotato per la moto, si trova sul retro ma, per raggiungerlo, occorre attraversare mezzo paese.

Abbiamo prenotato l’hotel tramite booking.com: Locanda La Comacina – Comacchio per € 105,00 camera + colazione.

La LOCANDA LA COMACINA gode di una posizione eccezionale; romanticamente affacciata su un bel canale, con camera vista acqua. Bellissimo. Inoltre, sul canale davanti all’ingresso, si trova una bella terrazza a forma di barcone dove sono collocati i tavoli del ristorante.

Quando arriviamo notiamo subito parecchia gente davanti all’ingresso in attesa di un tavolo. Il ristorante deve essere piuttosto rinomato. Lo sperimenteremo quella sera stessa in quanto, da tempo, abbiamo prenotato un tavolo sul barcone.

Nel pomeriggio facciamo un giretto a piedi tra i ponti ed i canali di Comacchio. La locanda è poco distante dal maestoso Trepponti.

Quel giorno, però, il clima è caldissimo, ed essendo un giorno di festa, a Comacchio c’è tutto il mondo... tanto che non riusciamo nemmeno ad accaparrarci un posto sulle graziose barchette che offrono il tour dei canali.

Al tramonto decidiamo di fare un giretto in moto per i vicini Lidi: Porto Garibaldi e Lido degli Estensi.

In serata ceniamo piacevolmente nel ristorante della locanda, sul tanto ambito barcone. La scelta è varia, i cibi buonissimi, i prezzi sono medio-alti.

Al termine della cena, si accendono le luci. I ponti ed i canali si illuminano. E’ il momento tanto atteso dai fotografi che entrano in azione e così facciamo delle belle foto ed una romantica passeggiata tra i canali illuminati. Una piadina alla nutella, però, qui in terra d’Emilia, è d’obbligo.

26.4.2014: MONTEGROTTO TERME

Che bel risveglio: apriamo le persiane della nostra camera ed ammiriamo il canale sotto di noi e le belle vie di Comacchio, così tranquille di prima mattina.

Facciamo una buona colazione a buffet nel piccolo giardino coperto della locanda. Anche oggi è una bella e calda giornata di sole. Riprendiamo la moto direzione Chioggia.

E’ la prima volta che visitiamo Chioggia ed è molto ma molto graziosa. E’ un piccolo angolo di Venezia ma più popolare, senza i palazzi eleganti. E’ molto colorata, molto viva, molto animata.

Facciamo un giretto, tra un ponte e l’altro; un passaggio nel corso principale, un giro in moto costeggiando il porto e poi riprendiamo il nostro itinerario.

Una tappa per pranzo a Monselice, che non visitiamo in quanto già vista in passato e, poco dopo, arriviamo a Montegrotto Terme. Qui, sempre tramite booking.com, abbiamo prenotato all’Hotel Terme Millepini. Il nostro hotel, come tutti i numerosi alberghi presenti in questa località, dispone di piscine termali al coperto ed all’aperto fruibili tutto l’anno.

L’hotel è un 4 stelle, con bellissimi e ampi arredi comuni; 1 piscina coperta, collegata ad una più ampia piscina esterna e una terza bellissima piscina esterna incastonata nello splendido giardino in mezzo al verde ed a una rigogliosa vegetazione. Tutte le piscine sono dotate di postazioni idromassaggio, più o meno funzionanti, cascate d’acqua e percorsi kneipp. Bello insomma

  • 3872 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social