Marocco dai mille volti

Viaggio in libertà nelle città imperiali e nella zona nord ovest

Diario letto 5550 volte

  • di moroLi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Marocco dai mille volti

Abbiamo organizzato questo piccolo viaggio (5 gg) in modo da vedere il più possibile della zona nord ovest del Marocco incluse, naturalmente, la città imperiali, ben sapendo che questo comporterà un relativo relax e il dover macinare diversi Km al giorno.

Con queste premesse ci imbarchiamo nel pomeriggio di martedì da Pisa ed appena raggiunto l’aeroporto di Marrakesh ci impossessiamo della vettura che ci scorrazzerà per questi 5 giorni e quindi ci rechiamo a prendere possesso della camera prenotata. L’albergo non è... entusiasmante ma ciò rientrava nelle previsioni: ho già avuto modo di fare delle visite in Marocco e di valutare come i suggestivi ed affascinanti Riad nascondano spesso dei contenuti notevoli di scomodità quali la difficoltà (o in molti casi l’impossibilità ) ad essere raggiunti con l’auto, la confusione che regna nelle medine in cui sono inseriti, la dimensione spesso veramente minimale delle camere e la mancanza di privacy dovuta all’affaccio delle finestre sul ballatoio comune. Considerando che noi dovevamo spostarci in macchina e cambiare sistemazione ogni notte, abbiamo optato per sistemazioni meno “ caratteristiche “ ma più funzionali, concedendoci però almeno una notte in un riad che, dai dati reperiti, sembrava un po meno scomodo del solito (a Meknes). Comunque la prima sera in Marocco inizia con una metà immancabile e senza uguali: piazza Jemaa el Fna. Da molti definita il simbolo dell’intero paese, è sicuramente un modo per fare conoscenza con questo mondo a parte. L’animazione, i suoni, gli odori trasportano all’istante fuori dallo stereotipo di vita occidentale e contribuiscono a far iniziare la conoscenza con uno stile di vita a noi alieno.

Tamburi e flauti che suonano, falò, danzatori, scimmie ammaestrate, incantatori di serpenti, distribuiti nella zona più esterna dell’immensa piazza fanno da corollario alle mille bancarelle illuminate dove sulle panche comuni si trovano a stretto contatto turisti tedeschi con ciabatte e calzini intenti a trangugiare uno spiedino e autoctoni con sorbiscono una zuppa di fave e montone o attingono con le mani da un tajen condiviso con gli amici pezzi di pollo a curry e verdure, il tutto tra i mille colori dei banchi dei venditori di spezie, le montagne di arance dei banchi dei venditori si spremute e la supplica dei mille mendicanti. Uno spettacolo davvero... shoccante. Naturalmente una buona parte degli occidentali, dopo una passeggiata in questa bolgia, si accosta ai margini delle piazza e si sistema in uno dei ristoranti “vistapiazza” dove, con prezzi superiori alla media, si possono assaggiare i piatti tipici..cucinati per i turisti e quindi non poi cosi tipici. Una visita che ogni turista in visita in marocco “deve” comunque fare..prima di immergersi nel dedalo di vicoli della medina o in uno degli incredibili souk (una sorta di primordiale e sconfinato centro commerciale costituito da mille negozietti che vendono mille cose diverse in una animazione inverosimile).

La vista alla medina e ai souck noi la facciamo la mattina seguente, dopo la visita alla piazza torniamo al nostro anonimo albergo di periferia, lasciamo la macchina ad un parcheggio e ci concediamo una proverbiale dormita. Quando visitate la medina, dovreste trovare la forza di rifiutare l’ingaggio ad una delle mille guide che vi attendo ai vari ingressi e che si limiteranno ( previo compenso di 10/20 € ) ad indicarvi che siete nel quartiere ebraico piuttosto che in quello turco, che davanti a voi c’è l’ingresso di una moschea ( in cui non potete entrare ) e, soprattutto a portarvi in uno dei mille negozi dei suoi mille parenti per fare shopping

  • 5550 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social