La Versailles del Marocco

Un viaggio tra le città imperiali del Nord

Diario letto 8570 volte

  • di luplay
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro

Meknès è una città in divenire, piena di cantieri in ogni parte e con una discreta attività imprenditoriale, è verosimilmente destinata ad un radicale cambiamento ed ad un occidentalizzazione già evidente in altre città come Casablanca e Rabat. Tra l’altro, il rinnovamento del tessuto urbano in corso, sembra sia connesso alla decisione presa dalla madre del re di trasferire la propria residenza nel palazzo reale della città.

COSA VEDERE

Tutte le attrazioni principali della città si trovano nel centro storico che è racchiuso da tre differenti cinte murarie rendendo così Meknès una delle città più fortificate di tutto il Marocco. Nel centro storico convivono senza problemi tre diverse etnie: berbera, araba ed ebrea. Anche nelle città marocchine esisteva una sorta di ghetto ebraico con il nome di Mellah . La Mellah era una zona circondata da mura alla quale si accedeva attraverso una porta fortificata e normalmente questo quartiere (come nel caso di Meknès) veniva posizionato vicino al palazzo reale. La parte araba e quella berbera sono nella Medina. La parte araba è sulla destra di piazza El-Hedime con la porta Bab El Monsour alle vostre spalle, mentre quella berbera è sulla sinistra. La visita della città richiede una giornata intera ed è meglio effettuarla con una delle guide autorizzate, possibilmente parlanti italiano. (per chi fosse interessato una guida che parla la nostra lingua è Abdelbuahab Zemmahi – meglio noto come Abdul). Comunque ogni struttura turistica è in grado di procurare una guida ed il prezzo è di 150 dirham per mezza giornata e di 250 per la giornata intera. E’ preferibile chiedere la guida per la sola mattinata pretendendo che la visita venga limitata ai siti turistici, in quanto sicuramente l’accompagnatore tenterà di farvi visitare le botteghe “convenzionate” che poi riconoscono una discreta percentuale sugli acquisti dei turisti. Anche nel caso che si stia facendo un tour organizzato per il Marocco con guida propria c’è da tener presente che nelle Medina possono accompagnare i turisti solo le guide autorizzate, munite di un tesserino identificativo.

Piazza El-Hedime e da Bab El Monsour

La visita alla città inizia da Piazza El-Hedime e da Bab El Monsour che è considerata la porta più bella del Marocco. Bab El Monsour si trova a sud della Medina e significa porta del rinnegato vittorioso prendendo quindi il nome dal cristiano che la progettò. Bab El Monsour è imponente (circa 16 metri di altezza) e reca una preziosa decorazione e viene considerata la porta più bella del Marocco. Ovviamente il colore predominante della porta è il verde, il colore di Meknès. La costruzione della porta fu iniziata sotto il regno di Moulay Ismail e fu completata da suo figlio Moulay Abdellah. Piazza El-Hedime è il cuore pulsante della città antica. La piazza abbastanza ampia è non è gremita come quella di Marrakech, ma nel tardo pomeriggio si anima ed assume un’atmosfera tipicamente medievale con incantatori di serpenti, pseudo alchimisti, giocolieri e suonatori. E così si creano capannelli di curiosi, per la gran parte indigeni, per osservare le gesta più o meno abili di questi artisti Sempre tenendo alle spalle le porte sulla sinistra della piazza ci sono alcuni negozi ed una serie di ristoranti per turisti, decisamente più cari di altri nella città. Sempre dal lato sinistro si accede al mercato coperto alimentare. Il mercato è uno spettacolo da non perdere anche se a volte gli odori non sono proprio fantastici. Nella prima parte si trovano le spezie, i profumi, poi si arriva alla zona dove con una pazienza certosina vengono costruite delle piramidi di olive e di limoni in salamoia con un tripudio di colori. Si trovano poi gli immancabili datteri, i dolci (pieni di mosche) e nel lato opposto la carne con animali vivi a fianco di carni di vario tipo appese all’esterno (in questa parte gli odori non sono dei migliori).

  • 8570 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social