Spello e i monti Sibillini, un tour all'insegna delle emozioni

Dal silenzio del parco nazionale dei monti Sibillini all'atmosfera magica dell'infiorata di Spello

  • di Lara B
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Fino a 500 euro
 

VENERDì 8 GIUGNO – SPOLETO E BEVAGNA

Con una coppia di amici (Francesca e Kemp) partiamo alle 8.30 da Meldola (Forlì), tempo un po' incerto ma caldo. Non perdiamo tempo e ci dirigiamo diretti a Spoleto dove arriviamo poco prima delle 11.00. Parcheggiamo guidati dall'intuito lungo una stradina da cui si scorge il centro storico arroccato e proseguiamo a piedi, siamo fortunati, dopo poche passi troviamo una scalinata che conduce, anche se non molto agevolmente, direttamente in piazza Signoria dove un giardino pubblico terrazzato ci lascia vedere buona parte della vallata oltre ai bellissimi giardini fioriti delle case sottostanti. C'è anche il punto di arrivo di un ascensore pubblico, ma in basso non l'avevamo visto, evidentemente partiva da tutt'altro punto rispetto a dove siamo saliti. Un'ultima rampa di scale e siamo nell'assolata piazza del Duomo, con i suoi edifici in pietra chiara che accecano nella luce del mezzogiorno. Sotto al loggiato del Duomo veniamo travolti da una ventata di aria gelida proveniente dall'interno, ci affacciamo all'ingresso per constatare che l'interno è piuttosto spoglio, quindi, più che altro per paura di prenderci una polmonite, ci allontaniamo per ammirare la facciata e la sua bella balaustra del terrazzo superiore. Attraversiamo la piazza ammirando il Teatro e il Municipio per inoltrarci nel paese, zigzaghiamo per i vicoletti e le stradine lastricate senza meta, o meglio, il Kemp i prova a trovare una meta nella minuscola piantina della guida, ma girala di qua e voltala di là, arriviamo dalla parte opposta del paese che ancora non abbiamo capito esattamente dove siamo.....Troviamo le indicazioni per il teatro romano e le seguiamo: peccato che una volta arrivati lo troviamo chiuso! Girovagando a destra e a manca per questa bella cittadina, torniamo alla scalinata da cui siamo saliti e raggiungiamo l'auto solo per aggiungere soldi al parchimetro così da poter trovare un localino tipico per il pranzo. La scelta cade sulla trattoria del Trivio in via Del Trivio, appunto, l'interno è molto caratteristico con mobili e suppellettili di una volta, arricchiti da addobbi rustici, foto d'epoca e davanzali fioriti di sgargianti petunie, le tovaglie sui tavoli sono a quadretti bianchi e rossi e Kemp e Francesca garantiscono che dove ci sono tovaglie e quadretti si mangia bene. Effettivamente i nostri strangozzi al tartufo sono veramente ottimi e dai mugolii che provenivano dalle bocche piene dei nostri uomini pare che anche il coniglio fosse sublime, solo il conto un tantino salato: 100 euro per quattro primi, due secondi, un dolce, quattro caffè, acqua e vino sfusi. Va bè, poteva anche andar peggio, del resto anche la location vuole essere pagata...

Nel pomeriggio ripartiamo per Bevagna. Il caldo è diventato asfissiante, ma troviamo posto per il parcheggio solo al sole. E' un po' presto ed è ancora tutto chiuso, con estrema lentezza ci incamminiamo per l'unica e più importante strada che attraversa tutto il centro, corso Amendola, inoltrandoci anche nei vicoletti laterali che per la maggior parte delle volte si concludono in splendidi angolini arricchiti dalle splendide composizioni floreali che ogni casetta ha sui balconi, alle finestre o vicino all'ingresso. Raggiungiamo la piazza principale, piazza Silvestri, dove troviamo un po' di refrigerio nella fontana centrale, annusando lo squisito profumo di gelsomini che la invade e ci concediamo una sosta all'ombra su una bella piazzetta terrazzata retrostantela piazza principale su cui si affacciano alcuni barettini con i tavolini all'aperto. Proseguiamo il giro, nonostante il caldo siamo catturati dalla pacata armonia di questo paesello e andiamo alla ricerca dei tanti angolini da fotografare, un balconcino, una meridiana, un insegna strana

  • 13604 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social