Giamaica, il giro dell'isola in 15 giorni

Sette giorni di relax e giro dell'isola da sud a nord, poi zaino in spalla...

Diario letto 21489 volte

  • di Giuli9
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Dopo un anno di duro lavoro, finalmente ci siamo! Trascorsi 5 mesi dall'organizzazione di questo viaggio, studiato nei minimi dettagli, anche con l'aiuto dei diari di viaggio di Turisti per caso e della guida Lonely Planet, è arrivato il fatidico 3 settembre... Il treno ci ha portato a Milano, dove il volo era previsto per la mattina del 4 settembre: la compagnia “Blue Panorama” ci ha fatto volare fino a Montego Bay. Siamo in 4: Giulia, Alessandro, Thomas e Giovannino; zaino in spalla siamo giunti al villaggio prenotato tramite agenzia, dove siamo restati una settimana all'insegna del relax, per affrontare il giro dell'isola nella settimana successiva. Il volo A/R, compreso di spese carburante, ed il villaggio “Legends beachs Resort” a Negril ci sono costati 1238 euro a testa. Il Legends è un villaggio semplice, ma completo, affacciato direttamente sulla Seven miles beach, una spiaggia di sabbia bianca, con un mare estremamente cristallino. Qui abbiamo mangiato bene: ampia scelta di piatti dal gusto tipico del posto, ma anche internazionale.

4 SETTEMBRE

Sistemazione e pernottamento nel villaggio, dopo un'ora e mezzo di viaggio in pullman dall'aeroporto a Negril.

5 SETTEMBRE

Dopo una mattinata di mare e di “no thanks” verso i jamaicani che cercano di venderti un po' di tutto, decidiamo di fare una escursione proposta da un capitano in spiaggia: destinazione l'isola “Booby Cay”, a circa venti minuti dalla spiaggia di Negril. Pattuito il prezzo di 20 dollari testa, (perché con i jamaicani bisogna sempre contrattare prima di cedere alle loro offerte che sono sempre più alte del valore reale; ad esempio, in questo caso,dalla richiesta di 40 dollari siamo arrivati a 20 dollari) salpiamo alla volta di quella che è l'isola utilizzata per le riprese del film della Walt Disney “20000 leghe sotto il mare”. È una piccola isola incontaminata, dove un gruppo di “chef” jamaicani cucina per noi ottime aragoste pescate sul momento al costo di 20 dollari ciascuna.

6 SETTEMBRE

Dopo un giro in acqua-scooter al costo di 35 dollari per 30 minuti, con il taxi ( 5 dollari) arriviamo al famoso Rick's Cafè dove, oltre ai tuffi dei jamaicani e dei turisti, si possono ammirare i più bei tramonti dell'isola e del mondo!

7 SETTEMBRE

Giornata all'insegna del mare con tanto di passeggiata lungo la spiaggia, con soste nei vari locali, tra cui l'Enjoy the Vibes, gestito da Max, un ragazzo italiano, e il Margaritaville, pub presente in altri punti dell'isola; vi consigliamo il daiquiri al mango con l'Appleton Rum.

8 SETTEMBRE

Relax sotto il sole; unica eccezione, una piccola disavventura con due jamaicani che si sono spacciati per poliziotti. Ricordate che sono poliziotti solo coloro che indossano una uniforme con camicia bianca, pantalone nero, cappello e distintivo!

9 SETTEMBRE

Accanto all'Enjoy the Vibes vive Bobo Rasta, un jamaicano di cui ci si può davvero fidare; non abbiate timore a chiedergli qualunque cosa, da un passaggio in macchina ad altro di cui avete bisogno. Noi siamo stati spesso da lui, anche per una semplice birra. La sera vengono organizzati concerti reggae in spiaggia; i locali più attivi sono l'Alfred's e il Roots Bamboo; la discoteca più gettonata è il The Jungle, sul lato della strada.

10 SETTEMBRE

Ultimo giorno nel villaggio... Decidiamo di provare l'ebrezza del parasailing, propostoci da un jamaicano mentre eravamo immersi nel caldo mare dei Caraibi! Una barca ci è venuta a prendere direttamente davanti al villaggio, portandoci al punto di partenza dell'escursione. Costo: 45 dollari a testa. Esperienza sicuramente da provare, per ammirare le splendide sfumature di colore del mare e la lunga spiaggia bianca visibili dall'alto.

La nostra settimana da sedentari è ormai finita: zaino in spalla inizia la tanto sognata avventura alla scoperta della vera Jamaica. Si tratta di un tour organizzato da casa con l'aiuto di internet e della guida Lonely Planet; la nostra intenzione era quella di vivere le persone, i luoghi, i cibi e le atmosfere che questa isola offre fuori dalla turistica Negril, meta di solito proposta dalle agenzie

  • 21489 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social