Minorca: unica, diversa, sorprendente

Una vacanza tra mare, spiagge e relax

Diario letto 43708 volte

  • di percy
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro

Dopo una settimana di attesa dalla prenotazione in agenzia eccoci pronti a partire verso il territorio più orientale delle Baleari: Minorca.

Partiamo da Milano alle 12:35 con Air Italy e, dopo circa un'ora e mezza di volo, atterriamo nel piccolo aeroporto di Mahon, capitale dell'isola.

Ad attenderci, puntuali, ecco i ragazzi del T.o. Albatour, che ci portano verso il nostro hotel situato a Cala'n Blanes, nei pressi di Ciutadella (20 km da Mahon). L'hotel situato sulla costa occidentale dell'isola, immerso nel verde dei pini marittimi, si affaccia direttamente sulla piccola caletta omonima e dispone di 102 camere.

L'isola ci appare subito meravigliosa: bianche case contrastano con l' azzurro del mare ed il verde dei pini.

Minorca è per dimensione la seconda isola dell'Arcipelago delle Baleari con 702km. Dichiarata Riserva della Biosfera dell'UNESCO, l'isola può essere divisa in due zone: la parte nord caratterizzata da spiagge rossicce con materiali silicei e, quella sud, da noi preferita, caratterizzata da spiagge di sabbia bianca ed acque turchesi. Al centro dell'isola apparentemente piatta, sorge il punto più elevato: il Monte Toro che, con i suoi 358 m di altezza domina tutta Minorca.

E' il 24 di giugno e a Ciutadella si concludono i festeggiamenti per la famosa Fiesta de S.Joan, quindi decidiamo di cenare presto per raggiungere velocemente la vicina città. Dopo una ricca cena ci dirigiamo verso la fermata dell'autobus 61 che, in pochi minuti (4km) ci porta direttamente al centro di Ciutadella (€2,00 in occasione della festa, giorni lavorativi €1,50). Appena scesi dall'autobus, veniamo accolti da un'immensa folla di persone che cantando e ridendo sorseggiano il famoso gin minorchino. Durante le giornate del 23 e del 24 giugno le strade vengono coperte di sabbia e vengono adornate di luci. Entusiasti per partecipare ad una delle feste più sentite dell'isola, riusciamo a farci spazio tra la folla ed a conquistarci due posticini in una parte rialzata nella es pla de S.Joan, nella parte finale del porto, dalla quale possiamo avere un'ottima visuale.

Eccoli che arrivano, sono loro i Caixers! I Caiaxers, i cavalieri, sono i principali protagosnisti della festa; essi formano la giunta della confraternita di S. Giovanni ed hanno il compito di vegliare sullo svolgimento perfetto della festa. Finalmente dopo una bella sfilata, hanno inizio i famosi giochi equestri. Per primo assistiamo al gioco de s'ensortilla, nel quale un cavaliere armato di lancia deve riuscire ad infilare al galoppo dei piccoli anelli che pendono da una corda; successivamente viene il gioco de ses carotes, in cui sempre al galoppo, due cavalieri rompono degli scudi di legno e, come conclusione assistiamo al gioco de correr abracats, dove coppie di cavalieri correndo abbracciati passano al galoppo tra la folla umana. I giochi terminano con il lancio di nocciole e con i fuochi d'artificio.Si è fatto tardi, la stanchezza comincia a farsi sentire e, decidiamo di ritornare verso il nostro hotel.

Il giorno seguente lo dedichiamo all'assoluto relax e, decidiamo quindi di fermarci sulla spiaggia di Cala'n Blanes.

E' l'alba del 26 giugno, la sveglia suona presto perchè oggi ci aspetta una giornata indimenticabile: una crociera alle "spiagge vergini" (€53), considerate da molti le spiagge migliori dell'isola. Partiamo in mattinata dall'hotel in bus verso il porto turistico di Ciutadella dove ci imbarchiamo su una tipica golondrina e, navighiamo verso la costa sud dell'isola alla scoperta delle bellissime spiagge di Son Saura, Cala Turqueta e Macarella. Mentre navighiamo verso la nostra prima meta sotto un meraviglioso sole che si riflette nelle acque cristalline, ecco che due marinai si avvicinano con una strana ampolla contenente la famosa Pomada, bevanda tipica di Minorca costituita in parte da gin ed in parte da limonata e, con lo stupore di tutti noi per l'orario, incominciano ad offrircela. Dopo aver costeggiato la parte sud di Minorca eccoci arrivare nei pressi della bella spiaggia di Son Saura. Qui la nostra imbarcazione si avvicina alle rocce e dopo aver attraccato, ci dà la possibilità di scendere e di dirigerci verso la spiaggia. Son Saura è formata da due arenili ed è la prima delle serie di spiagge vergini a sud di Ciutadella. La spiaggia è circondata da una densa pineta con una sabbia bianchissima e acque trasparenti. Davanti ai nostri occhi, uno scenario quasi tropicale: la sabbia bianca, fine, e l'acqua cristallina sono così invitanti che non esitiamo a tuffarci. Questo è il posto ideale per chi vuole godersi una giornata di sole in totale tranquillità Dopo una pausa di circa un'ora e mezza eccoci nuovamente a bordo... è l'ora di pranzo ed i nostri cari marinai ci hanno preparato un'ottima paella. Ripartiamo verso le spiagge di Macarella e Cala Turqueta... luoghi di impareggiabile bellezza. Le spiagge si presentano una più bella dell'altra. E' ormai sera e soddisfatti ritorniamo al porto di Ciutadella dove ci aspetta il bus che ci riaccompagnerà in hotel.

Dopo una cena all'insegna di pesce fresco, eccoci pronti per "esplorare" i dintorni. La nostra passeggiata dura a piedi solo dieci minuti ed ecco che seguendo un percorso pedonale arriviamo nel vicino paese di Los Delfinos, dove sorgono una miriade di negozietti stracolmi di oggetti d'artigianato locale. Qui abbiamo avuto modo di comprare le famose Abracas de Menorca

  • 43708 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social