Il Messico a colori

Da Mexico DF, Chapas, Campeche, Yucatan, Quintana Roo alle belle spiaggie della Riviera Maya e di Isla Mujeres

  • di ashante
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Siamo una famiglia di tre persone: mio marito Stefano, nostro figlio Davide e naturalmente io. Da tempo valutavamo l’ipotesi di una vacanza in Messico e all’inizio di quest’anno l’idea finalmente ha preso forma.

A gennaio contattiamo un’agenzia locale di Playa del Carmen “Karmatrails” e la nostra referente è Veronica una ragazza italiana che in breve tempo ci fornisce il programma dettagliato del viaggio: tour di 9 giorni (8 notti) con guida italiana per finire con soggiorno mare a Playa del Carmen e Isla Mujeres.

La Karmatrails non fornisce i biglietti aerei perciò acquistiamo autonomamente in agenzia (compagnia IBERIA) i voli per le tratte Bologna-Madrid, Madrid-Città del Messico e il ritorno Cancum-Città del Messico, Città del Messico-Madrid, Madrid-Bologna e in quell’occasione stipuliamo con l’agenzia un’assicurazione “annullamento viaggio” che in caso di mancata partenza prevede il 75% del rimborso dei biglietti aerei fino il giorno prima della stessa. Ci rivolgiamo ad Europe Assistance per analoga assicurazione per quanto riguarda il tour e soggiorno mare e in prossimità della partenza concordiamo anche un’assicurazione sanitaria.

Per recarsi in Messico non è richiesto nessun tipo di vaccinazione, noi, però per scrupolo decidiamo per la vaccinazione antitifica.

In valigia mettiamo indumenti prettamente estivi, abbigliamento mare e su consiglio dell’agenzia una felpa e una giacchetta essendo Città del Messico e il Chiapas a 2000 m. di altitudine di sera può fare fresco, repellenti (Autan Tropical) per le zanzare e scarpe da trekking leggere.

Il nostro viaggio inizia l’8 aprile e dopo 18 ore di volo arriviamo a Città del Messico alle 18.30 circa ora locale (7 ore indietro rispetto l’Italia).

Siamo davvero stanchi, la giornata è nuvolosa ed è quasi buio. Usciamo dall’aeroporto Benito Juarez International e ad attenderci c’è Maria la nostra guida a Città del Messico. Saliamo sulla sua auto e mettendoci nel caos della città veniamo accompagnati all’ hotel Hampton Inn (faremo qui tre pernottamenti) situato in centro a pochi metri dalla Piazza dello Zocalo. L’appuntamento per il giorno successivo è alle ore 8.30.

Oramai fuori è buio, l’idea di uscire per cenare non ci entusiasma, che si fa?? Andiamo a letto!! Finalmente….siamo esausti ma con tanta gioia nel cuore.

9/4

Facciamo colazione e alle 8.30 puntuale arriva la guida, siamo pronti, zaino in spalle e reflex digitale alla mano. La giornata è soleggiata, si sta bene e con il morale altissimo ci dirigiamo a piedi al Palazzo Nazionale per vedere nel suo interno i murales di Diego Rivera raffiguranti i miti e le fasi della civiltà messicana. Sono bellissimi, con colori davvero vivaci, rimango incantata e la reflex come per magia comincia a scattare… scattare.

Vediamo poi il Tempio Mayor che secondo la credenza Atzeca questo luogo coincideva con il centro dell’universo e infine la Piazza dello Zocalo una delle piazze più grandi del mondo con la sua Cattedrale Metropolitana dedicata all’Assunzione della Vergine Maria.

E’ quasi l’ora di pranzo e a mezzogiorno abbiamo l’entrata già prenotata alla Casa Museo Frida Kahlo perciò sempre con la nostra guida saliamo in auto e ci dirigiamo nel quartiere Coyoacan a 10 km. a sud del centro. La casa tutta colorata di azzurro “Casa Azul” con bellissimi giardini attorno nel suo interno ospita stanze con utensili, oggetti, abiti di Frida e qui in questo luogo l’artista ha vissuto il suo tempestoso rapporto con il marito Diego Rivera

  • 19427 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social