Yucatan fai da te

Relax e divertimento tra Playa del Carmen, Xcaret e Cobà con bambini al seguito

  • di desertrose
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Avevamo già scoperto in Grecia i vantaggi, non solo economici, del viaggio “fai da te” ma l'esperienza transoceanica ci intimoriva un poco. Abbiamo scelto lo Yucatan perchè già lo conoscevamo per esserci andati 15 anni fa in viaggio di nozze, ed è una meta completa: cultura, mare e divertimenti. Così abbiamo deciso di tornarci con i nostri figli, di 7 e 10 anni.

Siamo partiti da Milano e atterrati a Cancun con un volo di linea Air-Europa, con scalo a Madrid. Nonostante lo scalo ci preoccupava si è invece rivelata un'ottima sosta per un veloce pasto e per spezzare le lunghe ore di volo. Dopo aver sbrigato le formalità della dogana, siamo usciti dall'aeroporto e nonostante le 21.00, ora locale (per noi le 2 di notte) ci ha assalito un caldo umido intenso. Abbiamo subito trovato il ragazzo ad aspettarci che reggeva un foglio con il nostro cognome, utilizzato mesi prima per la prenotazione. Ci ha subito portato al nostro minivan e via, verso Playa del Carmen, dove avevamo prenotato al Viva Azteca, classico resort all inclusive a Playacar. Il transfer si è rivelato comodo e piacevole ed in circa un'ora siamo arrivati al resort. Sbrigate le formalità del chek in siamo andati subito in camera, tutti distrutti dal jet lag e dalle ore di volo. L'indomani eravamo tutti svegli prestissimo ed all'alba siamo andati alla scoperta del mare e del resort. Faceva già talmente caldo che sin dal primo giorno abbiamo preso l'abitudine di fare un bagno nella piccola e calda piscina prima di fare colazione. Il mare invece era stata una piccola delusione perchè all'entrata in acqua presentava una coltre di alghe scure da superare. Ci avevano segnalato che per l'abnorme caldo e per la mancanza di piogge vi era stata questa anomala fioritura di alghe, per nostra fortuna in fase di smaltimento, tanto che gli ultimi giorni era tornato perfettamente limpido, trasparente e con tutte le gradazioni dell'azzurro.

Dopo esserci crogiolati nel resort per tre giorni di assoluto relax, abbiamo deciso che era giunto il momento di fare una grande escursione che avrebbe catturato l'entusiasmo dei bambini: EXCARET. Abbiamo prenotato l'entrata al parco, incluso “comida” e bevande, in una agenzia di viaggi locale, all'entrata di Playa del Carmen. Ci era stata consigliata dalla collega di mio marito già presente in loco e che aveva noleggiato una bellissima casa vacanza a 10 minuti dal nostro resort. Quindi, il giorno prefissato, siamo andati prima in minivan a Playa e poi, dopo aver atteso tutti i partecipanti, con il pullman fino al grande parco di Excaret. Questi lunghi tempi morti non ci sono piaciuti, quindi consiglio di andare fino al parco in Taxi visto che non è molto lontano (circa una ventina di KM) ed è poco costoso, soluzione che abbiamo adottato per il ritorno. Che dire, Excaret è tutto: un parco divertimenti, con flora e fauna di tutti i generi ed un summit di cultura maya. Innanzitutto appena entrati abbiamo subito prenotato per Riccardo e Alice il bagno con i delfini e il bagno con squali e razze. I prezzi sono altissimi, soprattutto se si attinge da un unico portafoglio, ma l'esperienza è unica ed in quanto irripetibile si decide di farla. Abbiamo percorso tutto il parco e abbiamo iniziato con il percorso acquatico dei cenotes. I percorsi erano tre ed abbiamo optato per quello misto, parzialmente nel canyon aperto e parzialmente in grotta. L'acqua era fredda ed il percorso acquatico, trascinati dalla corrente, era molto suggestivo. Il tratto al buio completo in grotta era stato anche abbastanza terrificante

  • 22211 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social