Natale in Messico

Viaggio attreverso il Messico Da Città del Messico a Isla Mujeres

Diario letto 6628 volte

  • di MariaCornelia
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

Io e il mio fidanzato partiamo il 26 dicembre per il nostro primo viaggio in America Latina: le aspettative sono tante ma anche i timori... visto il periodo di alta stagione abbiamo deciso di prenotare gli alberghi dall'Italia circa 20 giorni prima in modo da non dover sprecare tempo alla ricerca di una sistemazione visto il poco tempo a disposizione per raggiungere Isla Mujeres partendo dalla Capitale. Appena arrivati ci immergiamo nell'enorme Città del Messico che scopriamo subito essere davvero molto grande ma molto, molto efficiente: la metropolitana costa appena 3 pesos e c'è circa una corsa ogni due minuti...altro che l'Atm di Milano! La città è affollata e presidiata dalla polizia, fa molta impressione vedere nella piazza centrale la pista per il pattinaggio e per il gatto delle nevi per i bambini, così come le renne attaccate ai balconi delle case, con quei gradi e a quella latitudine non me li aspettavo... Il nostro hotel - Posada Viena - con personale gentile e belle camere, si trova nella zona Rosa, una zona tranquilla ma non centrale e priva di grosse attrattive. La città riserva sorprese soprattutto se ci si lascia alle spalle l'affollatissimo ma colorato centro. Degni di nota i murales di Diego Rivera sparsi per i bei palazzi governativi e la piazza del quartiere di Coyocan (residenza di Frida Kahlo), tutto un'altro mondo...Per poter raggiungere in tempo Cancun per il volo di ritrorno siamo costretti a prendere un volo da Città del Messico a Tuxla Gutierrez...confesso che sono un po' in agitazione, l'arrivo a Tuxla (Chiapas) è prevista per le 22.15 e non ho idea di come potremo fare a raggiungere il nostro Hotel La Ceiba a Chiapa de Corzo (30 min dall'aereoporto).

Anche qui mi devo ricredere, ad aspettarci c'è un servizio taxi che si paga al banco dei check in con tariffa prepagata. Perfetto! arriviamo alla Ceiba alle 23.00 bell'hotel con piscina ma con prezzi decisamente occidentali. La piccola città è un gioiello coloniale affacciata sul fiume da cui si parte per l'escursione al Canyon del Sumidero, i pochi turisti che rimangono la sera la rendono incantevole e familiare, unico problema che essendo poco turistica i ristoranti chiudono alle 18.00...ci si deve quindi affidare senza timore alle Cucine economiche come abbiamo fatto noi, uscendone soddisfatti! Il Canyon è molto suggestivo, peccato per la quantità di plastica proveniente da Tuxla che la nostra barca è costretta a schivare lungo il percorso. Nel pomeriggio ci lanciamo alla ricerca della Sima de las Cotorras...purtroppo non riusciamo a raggiungerla dopo un estenuante giro a piedi per Tuxla città calda e caotica, vero centro commerciale della regione. I collectivos servono perfettamente la città con i piccoli centri urbani, sono frequenti ma non velocissimi in quanto i conducenti si fermano appena possono a caricare persone... Con un collectivos raggiungiamo il giorno dopo San Cristobal de las casas, bella città anche se il turismo di massa incomincia a lasciare i segni nella via pedonale con caffè e ristoranti per soli turisti, compreso il Centro culturale dell'EZNL - Tierra Dentro, un bel ristornate in cui servono pizza e spaghetti ai frutti di mare, molto lontano dalla povertà dei campesinos del Chiapas. Il nostro albergo si chaima Posada de la Media Luna, bella posizione centrale in una casa tipica con patio all'interno. Da li partiamo con i collectivos per San Juan Tamula, paese di una comunità per nulla integrata con il resto del Messico. La chiesa centrale in cui non si possono fare fotografie, è molto suggestiva per gli aghi di pino sparsi sul pavimento e le mille candele accese da ogni parte. La visita è però consigliabile farla con una guida, la popolazione molto molto povera non vede di buon occhio i turisti anche se la principale fonte di sostentamento. Molto bello l'artigianto locale, consiglio di effettuare qui gli acquisti, sulla costa tutto sarà triplicato nel prezzo. Il giorno dopo visitiamo le cascate di El Chiflon meta dei messicani per il tradizionale pic nic del primo gennaio, quindi visitiamo con la guida anche i laghi di Montebello al confine con il Guiatemala che però non ci entusiasmano...Il giorno dopo partiamo per Palenque in Autobus, viaggio perfetto in mezzo alla giungla, peccato per la quantità di topes, i dossi, per rallentare la velocità disseminati praticamente ogni 500 m che rallentano non poco il viaggio. Le rovine di Palenque sono molto affascinanti, clima però molto umido e caldo e con frequenti rovesci anche in inverno, decidiamo quindi di prendere l'autobus per Tulum la sera stessa. Da notare che i depositi bagagli alle stazioni sono efficienti e assolutamente sicuri. Il nostro autobus arriva con 3 ore di ritardo...poco male, appena saliti dormiamo benissimo fino al mattino dopo. Arriviamo la mattina a Tulum Pueblo, una cittadina non degna di nota in quanto si sviluppa ai bordi della statale, per raggiungere la spiaggia e gli hotel bisogna assolutamente prendere un taxi. La nostra Cabana si chiama Hamaca Loca, praticamente l'ultima struttura lungo la spiaggia a 8 km dal centro. Visto che di inverno fa buio alle sei ci ritroviamo immersi nel buio senza luci e senza strutture per poter mangiare...per fortuna i taxi passano frequntemente. Una corsa in taxi fino al centro costa 100 pesos, noi abbiamo usato qualche volta l'autostop modo economico e divertente per conoscere tanta gente da ogni parte del mondo! conviene comunque prendere una cabana più vicina al centro per risparmiare tempo energie. Spiaggia molto bella ma non altrettanto il mare, che non invoglia a tuffarsi visto il vento e le onde dell'oceano...da visitare i cenotes e la riserva della Biosfera di Sian k'han. La nostra guida del Sian khan community tour è molto brava e appassionata. buono il pranzo e la frutta che ci vengono offerti sulle rive della spledida laguna, deludente invece il piccolo giro nella foresta in cui ci sono poche speranze di vedere animali...ci spostiamo quindi volentieri verso la nostra ultima meta, Isla Mujeres un'isola caraibica con spiaggie bianche e mare cristallino. Il nostro Hotel è il Villa Kiin direttamente sulla magnifica Playa Norte, non si tratta proprio di Cabana come a Tulum ma le camere si affacciano su un bel giardino pieno di amache. Peccato per l'orrendo hotel che hanno costruito proprio in fronte...una pena per gli occhi in mezzo a quella meraviglia. Per cena invece consigliamo il poco turistico ( si fa per dire) Ristorante Poc - Chuc, molto meglio che i locali nell'affollata e rumorosa via centrale. Isla mujeres è un ottima scelta rispetto a Isla Cozumel, troppo frequentata e piena di orrendi palazzi. L'isola è comunque invasa dagli americani...bisogna sopportarli..

  • 6628 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social